Fiera internazionale del libro del Cairo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Visitatori alla 41ª edizione della Fiera, 3 febbraio 2009.

La Fiera internazionale del libro del Cairo è un'importante fiera che si svolge annualmente nel mese di febbraio al Cairo, in Egitto, al Cairo International Conference Center a Madinat Nasr, vicino all'Università Al-Azhar. È organizzata dalla General Egyptian Book Organisation.

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

La Fiera internazionale del libro del Cairo venne ideata dalla General Egyptian Book Organisation nel 1969, in coincidenza con le celebrazioni per il millesimo anniversario della fondazione della città del Cairo[1]. La quarantatreesima edizione, prevista dal 29 gennaio al 10 febbraio 2011, non si è svolta a causa delle sommosse popolari che hanno portato alla caduta del presidente Hosni Mubarak[2].

La fiera attira centinaia di rivenditori da tutto il mondo e circa due milioni di visitatori ogni anno. È la maggiore fiera del libro del mondo arabo[3][4], e anche la più antica[5]. Nel 2006 è stata la seconda al mondo dopo la Fiera del libro di Francoforte[1].

L'evento è rilevante anche perché le case editrici del Cairo producono da sole circa i tre quinti dei libri in lingua araba stampati nel mondo[5], e la General Egyptian Book Organisation, che organizza la fiera, di proprietà statale, è la maggiore casa editrice del mondo arabo[5]. Sono presenti stand di case editrici private e di agenzie governative da tutto il mondo, e di rivenditori di libri, video, nonché di altri media[6][7], e nel corso delle circa tre settimane in cui si articola la fiera vi si svolgono conferenze, letture e altri eventi pubblici, sia in lingua araba sia in lingua inglese, nonché in altre lingue. Il target dichiarato della fiera è l'egiziano medio, e il materiale presente è di soggetto mainstream; a cornice della fiera vi sono attività all'aperto e spettacoli, come fuochi d'artificio[8].

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Recentemente, sono state mosse accuse di censura contro autori di sinistra o islamici, opere critiche dell'operato del governo egiziano o contenenti passaggi o argomenti giudicati controversi da un punto di vista sessuale o culturale[9][10][11][12][13]. Durante l'edizione del 2000, le proteste di alcuni militanti islamici contro libri che essi ritenevano offensivi sfociarono nella violenza: più di 2000 membri delle associazioni studentesche musulmane manifestarono all'esterno dell'Università Al-Azhar, in una delle rare manifestazioni pubbliche di protesta antigovernative precedenti al 2011, e vi furono 75 arresti e alcuni feriti. Il motivo della protesta studentesca era che una casa editrice del Ministero della Cultura egiziano pubblicasse e distribuisse sul mercato copie del romanzo del 1983 Walimah li A'ashab al-Bahr ("Banchetto di alghe"), dello scrittore siriano Haidar Haidar. A seguito di ciò, due dipendenti della casa editrice vennero arrestati per "offese alla religione" e per aver pubblicato un'opera "offensiva verso la pubblica morale"[14].

Negli anni seguenti, un certo numero di libri presentati da editori stranieri è stato ritirato dalle autorità egiziane, tra questi opere del ceco Milan Kundera, del marocchino Mohamed Choukri, del saudita Ibrahim Badi, dei libanesi Hanan al-Sheikh ed Elias Khoury[15]. Nel 2005, la polizia egiziana arrestò alla fiera dei rivenditori e degli attivisti, accusando anche due giornalisti locali di "diffondere falsa propaganda contro il governo" e altre persone per aver presentato un'opera di tendenze apertamente socialiste[16].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b The 38th International Book Fair. Seif Kamel, Tour Egypt. 24 January 2006.
  2. ^ Report from Cairo: Mid-East's Biggest Book Fair Cancelled, 600+ Publishers Affected, Significant Sales Lost
  3. ^ Censorship trims fare at Cairo International Book Fair. Agence France Presse. January 29, 2008
  4. ^ Crowds flocking to Sana'a International Book Fair Archiviato il 25 maggio 2012 in Archive.is.. Huda al-Kibsi, Yemen Observer. Oct 30, 2007
  5. ^ a b c They let the dogs yap'. Maya Jaggi. The Guardian, Saturday 9 February 2008
  6. ^ Speakers at the 41st Cairo International Book Fair Archiviato il 27 settembre 2009 in Internet Archive.. The British Council (2009)
  7. ^ High interest, no readers Archiviato il 21 aprile 2012 in WebCite.. Zvi Bar'el, Haaretz. February 2008.
  8. ^ Johannes Ebert: A mandate to dialogue Archiviato il 28 marzo 2009 in Internet Archive.. Sherif Abdel-Samad, Al-Ahram Weekly. 8-14 March 2007.
  9. ^ God and woman in Egypt. A feminist writer accused of insult to Islam religion. Amr Eman, San Francisco Chronicle. Sunday, May 6, 2007
  10. ^ Hot Egyptian novel sends pulses racing[collegamento interrotto]. JOSEPH MAYTON (Middle East Times). April 21, 2008
  11. ^ Off the shelf -- and then where? Archiviato l'11 settembre 2009 in Internet Archive.. Al-Ahram. 7 February 2001
  12. ^ Egypt censors book fair[collegamento interrotto]. AFP 29 January 2008
  13. ^ Book fair opens amid controversy. Heba Sala, BBC 25 January 2001
  14. ^ Cairo book protesters released. BBC 12 May 2000
  15. ^ Lebanese Books Censored at Cairo Fair. Nahar Net (Beruit) 29 January 2008.
  16. ^ Detained journalist begins hunger strike. International Federation of Journalists (IFJ) 08 February 2005

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura