Fevzi Çakmak

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fevzi Çakmak
Mareşal Fevzi Çakmak.jpg

2º Primo ministro del Governo della Grande Assemblea Nazionale Turca
Durata mandato 24 gennaio 1921 –
12 luglio 1922
Predecessore Mustafa Kemal Atatürk
Successore Rauf Orbay

Vice primo ministro della Turchia
Durata mandato 3 maggio 1920 –
24 gennaio 1921
Capo del governo Mustafa Kemal Atatürk
Predecessore posizione stabilita
Successore Mümtaz Ökmen (1946)

Ministro della difesa nazionale
Durata mandato 3 maggio 1921 –
5 agosto 1921
Capo del governo Mustafa Kemal Atatürk
Predecessore posizione stabilita
Successore Refet Bele

Dati generali
Partito politico Comitato di Unione e Progresso (Impero ottomano)
Partito Popolare Repubblicano (Turchia)
Partito della Nazione (1948-1950)
Firma Firma di Fevzi Çakmak
Fevzi Çakmak
Fevzi cakmak.png
NascitaCihangir, 12 gennaio 1876
MorteTeşvikiye, 10 aprile 1950
ReligioneMusulmana sunnita
Dati militari
Paese servitoImpero ottomano Impero ottomano
Turchia Turchia
Forza armataOsmanli-nisani.svg Esercito ottomano
Turkkarakuvvetleri, turkish armed forces emblem, july 2013.png Esercito turco
Anni di servizio1896 - 1944
GradoMüşir
GuerreInsurrezione albanese
Guerra italo-turca
Guerre balcaniche
Prima guerra mondiale
Guerra d'indipendenza turca
Ribellione dello Sceicco Said
Ribellione dell'Ararat
Ribellione del Dersim
CampagneTeatro mediorientale della prima guerra mondiale
Guerra greco-turca
BattaglieCampagna di Gallipoli
Studi militariAccademia militare turca
voci di militari presenti su Wikipedia

Mustafa Fevzi Çakmak (Cihangir, 12 gennaio 1876Teşvikiye, 10 aprile 1950) è stato un politico, generale e patriota turco, ministro della difesa dell'Impero ottomano e della Repubblica turca.

Ricordato per le sue battaglie nella guerra d'indipendenza turca e nella guerra greco-turca, è uno dei tre fondatori della Repubblica di Turchia insieme a Mustafa Kemal Atatürk e İsmet İnönü. Oltre Atatürk è il solo ufficiale dell'esercito turco ad avere raggiunto il titolo di maresciallo, ed è stato anche il primo capo di stato maggiore della Repubblica.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN6021246 · ISNI (EN0000 0000 5043 1520 · LCCN (ENnr93046261 · GND (DE129794368 · BNF (FRcb16108134p (data) · WorldCat Identities (ENnr93-046261