Filippo diacono

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Filippo (diacono))
San Filippo diacono
San Filippo diacono
San Filippo diacono

Diacono

Nascita I Secolo d.C.
Morte Cesarea, I Secolo d.C
Venerato da Tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza 11 ottobre

Filippo (I Secolo d.C - Cesarea, I secolo d.C) era uno dei sette diaconi scelti dopo la Pentecoste affinché si prendessero cura delle vedove e dei poveri, consacrati dagli apostoli con l'imposizione delle mani.

Dopo il martirio di Stefano, Filippo evangelizzò la Samaria, con grande successo, e perciò fu chiamato l'evangelista. In particolare, convertì Simon mago.

Spinto da un angelo del Signore sulla strada di Gerusalemme a Gaza, vi incontrò un Etiope, eunuco della regina Candace che strada facendo leggeva il poema del profeta Isaia sul Servo sofferente del Signore. Filippo spiegò all'Etiope che la profezia riguardava Gesù: l'eunuco si convertì e ricevette subito il battesimo.

Proseguendo nel suo viaggio, Filippo predicò ad Azoto (oggi Ashdod), prima di stabilirsi a Cesarea marittima.

Intorno all'anno 58, Paolo e Luca, alla fine del terzo viaggio missionario, gli fecero visita: egli aveva quattro figli e vergini che profetavano. È forse a casa sua che ebbe luogo l'incidente di Agabo. La tradizione fa del diacono Filippo il vescovo di Lidia.

Secondo la tradizione maggioritaria, Filippo morì a Cesarea marittima. Un'altra tradizione, però, lo vuole primo vescovo di Tralle di Asia.

È venerato come santo da tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi; la Chiesa cattolica lo ricorda l'11 ottobre.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]