Fernando Cortez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il condottiero spagnolo, vedi Hernán Cortés.
Fernando Cortez
Titolo originale Fernand Cortez
Lingua originale francese
Genere grande opera
Musica Gaspare Spontini
Libretto Victor-Joseph-Étienne de Jouy e Joseph-Alphonse d'Esmenard
Fonti letterarie "La conquête du Mexico", tragedia in tre atti
Atti tre
Prima rappr. 28 novembre 1809
Teatro Opéra, Parigi
Versioni successive
Personaggi

Fernand Cortez, in italiano Fernando Cortez, è una grande opera di Gaspare Spontini su libretto di Victor-Joseph-Étienne de Jouy e Joseph-Alphonse d'Esmenard, debuttante il 28 novembre 1809 all'Opéra di Parigi con François Lays.

L'opera fu commissionata a Spontini per esaltare la campagna militare francese in Spagna, proprio in quegli anni. L'opera ebbe un discreto successo, ma fu ritirata dopo tredici rappresentazioni, e il compositore la sottopose a delle pesanti revisioni. Al Teatro degli Stati di Praga ha la prima il 12 agosto 1813 diretta da Carl Maria von Weber ed il 15 ottobre 1814 allo Staatsoper Unter den Linden di Berlino. L'opera debuttò di nuovo all'Opéra di Parigi otto anni dopo, l'8 maggio 1817 con successo diretta da Rodolphe Kreutzer con Lays e Nicolas-Prosper Levasseur e replicata nella seconda versione il 28 maggio. Il 4 febbraio 1820 avviene la prima di Fernando Cortez o la conquista del Messico nella traduzione di Giovanni Schmidt al Teatro San Carlo di Napoli diretta da Gioachino Rossini con Isabella Colbran, Andrea Nozzari e Michele Benedetti (basso). In seguito l'opera ebbe due revisioni, rappresentate entrambe allo Staatsoper Unter den Linden di Berlino come Fernand Cortez oder Die Eroberung von Mexiko nella terza versione e Parigi, nel 1824 e nel 1832 ancora a Berlino nella quarta versione.

Negli Stati Uniti la premiere è avvenuta al Metropolitan Opera House di New York nel 1888 diretta da Anton Seidl con Emil Fischer (cantante) ed al Teatro alla Scala di Milano nel 1916 nella traduzione di Angelo Zanardini diretta da Ettore Panizza con Ester Mazzoleni, Icilio Calleja, Giuseppe Danise e Mansueto Gaudio.

Nonostante la bellezza della musica, l'opera cadde nel dimenticatoio. Un'importante esecuzione fu nel 1951 al Teatro San Carlo di Napoli, con Renata Tebaldi nel ruolo della protagonista.

Al Teatro La Fenice di Venezia ebbe la prima nel 1974 diretta da Carlo Franci.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Atto I[modifica | modifica wikitesto]

In Messico, le truppe di Fernando Cortez vorrebbero ritornare in patria, ma il capitano desiste: l'amato fratello Alvaro è in mano agli spagnoli. Fernando è innamorato della bella Amazily, sorella di Télasco, parente del re Montezuma. Amazily preoccupata annuncia a Fernando un sacrificio orribile con Alvaro come vittima. Intanto arriva un gruppo di messicani guidati da Télasco che annuncia la volontà di vendicarsi dei messicani e consiglia a Fernando di partire. Il capitano rifiuta la proposta, e come riprova della sua decisione dà fuoco alla sua flotta.

Atto II[modifica | modifica wikitesto]

I soldati spagnoli si stanno avvicinando al tempio. Télasco, loro prigioniero, accusa Amazily di tradimento verso la patria. Cortez, intanto annuncia la liberazione di Alvaro, e libera Télasco, tuttavia i messicani vogliono anche la testa di Amazily in cambio del prigioniero. La ragazza accetta il proprio destino, e nuota nel lago fino al tempio. Cortez ordina ai suoi di invadere il tempio.

Atto III[modifica | modifica wikitesto]

Nel Tempio del Dio del Male, Alvaro conforta i suoi amici a morire con onore. Giunge Amazily, che si offre come vittima per il sacrificio. Il sacerdote la insulta come traditrice, ma Télasco la difende. Si diffonde la notizia della cattura del re Montezuma, e Télasco parte per liberarlo. Il sacrificio sta per compiersi, ma Fernando giunge in tempo per liberare Amazily. Il tempio viene distrutto, e Télasco li unisce in matrimonio. Le due nazioni sono così rappacificate.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il Fernando Cortez è anche un'opera di Francesco Malipiero. È stata soverchiata dalla più nota opera di Spontini e quasi mai eseguita.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di ottobre 1983 il Centro di Studi Spontiniani (a Majolati Spontini) ha promosso varie rappresentazioni di quest'opera, nel Teatro Pergolesi di Jesi. I protagonisti: il soprano italo argentino Adelaide Negri ed il tenore italiano Carlo Bini. Direttore d'orchestra il maestro Carlo Franci.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ newornamenti

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE300892608
musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica