Ferrari 340 F1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ferrari 340 F1
Descrizione generale
Costruttore Italia  Ferrari
Categoria Formula 1
Produzione 1950
Squadra Scuderia Ferrari
Progettata da Aurelio Lampredi
Sostituisce Ferrari 275 F1
Sostituita da Ferrari 375 F1
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio longheroni e traverse tubolari
Motore 12 cilindri a V di 4101 cm³
Trasmissione cambio manuale 4 marce + RM non sincronizzato montato in blocco con il differenziale ZF; trazione posteriore
Dimensioni e pesi
Lunghezza 3937 mm
Larghezza 1428 mm
Altezza 960 mm
Passo 2420 mm
Peso 850 kg
Altro
Carburante Shell
Pneumatici Pirelli
Avversarie Alfa Romeo 158
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio delle Nazioni 1950
Piloti Alberto Ascari, Piero Taruffi
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
0 (valide per il mondiale) 0 0 0

La Ferrari 340 F1 è una vettura che ha preso parte a due gare della stagione motoristica 1950 non valide per il campionato mondiale di Formula 1. Essa ha rappresentato la tappa intermedia tra la 275 F1 e la 375 F1 nello sviluppo del nuovo motore V12 aspirato.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Completata la prima fase dello sviluppo del V12 aspirato con la cilindrata di 3 300 cm³ montato sulla 275 F1, l'ing. Aurelio Lampredi passò alla tappa successiva che prevedeva la realizzazione di un V12 da 4 100 cm³ tramite l'aumento di alesaggio e corsa del motore da 3 300 cm³. Questo motore fu montato sulla monoposto 340 F1, logica evoluzione della 275 F1.

Il nuovo motore esprimeva ora una potenza massima di 335 CV a 7 000 giri/min ed era montato su un nuovo telaio sempre a longheroni e traverse ma con passo allungato a 2 420 mm. Nuova era anche la sospensione posteriore che adottava uno schema De Dion, già sperimentato sulla 125 F1 e su monoposto di Formula 2, in sostituzione delle barre di torsione. Il cambio era ora in blocco con il differenziale, soluzione anch'essa sperimentata sulla 125 F1.

Le prestazioni offerte da questa vettura furono un'ulteriore conferma della bontà del progetto tanto che, procedendo a tappe forzate, a fine anno era già pronto il V12 definitivo da 4 500 cm³ che avrebbe dato vita alla nuova 375 F1

Carriera Agonistica[modifica | modifica wikitesto]

L'esordio della 340 F1 avvenne al Gran Premio delle Nazioni nell'agosto del 1950, gara non valida per il mondiale di Formula 1. La nuova monoposto era stata affidata ad Alberto Ascari e sullo schieramento occupava la prima fila al fianco dell'Alfa Romeo 158 di Fangio e della "vecchia" 275 F1 pilotata da Luigi Villoresi. Ascari rimase in testa per gran parte della gara ma fu poi costretto al ritiro per noie al motore che col passare dei giri cominciava ad accusare qualche malanno. Nonostante il ritiro, la 340 F1 si dimostrò veloce e in grado di tenere testa agli avversari più blasonati facendo così intuire che la futura 375 F1 sarebbe stata certamente in grado di competere per il mondiale.

La seconda ed ultima apparizione della 340 F1 avvenne al Gran Premio di Penya Rhin quando ormai la 375 F1 aveva già fatto il suo esordio al Gran Premio d'Italia un mese e mezzo prima. Pilotata da Piero Taruffi si classificò terza dietro alle 375 F1 di Ascari e Serafini.

Caratteristiche tecniche - Ferrari 340 F1
Configurazione
Carrozzeria: monoposto Posizione motore: anteriore longitudinale Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 3937 × 1428 × 960 Diametro minimo sterzata:
Interasse: 2420 mm Carreggiate: anteriore 1278 - posteriore 1250 mm Altezza minima da terra:
Posti totali: 1 Bagagliaio: Serbatoio: 195
Masse / in ordine di marcia: 850 kg
Meccanica
Tipo motore: 12 cilindri a V di 60° Cilindrata: 4.101,96 cm³
Distribuzione: monoalbero a camme in testa Alimentazione: 3 carburator1 Weber 42DCF
Prestazioni motore Potenza: 335 CV a 7.000 giri/min
Accensione: singola, 2 magneti Impianto elettrico:
Frizione: multidisco Cambio: 4 marce + RM non sincronizzato in blocco col differenziale
Telaio
Corpo vettura longheroni e traverse tubolari
Sterzo a vite senza fine e settore
Sospensioni anteriori: ruote indipendenti, quadrilateri deformabili, balestra trasversale, ammortizzatori Houdaille / posteriori: semiassi oscillanti, ponte De Dion, balestra trasversale, ammortizzatori Houdaille
Freni anteriori: a tamburo / posteriori: a tamburo
Pneumatici 5,50/16 - 7,00/16
Prestazioni dichiarate
Velocità: 300 km/h Accelerazione:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Tutto Ferrari, Mondadori, Milano 2004.
  • Casucci, Piero, Profili Quattroruote: Ferrari F1 1948-1963, Editoriale Domus, Milano 1985.
  • www.ferrari.com, su ferrari.com.