Ferrovia Ferrara-Copparo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ferrara-Copparo
Stati attraversatiItalia Italia
Lunghezza19 km
Apertura1903
Chiusura1956
Precedenti gestoriSV
Scartamento1 435 mm
Ferrovie

La ferrovia Ferrara-Copparo è stata una linea ferroviaria italiana in concessione che collegava la città di Ferrara all'abitato di Copparo. La lunghezza totale del suo tracciato era di 19,048 km.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il fabbricato viaggiatori della stazione ferroviaria di Copparo, ora riutilizzata come autostazione

Già nel 1885 fu presentato dall'ingegnere Barbantini un progetto ferroviario che collegasse Ferrara alla cittadina di Copparo[1]. Solo agli inizi del XX secolo, la Società Veneta ne riprese l'idea e avviò i lavori per la costruzione della linea che fu inaugurata il 21 novembre 1903[2]. La società ferroviaria considerava l'infrastruttura come primo tronco di una ferrovia Ferrara-Adria che, unita alla Adria-Mestre e alla Ferrara-Modena, avrebbe permesso di unire Venezia alla Milano-Bologna tramite un percorso alternativo alla Padova-Bologna.

Per l'esercizio della linea furono utilizzate locomotive a vapore fino al 1937, quando furono introdotte le automotrici serie ADn 500 a trazione termica[1].

La linea subì danni notevoli a causa del conflitto bellico con la distruzione di molte infrastrutture e l'asportazione del materiale rotabile[1]. Al termine della Seconda guerra mondiale, si finanziò la ricostruzione per la sua riconosciuta valenza strategica e la linea fu riaperta all'esercizio il 15 giugno 1946[1].

Gli anni cinquanta segnarono il declino della linea ferroviaria, a seguito dell'avvento della motorizzazione di massa alla quale si accompagnò il peggioramento del servizio ferroviario per la scarsa manutenzione da parte del concessionario.

L'esercizio della linea fu sospeso nella primavera del 1956, mentre il decreto per la soppressione fu emanato il 20 luglio dello stesso anno, assieme a quello della ferrovia Ferrara-Modena[3]. La struttura fu disarmata nei mesi successivi.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Stazioni e fermate[4]
Unknown route-map component "exKBHFa"
20 Copparo
Unknown route-map component "exHST"
15 Tamara-Saletta
Unknown route-map component "exHST"
14 Corlo
Unknown route-map component "exHST"
11 Correggio (Casello 8)
Unknown route-map component "exHST"
10 Baura
Unknown route-map component "exHST"
7 Boara
Unknown route-map component "CONTgq" Unknown route-map component "xABZg+r"
Linea per Padova
Station on track
0 Ferrara
Unknown route-map component "CONTgq" Unknown route-map component "ABZgr"
Linea per Suzzara e Linea per Modena (dismessa)
Unknown route-map component "CONTgq" Unknown route-map component "ABZglr" Unknown route-map component "CONTfq"
Linea per Bologna / Linea per Codigoro
Continuation forward
Linea per Ravenna

Partendo dalla stazione di Ferrara, la linea ferroviaria curvava decisamente verso est, proseguendo quindi in linea retta fino all'abitato della frazione ferrarese di Baura, quindi si dirigeva a nord-est verso la frazione copparese Saletta e Cà Matte, dove era ubicata la stazione di Tamara-Saletta. Sempre in linea retta, il percorso giungeva a Copparo, dove si trovava la stazione terminale della ferrovia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Andrea Vallieri. La ferrovia Ferrara-Copparo. Ferrara, Annuario socio-economico ferrarese, 1999
  2. ^ Ufficio Centrale di Statistica delle Ferrovie dello Stato, Prospetto cronologico dei tratti di ferrovia aperti all'esercizio dal 1839 al 31 dicembre 1926, su Trenidicarta.it, Alessandro Tuzza, 1927. URL consultato il 27 aprile 2015.
  3. ^ Andrea Vallieri. La ferrovia Ferrara – Cento – Modena. Ferrara, Annuario socio-economico ferrarese, 1999
  4. ^ Orario generale Ferrovie dello Stato e secondarie - Tranvie - Servizi lacuali ed automobilistici - Navigazione marittima - Linee aeree, quadro 665, Fratelli Pozzo Editori, Torino, luglio 1939, p. 333

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti