Ferrari 248 F1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferrari 248 F1
Felipe Massa 2006 Canada (crop).PNG
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Scuderia Ferrari
Categoria Formula 1
Squadra Scuderia Ferrari Marlboro
Progettata da Aldo Costa
Rory Byrne
Sostituisce Ferrari F2005
Sostituita da Ferrari F2007
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Ferrari, monoscocca in fibra di carbonio a nido d'ape
Motore Ferrari 056, V8 2.4
Trasmissione Cambio longitudinale a 7 rapporti + retromarcia
Dimensioni e pesi
Lunghezza 4.545 mm
Larghezza 1.796 mm
Altezza 959 mm
Passo 3.050 mm
Peso 600 kg
Altro
Carburante Shell
Pneumatici Bridgestone
Avversarie Renault R26
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio del Bahrain 2006
Piloti 5. Michael Schumacher
6. Felipe Massa
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
18 9 7 9

La Ferrari 248 F1 è un'automobile monoposto sportiva di Formula 1, la cinquantaduesima utilizzata dalla Scuderia Ferrari, che ha gareggiato nella stagione 2006. Il progetto è contraddistinto dalla sigla interna 657.

Presentazione[modifica | modifica wikitesto]

Contrariamente a quanto successo nelle passate stagioni, la vettura è stata presentata il 24 gennaio 2006 presso il circuito del Mugello, di proprietà della Ferrari e dove la scuderia italiana si ritrova spesso per delle sessioni di test nel corso della stagione. Il nome della vettura si riferisce sia alla cilindrata di 2,4 l sia alla tipologia del motore di cui è dotata, ovvero un 8 cilindri a V.

Livrea e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Esteticamente la vettura non vede cambiamenti rispetto alla F2005: il caratteristico rosso corsa continua a farla da padrone, mentre gli inserti bianchi sono dovuti agli sponsor Marlboro e Vodafone. A partire da questa stagione appare per la prima volta il logo della Martini, che occupa un piccolo spazio sul muso della vettura.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

La prima versione della 248 F1 rappresenta un ibrido, in quanto riprende alcune soluzioni adottate sulla F2005 che nel corso della stagione sono state per gradi raffinate e gradualmente sostituite, alla ricerca dell'affidabilità più alta possibile, da componenti maggiormente competitive.

Aerodinamica[modifica | modifica wikitesto]

La nuova vettura presenta un telaio alleggerito e delle pancie laterali decisamente arrotondate, sulle quali poggiano direttamente gli specchietti retrovisori. Ross Brawn e Aldo Costa, i tecnici della Ferrari che si sono occupati della progettazione della vettura, hanno inoltre rivisto completamente il fondo vettura e il profilo estrattore.

Motore[modifica | modifica wikitesto]

Il motore 056 è portante e montato longitudinalmente: come da regolamento, il nuovo propulsore è un 2400 cm³ di cilindrata ad angolo di bancata V8, che sostituisce i precedenti 3000 cm³ V10.

Carriera agonistica[modifica | modifica wikitesto]

La prima gara disputata è il 12 marzo del 2006 in occasione del Gran Premio del Bahrain. Ha ottenuto nove vittorie nel campionato mondiale 2006 di Formula 1 totalizzando 201 punti nel campionato costruttori, 121 conquistati da Michael Schumacher e 80 da Felipe Massa, classificandosi al secondo posto alle spalle della Renault.

Risultati completi[modifica | modifica wikitesto]

Anno Vettura Motore Gomme Piloti Flag of Bahrain.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Australia.svg Flag of San Marino.svg Flag of Europe.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Turkey.svg Flag of Italy.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Japan.svg Flag of Brazil.svg Punti Pos.
2006 248 F1 Ferrari Tipo 056 B Germania Michael Schumacher 2 6 Rit 1 1 2 5 2 2 1 1 1 8 3 1 1 Rit 4 201
Brasile Felipe Massa 9 5 Rit 4 3 4 9 5 5 2 3 2 7 1 9 Rit 2 1

Scheda tecnica[modifica | modifica wikitesto]

La 248 F1 guidata da Michael Schumacher nel Gran Premio del Canada 2006

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ferrari 248 F1. URL consultato il 27 giugno 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]