File INI

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
File di inizializzazione
Estensione .ini, .cfg, .conf, .txt

Un file di inizializzazione, o file INI, è un formato di file testuale utilizzato da numerosi programmi per la memorizzazione delle opzioni di funzionamento dei programmi stessi. La convenzione sull'utilizzo dell'estensione INI risale alle prime versioni di Microsoft Windows; a partire da Windows 95, questo sistema operativo ha tuttavia preso le distanze da questo formato di file, a favore del registro di sistema; il formato di file invece è ancora attuale, per via del gran numero di applicazioni che ne sfrutta il più o meno consolidato standard. L'API di Windows fornisce tutte le funzioni necessarie per gestire in maniera semplice file INI dall'interno di un'applicazione.

Formato[modifica | modifica sorgente]

Fra i motivi della sua diffusione, il formato di file INI vanta una facile interpretabilità dall'uomo, essendo un formato di file testuale. Un esempio:

[Sezione1]
; Un commento su questa sezione.
Parametro1 = Questo è un valore assegnato, come quello seguente.
Parametro2 = 1

[Sezione9]
; Un altro commento.
Parametro1 = Altro esempio...
Parametro2 = ...e l'ultimo.

Il file risulta evidentemente suddiviso in due sezioni, una denominata Sezione1 e l'altra Sezione2; all'interno di ognuna (a seguito cioè delle rispettive dichiarazioni d'inizio) sono presenti i valori delle impostazioni d'inizializzazione richiesti dal programma, con la possibilità di inserire commenti.

Ricapitolando:

  • Una sezione inizia con la dichiarazione del suo nome racchiuso fra parentesi quadre ('[' e ']').
  • L'assegnazione di un valore ad un parametro di una sezione si effettua con un'assegnazione matematica (variabile = valore) a seguito della dichiarazione della sezione. Solitamente, caratteri di spaziatura intorno al simbolo di uguaglianza ('=') sono ignorati.
  • Una riga che inizia con un punto e virgola (';') è considerata un commento, ed in quanto tale ignorata.

Disomogeneità[modifica | modifica sorgente]

Sebbene la specifica di Microsoft sia ben definita, esistono alcune varianti al formato di file standard, riguardanti perlopiù la definizione dei valori dei parametri. Ecco le più diffuse deviazioni dallo standard:

  • Alcuni programmi, come Samba, considerano commenti le righe che iniziano per punto e virgola (';') o per cancelletto ('#'); sono previsti anche commenti alla fine delle righe di valorizzazione dei parametri, con vari formati.
  • In alcune implementazioni, l'aggiunta di una barra rovesciata ('\') alla fine di una riga di valorizzazione indica il proseguimento di quest'ultima sulla riga successiva. Alcune ulteriori deviazioni dallo standard permettono di inserire sequenze di escape all'interno dei valori, come '\n' per intendere un avanzamento di riga.
  • In caso di duplicazione del nome di una sezione, il programma può interpretare la seconda definizione come una ridefinizione dei parametri precedentemente definiti o, in caso di assenza di conflitti fra le valorizzazioni dei parametri, semplicemente unire le due dichiarazioni di sezione. Questo comportamento varia da programma a programma.
  • Qualche implementazione permette di utilizzare i due punti (':') al posto del simbolo di uguaglianza ('=').

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Leggere e scrivere file INI con visual basic .NET

informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica