Figli di Pietro I di Russia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Pietro I di Russia.

La famiglia di Pietro I

I Figli di Pietro I di Russia sono i figli dell'imperatore russo Pietro I Romanov che egli ha avuto sia dalla prima moglie, Evdokija Lopuchina che dalla seconda, Caterina Skavronskaya (Marfa Skavronskaya). La maggior parte di essi morì durante l'infanzia.

Figli di Evdokija Lopuchina[modifica | modifica wikitesto]

Аlessio[modifica | modifica wikitesto]

Aleksej Petrovič
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Aleksej Petrovič Romanov.

Lo zarevic Aleksej Petrovič (Mosca, 18 febbraio 1690 - San Pietroburgo, 26 giugno 1718) era il figlio primogenito di Pietro, chiamato Alessio in onore del nonno, lo zar Alessio.

Nel 1711 sposò la Principessa Carlotta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel, sorella di Elisabetta Cristina, moglie dell'imperatore Carlo VI d'Asburgo. Dalla moglie ebbe due figli: Natal'ja (1714–1728) e Pietro (1715–1730), futuro zar con il nome di Pietro II.

Condannato a morte per aver cospirato contro il padre, Alessio morì in prigione prima che la condanna potesse essere eseguita. Venne sepolto nella Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo di San Pietroburgo il 30 giugno 1718.

Alessandro[modifica | modifica wikitesto]

Alessandro Petrovič (Preobražnskoe, 3 ottobre 1691 - Mosca, 14 maggio 1692), fu il secondo figlio di Pietro ed Evdokija Lopuchina.

Venne battezzato l'11 novembre 1691 nel Monastero di Čudov. Sua madrina fu la zia, la principessa Natalia Alekseevna.[1].

Morì a Mosca il 14 maggio 1692. Venne sepolto il 24 maggio 1692 nella Cattedrale dell'Arcangelo Michele all'interno del Cremlino di Mosca. Lo zar Pietro, si era ormai talmente estraniato dalla moglie che non si preoccupò neanche di andare ai funerali del piccolo.[2]

Paolo[modifica | modifica wikitesto]

La sua esistenza non è stata confermata.

Figli di Caterina Skavronskaya[modifica | modifica wikitesto]

Pietro[modifica | modifica wikitesto]

Pietro Petrovič (inverno 1704 - 1707), fu il primo figlio di Pietro e Caterina.

Paolo[modifica | modifica wikitesto]

Paolo Petrovič (ottobre 1705 - 1707), fu il secondo figlio di Pietro e Caterina.

Caterina[modifica | modifica wikitesto]

Caterina Petrovna (28 dicembre 1706 o 8 gennaio 1707 - Mosca, 27 luglio o 7 agosto 1708), fu la terza figlia di Pietro e Caterina.

Essendo la prima femmina ricevette il nome di Caterina in onore della madre.

Morì all'età di un anno e sei mesi e venne sepolta nella Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo di San Pietroburgo.

Anna

Anna[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Anna Petrovna Romanova.

Anna Petrovna (Mosca, 27 gennaio 1708 - Kiel, 4 marzo 1728), fu la quarta figlia di Pietro e Caterina. L'unica, insieme ad Elisabetta, a raggiungere l'età adulta.

Le venne dato il nome "Anna" come la cugina Anna Ivanovna, figlia di Ivan V.

Il 21 maggio 1725 sposò Carlo Federico, Duca di Holstein-Gottorp.

Morì a Kiel il 4 marzo 1728, qualche giorno dopo aver dato alla luce il figlio Pietro, futuro imperatore di Russia col nome di Pietro III.

Anna prima di morire disse che desiderava essere sepolta in Russia.

Venne sepolta, come fu sua volontà, il 12 novembre dello stesso anno nella tomba dei suoi avi nella cattedrale dei Santi Pietro e Paolo di San Pietroburgo.

Elisabetta

Elisabetta[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Elisabetta di Russia.

Elisabetta Petrovna (Kolomenskoe, 29 dicembre 1709 – San Pietroburgo, 5 gennaio 1762), fu la quinta figlia di Pietro e Caterina. L'unica, insieme ad Anna, a raggiungere l'età adulta e l'unica dei figli di Pietro a salire al trono come Imperatrice di Russia.

Ricevette il nome "Elisabetta" forse in onore della grande regina Elisabetta I d'Inghilterra.

Il suo impero durò dal 6 dicembre 1741 al 5 gennaio 1762. Forse segretamente sposata con Aleksej Grigor'evič Razumovskij, non ebbe figli e alla sua morte il trono passò al nipote Pietro, figlio di Anna Petrovna.

Venne sepolta nella Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo a San Pietroburgo.

Natalia[modifica | modifica wikitesto]

Tombe dei figli di Pietro morti in tenera età nella Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo

Natalia Petrovna (20 marzo 1713 - San Pietroburgo, 27 maggio 1715), fu la sesta figlia di Pietro e Caterina. La prima a nascere dopo il matrimonio dei suoi genitori, avvenuto il 19 febbraio 1712.

Ricevette il nome "Natalia" in onore della zia e della nonna.

In marciando rivista nel 1713[frase incomprensibile], è chiamato "Marya Petrovna." Battezzato 29 marzo.

Morì a San Pietroburgo all'età di 2 anni e 2 mesi e venne sepolta nella Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo. Poiché la cattedrale all'epoca era ancora incompiuta, quella di Natalia fu la seconda sepoltura ad essere fatta nella cattedrale.

Margherita[modifica | modifica wikitesto]

Margherita Petrovna (19 settembre 1714 - 7 giugno 1715), fu la settima figlia di Pietro e Caterina.

Morì a San Pietroburgo dopo pochi mesi di vita e venne sepolta nella Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo.

Pietro Petrovič

Pietro[modifica | modifica wikitesto]

Pietro Petrovič (15 novembre 1715 - 19 aprile 1719), fu l'ottavo figlio di Pietro e Caterina ed il secondo a portare il nome del padre.

Paolo[modifica | modifica wikitesto]

Paolo Petrovich (13 gennaio 1717 - 14 gennaio 1717), fu il nono figlio di Pietro e Caterina.

Natalia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Natalia Petrovna Romanova.

Natalia Petrovna (31 agosto 1718 - 15 marzo 1725), fu la decima figlia di Pietro e Caterina.

Pietro[modifica | modifica wikitesto]

Pietro Petrovič (7 ottobre 1723), fu l'undicesimo figlio di Pietro e Caterina.

Paolo[modifica | modifica wikitesto]

Paolo Petrovič (1724), fu il dedicesimo ed ultimo figlio di Pietro e Caterina.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Пчелов Е. В. Романовы: История династии. — М.: ОЛМА-ПРЕСС, 2003. — С.87
  2. ^ Robert K. Massie, Pietro il Grande, BUR, p. 64.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]