Festival della nuova canzone siciliana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Festival della nuova canzone siciliana
PaeseItalia
Anno1980-1987; 1991; 2009-2010
Generemusicale
Crediti
ConduttorePippo Baudo (1980-1984)
Pino Caruso (1985)
Pippo Pattavina (1986-1987 e 1991)
Salvo La Rosa (2009-2010)
RegiaRomano Bernardi
Guido Pistone
ProduttoreDomenico Sanfilippo Editore
Rete televisivaAntenna Sicilia
Sicilia Channel (in contemporanea, ed. 10)
Oasi.TV (in contemporanea, ed. 11)
Teletna (repliche)

Il Festival della nuova canzone siciliana è stata una manifestazione canora che ha luogo in Sicilia (dalla decima edizione a Catania) per 11 edizioni. Inizialmente condotto da Pippo Baudo, Pino Caruso e Pippo Pattavina dal 1980 al 1987 e nel 1991. Dopo una lunga interruzione è stato ripreso nel 2009 e nel 2010 sotto la conduzione di Salvo La Rosa dal teatro ABC di Catania.

Come per Insieme, il programma, a partire dalla decima edizione, veniva anche mandato in onda in contemporanea su Sicilia Channel (decima edizione) e Oasi.TV (undicesima edizione) sulla piattaforma satellitare Sky e replicato su Teletna.

Il festival, oltre alle gare musicali, dava spazio alla comicità (con i comici Enrico Guarneri Litterio, Salvatore Mancuso Toti e Salvatore La Mantia Totino, da Insieme, nelle edizioni 10 e 11) e ospitava cantanti famosi.

Essendo il Festival della nuova canzone siciliana, questo conteneva tutte canzoni in lingua siciliana.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Delle prime tre edizioni del festival sono state prodotte versioni anche per Telesicilia di Palermo e RTP - Radio Televisione Peloritana di Messina (1980, 1981 e 1982).

Pippo Baudo, Mino Reitano e Nino Lombardo alla prima edizione del festival.

Canzoni vincitrici[modifica | modifica wikitesto]

  • 1980: Sta terra 'ncantevuli (Rosalinda)
  • 1981: Sona chitarra mia (Filippo Alotta)
  • 1982: Tu malatia (Franco Morgia, autori G. Agate - S. Biondi)
  • 1983: I Malavoglia (Rosario Todaro, scritta da Fredy Garozzo)
  • 1984: "Paese mio" (Beppe Di Francia)
  • 1985: "Fantasia" (Franco Mertoli)
  • 1986: "Barcarola siciliana" (Dino Zullo)
  • 1987: "Si fussi cca ccu mmia" (Mario Puglisi)
  • 1991: Canzuna siciliana (Salvo Sambataro)
  • 2009: Salina (Mario Incudine)
  • 2010: premio Sicilia: Muddichedda Muddichedda (Vincenzo Spampinato), premio Trinacria: Tarantella blues (I Beddi)

Orchestre[modifica | modifica wikitesto]

Fino alla nona edizione, l'orchestra era diretta da Nino Lombardo.

A partire dalla decima edizione, l'orchestra che accompagnava i cantanti al festival era invece quella di Peppe Arezzo, che è anche pianista e arrangiatore.[1]

Alla batteria c'era Enzo Augello, alle percussioni Peppe Tringali, alle tastiere Fabio Iacono e Vincenzo Fontes, al basso Filippo Di Pietro, al sax Rino Cirinnà, alla chitarra acustica Maurizio Diara e a quella elettrica Placido Salamone, al violino Giovanni Cucuccio, al violoncello Salvo Mammoliti, al mandolino Pippo Grillo e alla fisarmonica Gino Finocchiaro.[1]

I componenti del coro erano Ferdinando Sparacino, Roberta Zitelli, Antonella Anastasi ed Enea.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c I protagonisti del festival siciliano - L'orchestra diretta dal m. Arezzo, lasvolta.net. URL consultato il 23-6-2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]