Fiat (azienda 2011)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fiat S.p.A.
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
ISINIT0001976403
Fondazione1º gennaio 2011 a Torino
Fondata daGiovanni Agnelli
Chiusura12 ottobre 2014
Sede principaleTorino
SettoreAutomobilistico
ProdottiAutomobili
Veicoli commerciali leggeri
Sistemi di produzione
Editoria
Comunicazione
Fatturato86,81 miliardi [1] (2013)
Utile netto1,95 miliardi [1] (2013)
Dipendenti225.587[1] (2013)
Sito webwww.fiat.com/

Fiat S.p.A. (Fiat Società per Azioni) era un gruppo industriale italiano, operativo dal 1º gennaio 2011[senza fonte] al 12 ottobre 2014.

Il gruppo nacque dallo scorporo[senza fonte] da Fiat Group delle attività relative ai macchinari agricoli e industriali, confluite nella nuova Fiat Industrial e ha invece mantenuto le attività relative alle automobili, alla parte dedicata del settore Fiat Powertrain Technologies, alle attività nei sistemi e componenti per autovetture, oltre al settore editoria e comunicazione. Il core business del gruppo era focalizzato sul settore automotoristico (automobili e veicoli industriali leggeri), con interessi anche in componenti e sistemi di produzione, editoria e comunicazione.

Nel 2014, a seguito di una riorganizzazione societaria finalizzata all'integrazione tra i gruppi Fiat e Chrysler, si arrivò alla costituzione di una nuova società, Fiat Chrysler Automobiles (FCA).[2][3][4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia del Gruppo Fiat.

Il 21 aprile 2010, in occasione dell'assemblea degli azionisti di Fiat Group, l'amministratore delegato Sergio Marchionne presentò il piano industriale del Gruppo relativo al quinquennio 2010-2014: il piano prevedeva lo scorporo da Fiat Group delle attività agricole, industriali e powertrain (relative alla sola divisione industrial & marine), per farle confluire nella nuova Fiat Industrial; contestualmente, per la gestione dei settori auto, componentistica, sistemi di produzione ed editoria, venne prevista la creazione della nuova[senza fonte] Fiat S.p.A. Per entrambe le società nate dalla scissione era già prevista la quotazione alla Borsa di Milano.[5]

Il progetto di scissione del Gruppo venne completato il 1º gennaio 2011; da questa data Fiat S.p.A. diventava operativa[senza fonte], con John Elkann che ne assumeva la carica di presidente, e Marchionne quella di AD.

Il 10 gennaio 2011 Fiat S.p.A. proseguì la politica di acquisizione di Chrysler Group iniziata nel 2009 da Fiat Group, portando la sua quota al 25%.[6] Il 12 aprile 2011 aumentò ancora la sua partecipazione al 30%,[7] ed il 24 maggio 2011 la estese ancora al 46%.[8] Il 21 luglio 2011 Fiat S.p.A. ottenne ufficialmente il controllo della maggioranza del pacchetto azionario di Chrysler Group, salendo al 53,5%;[9] il 5 gennaio 2012 la quota venne ulteriormente incrementata al 58,5%.[10]

In seguito, nel gennaio 2013, Fiat Powertrain Technologies venne scissa dalla sezione componenti e sistemi di produzione, ed inclusa sotto la divisione automobili in Fiat Group Automobiles.[11]

Il 1º gennaio 2014 venne annunciato l'inizio delle operazioni volte ad acquisire, attraverso la filiale Fiat North America, la totalità delle azioni di Chrysler Group detenute dal fondo Veba dei dipendenti statunitensi,[3] manovra completata il 21 dello stesso mese.[4] A seguito di ciò, il 29 gennaio partì quindi una riorganizzazione societaria atta all'integrazione tra i due gruppi Fiat e Chrysler, volta alla costituzione di un nuovo e unico soggetto globale denominato Fiat Chrysler Automobiles.[2]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Dal sito web ufficiale del gruppo.[12]

Il presidente di Fiat S.p.A. era John Elkann, mentre l'amministratore delegato era Sergio Marchionne. Il gruppo era formato dalla società holding Fiat S.p.A. (che è quotata presso la Borsa Italiana a partire dal 3 gennaio 2011), le cui attività sono organizzate in tre settori operativi.

Automobili[modifica | modifica wikitesto]

Marchi generalisti e premium
Marchi di lusso e sportivi

Componenti e sistemi di produzione[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicità, comunicazione e servizi[modifica | modifica wikitesto]

Azionisti[modifica | modifica wikitesto]

Il maggior azionista era Exor. L'azionariato per partecipazioni rilevanti superiori al 2% era così suddiviso:[1]

Capitale ordinario
Capitale votante

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Relazione finanziaria annuale (PDF), in fiatspa.com, 31 dicembre 2013.
  2. ^ a b Fiat S.p.A. si riorganizza a seguito dell’acquisto di Chrysler Group LLC (PDF), in fiatspa.com, 29 gennaio 2014.
  3. ^ a b Fiat sottoscrive accordo per acquisire la restante quota del capitale di Chrysler Group LLC detenuta dal VEBA Trust (PDF), in fiatspa.com, 1º gennaio 2014.
  4. ^ a b Fiat S.p.A. completa acquisizione della restante quota del capitale di Chrysler Group LLC detenuta dal VEBA Trust (PDF), in fiatspa.com, 21 gennaio 2014.
  5. ^ The Five Year Plan (PDF), fiatgroup.com, 21 aprile 2010. URL consultato il 22 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2010).
  6. ^ Fiat annuncia aumento della propria quota di partecipazione in Chrysler Group LLC dal 20% al 25% (PDF), in fiatspa.com, 10 gennaio 2011.
  7. ^ Fiat annuncia aumento della propria quota di partecipazione in Chrysler Group LLC dal 25% al 30% (PDF), in fiatspa.com, 12 aprile 2011. URL consultato il 12 aprile 2011.
  8. ^ A seguito del rifinanziamento del debito di Chrysler e del rimborso da parte di Chrysler dei prestiti concessi dai Governi USA e Canadese Fiat incrementa la propria partecipazione in Chrysler (PDF), in fiatspa.com, 24 maggio 2011. URL consultato il 24 maggio 2011.
  9. ^ Fiat acquista le partecipazioni in Chrysler del Canada e del Dipartimento del Tesoro Statunitense (PDF), in fiatspa.com, 21 luglio 2011. URL consultato il 22 luglio 2011.
  10. ^ Fiat incrementa la propria partecipazione in Chrysler Group LLC al 58,5% (PDF), in fiatspa.com, 5 gennaio 2012. URL consultato il 5 gennaio 2012.
  11. ^ 2013 Corporate Presentation (PDF), in fiatspa.com. URL consultato il 5 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 3 gennaio 2014).
  12. ^ Struttura del gruppo, fiatspa.com.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN236862867 · LCCN (ENn79058361 · BNF (FRcb118759135 (data) · WorldCat Identities (ENviaf-135477218