Fiano (vitigno)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fiano (vitigno)
VIVC4124 FIANO Cluster in the field 2863.jpg
Il grappolo
Dettagli
SinonimiApiana, Apiano, Fiana, Fiano di Avellino, Fiore Mendillo, Foiano, Latina Bianca, Latina Bianca di Barletta, Latino, Latino Bianco, Minutola, Minutolo, Santa Sofia[1]
Paese di origineItalia Italia
Colorebianco
Italia Italia
Regioni di coltivazioneCampania
Puglia
Basilicata
Sicilia
Molise
DOCGFiano di Avellino
DOCBrindisi
Cilento
Contessa Entellina
Irpinia
Leverano
Locorotondo
Menfi
Molise
Salice Salentino
Salento
Sannio
Sicilia
Squinzano
Ampelografia
Degustazione
http://catalogoviti.politicheagricole.it/result.php?codice=081

Il Fiano è un vitigno a bacca bianca italiano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Si ritiene che il nome abbia origine da una popolazione proveniente dalle Alpi Apuane, sopraffatta dai Romani e scesa nel II secolo a.C. in Campania. Questi avrebbero portato con sé il vitigno Apuano, mutato in Apiano, poi in Afiano e infine in Fiano. Fin dall'Ottocento è documentato non solo in Irpinia, ma anche in provincia di Caserta, in Basilicata e in Puglia. Si narra che il Fiano sia stato introdotto in Puglia verso la fine del XIII secolo da Carlo II d'Angiò, il quale fece importare 16.000 piante da Cava de' Tirreni verso Manfredonia. È probabile, tuttavia, che fosse presente già da epoche precedenti.[2]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Grappoli di fiano prima della maturità

Il Fiano presenta un grappolo di dimensioni piccole o medie e forma piramidale alata. Gli acini sono molto serrati, di medie dimensioni e forma ellittica, con una buccia spessa, dorata e poco pruinosa. Il fiore è globoso e mezzano, mentre le foglie, di grandezza media, possono essere tri o pentalobate, con lobi appena accennati.[3] È un vitigno vigoroso e fertile, ma caratterizzato da basse rese. Per la coltivazione sono consigliati terreni vulcanici, argillosi, o anche pesanti e ad altitudini comprese tra i 400 e i 700 m s.l.m. Trova, infatti, in Irpinia un'ottima area, grazie a inverni rigidi ed estati fresche, con escursioni termiche nette e decise. La maturazione avviene tra settembre e ottobre e il vino ottenuto è caratterizzato da profumi complessi e raffinati, con un'acidità dei mosti che favorisce la produzione di vini longevi e strutturati.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ FIANO, su vivc.de, 8 maggio 2019.
  2. ^ a b Fiano-Il vitigno Fiano e i suoi vini, su quattrocalici.it.
  3. ^ Fiano-Scheda Ampelografica, su catalogoviti.politicheagricole.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]