Ferran Adrià

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ferran Adrià nel 2014

Ferran Adrià Acosta (L'Hospitalet de Llobregat, 14 maggio 1962) è un cuoco spagnolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ferran Adrià ha iniziato la sua carriera culinaria nel 1980 mentre lavorava come lavapiatti all'hotel Playafels nella città di Castelldefels. Lo chef dell'hotel gli ha insegnato la preparazione di piatti catalani. All'età di diciannove anni ha prestato servizio militare con la mansione di cuoco. Nel 1984, Adrià si è unito allo staff dell'allora sconosciuto ristorante "El Bulli" a Roses sulla Costa Brava, di cui diciotto mesi dopo è diventato lo chef.

Il ristorante El Bulli rimaneva aperto solamente per alcuni mesi all'anno; durante i perioi di chiusura Adrià s'impegnava per mettere a punto delle pietanze insieme al fratello Albert nel laboratorio "El Taller" a Barcellona[1]. Nel gennaio del 2010, Adrià annunciò la futura cessazione dell'attività del ristorante "El Bulli" per potersi dedicare a nuove ricerche in campo culinario e innovare la cucina internazionale;[2] come preannunciato, il 30 luglio 2012, venne effettuato l'ultimo servizio del ristorante.

Il programma televisivo italiano Striscia la notizia aveva realizzato un'inchiesta riguardo l'uso di additivi nella gastronomia molecolare sollevando critiche a proposito di Adrià da parte di alcuni suoi colleghi.[3]

Adrià è spesso associato alla gastronomia molecolare assieme allo chef inglese Heston Blumenthal[senza fonte].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 è stato inserito dal Time nella lista dei cento uomini più influenti al mondo[4]. El Bulli ottenne 3 stelle Michelin e per tre anni consecutivi, dal 2006 al 2009, si posizionò primo nella classifica The World's 50 Best Restaurants del periodico Restaurant.[5][6]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Kelly Snowden, El Bulli's Laboratory: Behind the Doors of El Taller in Barcelona, on StarChefs.com, su starchefs.com. URL consultato il 2 settembre 2016.
  2. ^ Addio a El Bulli di Ferran AdriàChiude il miglior ristorante del mondo, La Stampa, 28 luglio 2011. URL consultato il 2 settembre 2016.
  3. ^ Striscia la Notizia - "Fornelli polemici": Ferran Adrià ha deciso di chiudere il suo ristorante El bulli questa decisione ha per caso a che fare con l'inchiesta di Striscia?, su striscialanotizia.mediaset.it (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2014).
  4. ^ (EN) James Graff, Ferran Adrià, su content.time.com. URL consultato il 2 settembre 2016.
  5. ^ (EN) Brett Moore, Ferran Adria, su gourmetfood.about.com. URL consultato il 2 settembre 2016.
  6. ^ (EN) Prizes and awards, su elbulli.com (archiviato dall'url originale il 1° aprile 2016).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN75043995 · ISNI (EN0000 0001 1475 2076 · LCCN (ENno98036440 · GND (DE13350672X · BNF (FRcb14636420j (data) · NDL (ENJA00804923 · WorldCat Identities (ENno98-036440