Ferrovia Norimberga-Fürth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Norimberga-Fürth
Stati attraversatiGermania Germania
Apertura1835
Chiusura1922
Ferrovie

La ferrovia Norimberga-Fürth, detta anche Ludwigs-Eisenbahn,[N 1] era una linea ferroviaria che collegava le città bavaresi di Norimberga e di Fürth. Fu la prima ferrovia costruita in Germania.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Incisione raffigurante l'inaugurazione della linea nel 1835

La costruzione di una linea ferroviaria fra le città di Norimberga e Fürth, distanti solo pochi chilometri e interessate da un intenso traffico commerciale, venne già ipotizzata fin dal 1814; a tale progetto ferroviario venne tuttavia preferito un canale navigabile fra il Meno e il Danubio.[1]

Alcuni anni più tardi, nel 1833, il cittadino di Norimberga Johannes Scharrer riuscì a radunare un gruppo di concittadini e a creare una società che ottenne la concessione per la costruzione e l'esercizio della linea. I lavori iniziarono nel febbraio 1835 e procedettero speditamente, tanto che la linea poté essere inaugurata e aperta all'esercizio già il 7 dicembre dello stesso anno.[1]

Inizialmente, anche per le difficoltà di approvvigionamento del carbone, i treni erano per la maggior parte a trazione equina; con il passare degli anni il numero delle locomotive aumentò progressivamente, fino a che, nel 1862, tutti i treni poterono finalmente essere trainati da locomotive.[2]

Nel frattempo, altre società ferroviarie avevano costruito ulteriori linee che coprivano distanze maggiori; la vecchia Norimberga-Fürth, mai prolungata né inserita in una rete, rimase confinata all'ambito locale e praticamente priva di traffico merci.[2]

Dopo la prima guerra mondiale, in conseguenza della grave crisi economica che aveva colpito la Germania, la linea venne chiusa al traffico a partire dal 31 ottobre 1922 e disarmata. Il suo percorso è oggi ricalcato in gran parte dalla linea U1 della metropolitana di Norimberga.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Esplicative[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Letteralmente: "Ferrovia Ludoviciana", in onore del re Ludovico I.

Bibliografiche[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Berger (1988), p. 10
  2. ^ a b c Berger (1988), p. 11

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Manfred Berger, Historische Bahnhofsbauten III. Bayern, Baden, Württemberg, Pfalz, Nassau, Hessen, Berlino (Est), Transpress (VEB Verlag für Verkehrswesen), 1988, ISBN 3-344-00267-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]