Ferrovia Bremgarten-Dietikon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bremgarten-Dietikon
Bremgarten-Dietikon-Bahn.png
InizioWohlen
FineDietikon
Stati attraversatiSvizzera Svizzera
Apertura1876 (Wohlen-Bremgarten West)
1902 (Bremgarten-Dietikon)
1912 (Bremgarten West-Bremgarten)
GestoreAVA
Precedenti gestoriBDWM Transport (2000-2018)
BD (1902-2000)
Aargauische Südbahn (1876-1901)
FFS (1902-1912)
Scartamento1 000 mm
Elettrificazione1 200 V cc
Ferrovie

La ferrovia Bremgarten-Dietikon è una linea ferroviaria a scartamento metrico della Svizzera. La ferrovia fa parte della rete celere di Zurigo, di cui costituisce la linea S17.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La linea nasce dall'unione di due tratte costruite separatamente: la Wohlen-Bremgarten e la Bremgarten-Dietikon.

La linea Wohlen-Bremgarten aprì il 1° settembre 1876[1], permettendo il collegamento di Bremgarten con l'Aargauische Südbahn, aperta a partire dal 1874[2].

La nuova ferrovia si rivelò poco utile per l'abitato di Bremgarten, perché per i traffici verso la vicina valle della Limmat si imponeva un lungo giro via Wohlen e Lenzburg. Si optò quindi per la costruzione di una linea verso Dietikon, a scartamento metrico e trazione elettrica[3]. L'inaugurazione della Bremgarten-Dietikon avvenne il 30 aprile 1902 alla presenza di autorità cantonali argoviesi e zurighesi, del comune di Zurigo e del direttore delle FFS[4]. Le due ferrovie, separate dal fiume Reuss, furono collegate dapprima con un servizio di diligenze, quindi dal 1906 con un autopostale; nel 1911 iniziò la costruzione di un ponte, aperto l'anno successivo[2]. A gestire la ferrovia fu la società Bremgarten-Dietikon-Bahn (BD).

Nel 2000 la BD si fuse con la Wohlen-Meisterschwanden-Bahn (WM), che tra il 1916 e il 1997 aveva gestito l'omonima ferrovia, soppressa e sostituita da autobus, creando la società BDWM Transport; il 19 giugno 2018 dalla fusione di BDWM Transport e Wynental- und Suhrentalbahn (WSB) è nata la società Aargau Verkehr (AVA), nuova gestrice della linea[5].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La linea, a scartamento metrico, è lunga 18,85 km. La linea è elettrificata a corrente continua con la tensione di 1.200 V (750 V tra il 1902 e il 1930, 900 V tra il 1930 e il 1969)[6]. Il raggio di curva minimo è di 30 metri, la pendenza massima del 60 per mille[7].

La tratta Wohlen-Bremgarten West fu costruita a scartamento normale; nel 1912 fu trasformata a scartamento misto, con una terza rotaia che permetteva il transito dei treni merci a scartamento normale. Con la cessazione del servizio merci nel 2009, la terza rotaia divenne inutile, e venne rimossa nel 2015[8].

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Un convoglio sul ponte sopra la Reuss a Bremgarten
Percorso
BSicon KBHFa.svg 0,0 Wohlen
BSicon HST.svg 1,4 Wohlen Oberdorf
BSicon BHF.svg 4,0 Erdmannlistein
BSicon BHF.svg 7,0 Bremgarten West
BSicon HST.svg Bremgarten Isenlauf
BSicon hKRZWae.svg fiume Reuss (156 m)
BSicon HST.svg Bremgarten Obertor
BSicon BHF.svg 8,2 Bremgarten
BSicon HST.svg Bibenlos-Sonnenhof
BSicon HST.svg 9,1 Zufikon
BSicon BHF.svg 9,7 Zufikon Hammergut
BSicon BHF.svg 10,3 Widen Heinrüti
BSicon HST.svg 10,8 Zufikon Belvédère
BSicon BHF.svg 12,2 Berikon-Widen
BSicon eHST.svg Zelgrank
BSicon eHST.svg Holenstrasse
BSicon HST.svg 13,5 Rudolfstetten Hofacker
BSicon BHF.svg 14,1 Rudolfstetten
BSicon BHF.svg 16,2 Reppischhof
BSicon eHST.svg Honert
BSicon BHF.svg 17,3 Dietikon Stoffelbach
BSicon HST.svg 17,6 Bergfrieden
BSicon HST.svg Dietikon Schöneggstrasse
BSicon eHST.svg Schmiedstube
BSicon eHST.svg Badenerstrasse
BSicon KBHFe.svg 18,9 Dietikon

La linea parte nei pressi della stazione di Wohlen (sulla Aargauische Südbahn), quindi scende verso il fiume Reuss attraversandolo a Bremgarten dopo la stazione di Bremgarten West. Da lì la linea risale, con dei tornanti tortuosi, verso Berikon-Widen, dopo aver attraversato Zufikon; altre curve ad "U" in discesa portano la ferrovia verso Rudolfstetten. La ferrovia fa capolinea presso la stazione di Dietikon, situata sulla ferrovia Zurigo-Olten.

Fino al 1928 la linea era raccordata a Dietikon con la Limmattal-Strassenbahn[9].

Materiale rotabile[modifica | modifica wikitesto]

Per l'apertura della Bremgarten-Dietikon furono acquisite tre automotrici, altrettante rimorchiate, due carri merce aperti e due chiusi[10]. Le automotrici (serie Ce 2/2 1÷3[11]) furono realizzate dalla Schlieren con parte elettrica Oerlikon[12]. Le stesse aziende realizzarono nel 1904 altre due elettromotrici a due assi (serie Ce 2/2 11÷12[11]) e, tra il 1912 e il 1915, tre elettromotrici a carrelli (serie Ce 4/4 7÷9[11]).

Schlieren ed Oerlikon realizzarono, tra il 1928 e il 1932, due elettromotrici a carrelli con vano bagagliaio (serie BFe 4/4 10÷11); le stesse due società costruirono nel 1947 altre tre elettromotrici (serie Be 4/4 6÷8)[13].

Tra il gennaio e il giugno 1969 vennero consegnati nove elettrotreni a tre casse (serie BDe 8/8 1÷9) realizzati da Schlieren ed Oerlikon. In attesa dell'aumento della tensione d'alimentazione sulla linea da 900 a 1200 V alcuni convogli vennero noleggiati ad altre linee elvetiche (Frauenfeld-Wil e Solothurn-Zollikofen-Bern-Bahn)[14]. Sono rimasti in servizio sino al 2011[15]: ne è stato conservato un esemplare (il numero 7) restaurato per impieghi storici[16].

Nel 1993 Schindler, ABB e SIG realizzarono cinque elettromotrici articolate (serie Be 4/8 21÷25).

Dal 2010 sono entrati in servizio quattordici elettrotreni a pianale ribassato realizzati dalla Stadler (serie ABe 4/8 5001÷5014), soprannominati dal costruttore "Diamant"[17], che hanno permesso di rimpiazzare i BDe 8/8 del 1969 e i Be 4/8 del 1993, questi ultimi venduti alla WSB[18].

Materiale motore - prospetto di sintesi[modifica | modifica wikitesto]

Tipo Unità Anno di costruzione Costruttore Note
Automotrici elettriche CFe 4/4 10 1928 SWS-MFO rotabile storico
Automotrici elettriche BDe 8/8 7 1969 SWS-MFO rotabile storico
Automotrici elettriche ABe 4/8 5001÷5014 2010 Stadler tipo Diamant

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Aargau, in Zuger Volksblatt (Zugo), 30 agosto 1876, p. 3. URL consultato il 31 gennaio 2019.
  2. ^ a b (DE) Toni Widmer, Die Bahnlinie Wohlen-Bremgarten wird nach 140 Jahren definitiv zur Schmalspur, in Aargauer Zeitung (Aarau), 17 febbraio 2015. URL consultato il 1° febbraio 2019.
  3. ^ (DE) 50 Jahre Bremgarten-Dietikon-Bahn, in Die Tat (Zurigo), 1° maggio 1952, p. 3. URL consultato il 31 gennaio 2019.
  4. ^ (FR) Chemin de fer électrique, in La Liberté (Friburgo), 2 maggio 1902, p. 2. URL consultato il 31 gennaio 2019.
  5. ^ Wir stellen uns vor (PDF), su aargauverkehr.ch. URL consultato il 30 gennaio 2019.
  6. ^ La ligne Dietikon - Bremgarten - Wohlen, su triebzug.ch. URL consultato il 30 gennaio 2019.
  7. ^ Schweizerische Bauzeitung, op. cit., p. 199
  8. ^ Steam and diesel to mark end of mixed gauge on BDWM, su proaktiva.ch. URL consultato il 30 gennaio 2019.
  9. ^ (DE) Hans Bodmer, Das Tram in Zürich 1928 bis 1962, Erfurt, Sutter Verlag, 2011, p. 64, ISBN 9783866809291. URL consultato il 1° febbraio 2019.
  10. ^ Schweizerische Bauzeitung, op. cit., p. 202
  11. ^ a b c Bremgarten - Dietikon - Bahn (BD), su pospichal.net. URL consultato il 29 gennaio 2019.
  12. ^ Schweizerische Bauzeitung, op. cit., p. 204
  13. ^ (DEFR) Verzeichnis des Rollmaterial der Schweizerischen Privatbahnen/État du materiel roulant des chemins de fer suisses privés, Berna, Ufficio federale dei trasporti, 1958, pp. 38-39. URL consultato il 29 gennaio 2019.
  14. ^ (DE) André Hügli, Die BDe 8/8 1-9 der BD (PDF), in Lökeli-Journal, nº 2, 2001, pp. 3-5. URL consultato il 29 gennaio 2019.
  15. ^ BDWM: BDe8/8 era ends, su proaktiva.ch. URL consultato il 30 gennaio 2019.
  16. ^ BDWM BDe 8/8 is back, su proaktiva.ch. URL consultato il 30 gennaio 2019.
  17. ^ Meterspur-Niederflur-Gelenktriebzug für die BDWM Transport AG, Schweiz (PDF), su ub.unibas.ch. URL consultato il 29 gennaio 2019.
  18. ^ BDWM Be 4/8 go to AAR, su proaktiva.ch. URL consultato il 1° febbraio 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]