Questa pagina è semiprotetta. Può essere modificata solo da utenti registrati

Filippo Maria Bressan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Filippo Maria Bressan (Este, 28 novembre 1957[1]) è un direttore d'orchestra e direttore di coro italiano.

Biografia

Si avvicina alla musica cantando nel coro di voci bianche della Basilica di Sant'Antonio di Padova e studiando pianoforte. Determinanti saranno gli incontri con il maestro Giovanni Acciai e il maestro Jurgen Jürgens del quale diventerà assistente. Ha seguito inoltre numerosi corsi con diversi maestri, tra i quali John Eliot Gardiner e Ferdinand Leitner, andando a studiare a Vienna con Karl Österreicher.[2][3]

Ha fondato nel 1993 l'Athestis Chorus & Orchestra e l'orchestra Accademia de li Musici, complessi vocali e strumentali specializzati nel repertorio barocco.[4] Ha collaborato con l'Orchestra sinfonica nazionale della RAI, Wiener Akademie, Orchestra regionale toscana, Orchestra di Padova e del Veneto, Camerata Strumentale Città di Prato, Orchestra da Camera di Mantova, I Virtuosi Italiani e molte altre.

Dal 2006 è membro del comitato scientifico della Fondazione Gioachino Rossini di Pesaro.

La direzione d'orchestra e l'opera

Direttore stabile dell'Orchestra Sinfonica di Savona, direttore musicale dell'Orchestra dell'Accademia di Schio (denominata successivamente Orchestra Jupiter),[5] è stato direttore ospite per cinque anni al Teatr Wielki di Poznań, per due anni al Teatro Lirico di Cagliari,[6][7] direttore principale dell'Academia de li Musici e attualmente di Voxonus. Ha diretto la Saint Petersburgs State Academic Symphonic Orchestra,[8] l'Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI di Torino, l'Orchestra e il Coro dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l'Orchestra e il Coro del Teatro La Fenice di Venezia.

La passione per il coro

Con i complessi corali da lui diretti ha vinto cinque primi e due secondi premi in concorsi nazionali e internazionali e ha ricevuto il premio della critica musical, a Gorizia nel 1994, il premio Chiavi d'argento a Chiavenna nel 2004 e il premio come miglior direttore d'orchestra a Tours nel 2016.

Nel 2000 viene invitato a ricoprire l'incarico di Maestro del Coro dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma, succedendo a Norbert Balatsch.

Ha diretto molte altre formazioni corali, tra cui il Coro Giovanile Italiano dal 2003 al 2005, il World Youth Choir in una serie di concerti in Belgio nel 2005, il Coro Giovanile Nazionale Norvegese e Francese, l'Estonian National Male Choir. Ha collaborato in diversi progetti per conto di Feniarco, ECA-Europa Cantat, IFCM. Nel 2005 ha fatto parte della giuria dell'International Competition for Choir Conductors "Mariele Ventre" di Bologna.[9] Dal 2014 ha un incarico triennale per la direzione del Choeur National des Jeunes. È docente di direzione di coro per didattica della musica in Conservatorio dal 1995, prima a Bari e attualmente al "Nino Rota" di Monopoli.[10]

Discografia

  • Concerto per violino e orchestra n.1 op.26 di Max Bruch - Sinfonia n.3 in la min. op.56 “Scozzese” di Felix Mendelssohn B. : Edoardo Zosi, violino - Orchestra Filarmonica di Torino - Filippo Maria Bressan, direttore - Amadeus (Italia, Febbraio 2012)
  • Messa per San Marco di Baldassarre Galuppi: Athestis Chorus & Academia de li Musici - Filippo Maria Bressan, direttore - Chandos Records (Great Britain, 2003) Prima esecuzione mondiale
  • La Resurrezione di Lazzaro di Antonio Calegari: Athestis Chorus & Academia de li Musici - Filippo Maria Bressan, direttore - Chandos Records (Great Britain, 2001) Prima esecuzione mondiale
  • Arianna di Benedetto Marcello: Athestis Chorus & Academia de li Musici - Filippo Maria Bressan, direttore - Chandos Records (Great Britain, 2000) Prima esecuzione mondiale
  • Requiem di Benedetto Marcello: Athestis Chorus & Academia de li Musici - Filippo Maria Bressan, direttore - Chandos Records (Great Britain, 1999) Prima esecuzione mondiale
  • Vespro della Beata Vergine Maria di Pier Francesco Cavalli: Athestis Chorus, Schola Gregoriana Ergo Cantemus - Filippo Maria Bressan, direttore - Tactus (Italia, 1998) Prima esecuzione mondiale
  • Isolamenti 1938-1945 Vol. 5: Gian Francesco Malipiero, Viktor Ullmann, Karl Amadeus Hartmann - Athestis Chorus - Filippo Maria Bressan, direttore - Nuova Fonit Cetra (Italia, 1996)
  • Arias for Rubini - Rossini, Bellini, Donizetti: Juan Diego Florez, Coro e Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia - Filippo Maria Bressan, maestro del Coro - Roberto Abbado, direttore (Decca, 2007)
  • Pezzi sacri di Giuseppe Verdi : Coro e Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia - Filippo Maria Bressan, maestro del coro - Myung-Whun Chung, direttore (Deutsche Grammophon, 2000)
  • Die Schöpfung (La Creazione) di Franz Joseph Haydn: Athestis Chorus, Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai - Filippo Maria Bressan, maestro del coro - Jeffrey Tate, direttore - Rai (Italia, 2000) Premio Abbiati 2000

Note

  1. ^ Modifiche graduatorie - DIREZIONE DI CORO E REPERTORIO CORALE PER DIDATTICA DELLA MUSICA (PDF), Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca. URL consultato il 20 ottobre 2017.
  2. ^ Bressan | MITO SettembreMusica - Festival internazionale della Musica Torino Milano, mitosettembremusica.it. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  3. ^ Pilippo Maria Bressan (Conductor) - Short Biography, su www.bach-cantatas.com. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  4. ^ Settembre musica, http://www.comune.torino.it/settembremusica/progsala/sala2002/pdfprogr/14-9-02pom.pdf.
  5. ^ Bressan nuovo direttore d'orchestra dell'Accademia musicale «Più attenzioni da istituzioni locali», in www.ilgazzettino.it. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  6. ^ «Eroica» al Lirico, svetta l’originalità di Filippo Bressan, comunecagliarinews.it.
  7. ^ Al teatro Lirico un Bressan in stato di grazia, lanuovasardegna.gelocal.it.
  8. ^ Filippo Maria Bressan, Conductor, philharmonia.spb.ru.
  9. ^ Fondazione Mariele Ventre, su www.marieleventre.it. URL consultato il 22 ottobre 2017.
  10. ^ Filippo Maria Bressan, su conservatoriodimonopoli.org. URL consultato il 26 agosto 2017.

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF: (EN169542446 · LCCN: (ENno96045119 · ISNI: (EN0000 0004 0689 8667 · GND: (DE13521761X