Fiat Nanjing

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nanjing-Fiat & Nanjing-Iveco sono state due società miste del gruppo Fiat in Cina attive dal 1999 (e sino al 2007 per quanto riguarda la prima).

Nanjing-Fiat Auto[modifica | modifica wikitesto]

Le joint venture tra la Fiat S.p.A. e il gruppo cinese Nanjing Automobile Corporation hanno avuto inizio in aprile 1999. Localizzata nel Jiangning District New Technology Park di Nanchino, Nanjing-Fiat ha prodotto e venduto 24.000 veicoli nel 2002 e appena più di 33.000 nel 2006. Nanjing-FIAT produceva quattro modelli: Fiat Palio, Fiat Palio Weekend, Fiat Siena, e l'ultima nata nel 2006 la Fiat Perla[1].

L'A.D. della Fiat Sergio Marchionne si era dichiarato, nella primavera 2007, particolarmente insoddisfatto da questa joint-venture con NAC e il gruppo italiano si è messo a cercare soluzioni industriali alternative[2].

Rispetto ai maggiori concorrenti sul mercato cinese, la Fiat è arrivata tardi. Il gruppo sperava che la nuova Fiat Perla, presentata in Settembre 2006 riuscisse a raggiungere l'obbiettivo di 40.000 vendite all'anno[3].

Marchionne aveva anche fissato a 300.000 il numero di auto da produrre in Cina nel 2010. Il 2 luglio 2007, con un comunicato dell'agenzia Xinhua, la Fiat Auto e la cinese Nanjing Auto avevano deciso di dare un nuovo slancio alla loro cooperazione con un investimento di 3 miliardi di yuan supplementari (389,6 milioni US$) nella joint-venture Nanjing Fiat.

Indiscrezioni davano per scontato un divorzio tra i due costruttori ma, con l'aiuto del governo della provincia di Jiangsu, un accordo sembrava essere stato trovato. La Fiat considerava che il partner Nanjing Auto aveva orientato tutta la sua logistica sullo sviluppo del marchio MG Rover e non abbastanza sulla propria joint-venture.

Infatti, Nanjing Auto ha rilevato nel 2005 la britannica MG Rover, fallita, per 53 milioni di sterline. I cinesi sono riusciti a presentare la serie MG 7 nel marzo 2007, accantonando gli investimenti di 300 milioni di US$ previsti con la Fiat per ampliare la fabbrica e fabbricare le Palio, Siena e Perla.

Dopo questo nuovo accordo, la Fiat ha deciso di lasciare il progetto di fabbricazione della D 200 alla Nanjing Fiat, ma senza precisarne la data.

Nanjing-Iveco Trucks[modifica | modifica wikitesto]

Iveco, che fa parte del gruppo Fiat, ha una joint venture con la stessa NAC, la Naveco, in cooperazione con Yuejin trucks, che fabbrica su licenza i veicoli commerciali leggeri Iveco Daily e che dà ottimi risultati.

Fiat ha annunciato in Settembre 2006, che Naveco aveva acquistato la Nanjing Yuejin Trucks al fine di creare una unità industriale capace di produrre 100.000 veicoli industriali dai leggeri fino ai pesanti ogni anno. Nel 2006, Yuejin ha venduto 43.000 veicoli e Naveco più di 20.000.

Naveco Yuejin Trucks potrà usufruire della tecnologia e know how Iveco. L'accordo riguarda anche il settore autobus specialmente dopo lo scioglimento della CBC-IVECO.

Fine della Nanjing Auto[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda il settore prettamente automobilistico nel 2007 la Fiat pone fine alla joint venture Nanjin per affidarsi alla GAC[4] per quanto riguarda la produzione nel territorio cinese con il lancio nel 2012 della berlina Fiat Viaggio[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cartella stampa Fiat
  2. ^ Articolo di "Repubblica"
  3. ^ Articolo del Sole 24 Ore
  4. ^ Fiat inaugura il nuovo stabilimento con GAC in Cina
  5. ^ Debutto della Fiat Viaggio

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]