Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Ferrovia dell'Hegiaz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferrovia dell'Hegiaz
Ferrocarril del hiyaz IT.png
Nome originaleHejaz railway
InizioDamasco
FineMedina
Stati attraversatiSiria, Giordania, Arabia Saudita
Lunghezza1322 km
Apertura1908
Scartamento1050 mm
Elettrificazioneno
DiramazioniFerrovia della piana di Esdrelon; Ferrovia di Aqaba
Ferrovie

La ferrovia dell'Hegiaz[1][2][3] è una linea ferroviaria che attraversa la regione dell'Hegiaz, in Vicino Oriente, attraversando la Siria, la Giordania e l'Arabia Saudita.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Treno merci sulla linea dell'Hegiaz

I lavori per la costruzione iniziarono nel 1900, da parte dell'Impero Ottomano con fondi della Germania, e l'inaugurazione ci fu il 1º settembre 1908. In origine la linea doveva arrivare alla Mecca, ma venne accorciata di 400 chilometri fino a Medina.

La linea fu danneggiata durante gli scontri della Prima guerra mondiale, ed anche con la Guerra dei sei giorni.

La linea a scartamento ridotto (1050 mm) è di tutto rispetto, perlomeno per la sua lunghezza, 1322 km di percorso, in ambiente spesso di pieno deserto.

Attualmente la linea è in gran parte smantellata e distrutta. Della maggior parte, relativa alla Penisola araba, non restano che qualche terrapieno e alcuni manufatti.

L'unica parte esistente è nella parte settentrionale della Siria e nel nord della Giordania, ma mentre la parte giordana continua ad essere in esercizio, la parte siriana degradata e danneggiata non è più utilizzata.

È invece in pieno esercizio la diramazione giordana da ʿAqaba alle miniere di fosfati della Giordania meridionale.

Diramazioni[modifica | modifica wikitesto]

Dal tronco principale Damasco-Medina partono altri due tronchi:

Stazione di Damasco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. il lemma "Hegiaz" sulla Nuova Enciclopedia Universale Rizzoli Larousse, vol. IX p. 758.
  2. ^ Cfr. il lemma "Hegiaz" sull'Enciclopedia Sapere.
  3. ^ Cfr. il lemma "Hegiaz" sull'Enciclopedia Treccani.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN126832418 · LCCN: (ENn96022658
Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti