Ferruccio Santamaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferruccio Santamaria
Ferruccio Santamaria.jpg
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1957
Carriera
Squadre di club1
1945-1946 Nola ? (?)
1946-1949 Napoli 64 (14)
1949-1952 Palermo 94 (1)
1952-1956 Catania 108 (3)
1956-1957 Cirio ? (?)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Ferruccio Santamaria (Maddaloni, 4 maggio 1926 – ...) è stato un calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Finita la carriera sportiva si è trasferito a Castellammare del Golfo per vivere.[1]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la carriera come attaccante, divenendo poi un centromediano.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha cominciato la propria carriera nella vicina Nola; con i colori bianconeri il 18 novembre 1945 vince il torneo amichevole Quirino, battendo il Sant'Anastasia[3]. Col Nola fa il suo esordio in campionato il 16 dicembre 1945, battendo 6-0 il Portici[4]. Al termine della stagione col Nola vincerà sia il proprio girone che le finali regionali, conquistando l'accesso alla Serie C.

Ha esordito in Serie A con la maglia del Napoli il 16 febbraio 1947 in Livorno-Napoli (2-2).

Ha giocato in massima serie anche con le maglie di Palermo e Catania.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Catania: 1953-1954

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luigi Tripisciano, Album rosanero, Palermo, Flaccovio Editore, giugno 2004, p. 113, ISBN 88-7804-260-9.
  2. ^ Luigi Tripisciano, Album rosanero, Palermo, Flaccovio Editore, giugno 2004, p. 125, ISBN 88-7804-260-9.
  3. ^ Antonio Gallucci, Storia del Calcio a Nola, Marigliano, LER Editrice, 2004, pp. 45, 46, ISBN 88-8264-326-3.
  4. ^ Antonio Gallucci, Storia del Calcio a Nola, Marigliano, LER Editrice, 2004, p. 47, ISBN 88-8264-326-3.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]