Figlie del Sacro Cuore di Gesù

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le Figlie del Sacro Cuore di Gesù (in spagnolo Hijas del Sagrado Corazón de Jesús) sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio: le suore di questa congregazione pospongono al loro nome la sigla H.S.C.J.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

María Venegas de la Torre, prima superiora generale della congregazione

La congregazione venne fondata da Atenógenes Silva y Álvarez Tostado (1848-1911), canonico cattedrale a Guadalajara (poi vescovo di Colima e Michoacán), assieme a cinque sue penitenti che avevano manifestato l'intento di abbracciare la vita religiosa: il 2 febbraio 1886 aprirono a Guadalajara l'ospedale gratuito del Sagrado Corazón, per l'assistenza ai malati cronici poveri.[2]

Nel 1905 entrò nella congregazione María Venegas de la Torre (1868-1959), che venne eletta superiora nel 1921 e diede un notevole contributo all'organizzazione e alla diffusione dell'ancor giovane istituto, tanto da esserne considerata cofondatrice. La Venegas redasse anche le prime costituzioni delle Figlie del Sacro Cuore, approvate dall'arcivescovo di Guadalajara José Francisco Orozco y Jiménez il 26 luglio 1930. L'istituto ha ricevuto il pontificio decreto di lode il 26 luglio 1930.[2]

Beatificata nel 1992, la Venegas de la Torre è stata canonizzata da papa Giovanni Paolo II il 21 maggio 2000.[3]

Attività e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Le Figlie del Sacro Cuore si dedicano all'assistenza agli infermi, all'educazione religiosa e all'apostolato missionario.

Oltre che in Messico, sono presenti in Guatemala, nell'Honduras e in Guinea;[4] la sede generalizia è a Guadalajara.[1]

Al 31 dicembre 2005 l'istituto contava 188 religiose in 30 case.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2007, p. 1681.
  2. ^ a b DIP, vol. III (1976), col. 1686, voce a cura di G. Pettinati.
  3. ^ Tabella riassuntiva delle canonizzazioni avvenute nel corso del pontificato di Giovanni Paolo II, vatican.va. URL consultato il 9-10-2009.
  4. ^ María Concepción Dávalas, La profonda spiritualità della prima donna messicana che sarà proclamata santa, L'Osservatore Romano del 21 maggio 2000, paginecattoliche.it. URL consultato il 9-10-2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo