Fernando Atzori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fernando Atzori
Fernando Atzori.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 158 cm
Peso 51 kg
Pugilato Boxing pictogram.svg
Categoria Pesi mosca
Società Esercito
Ritirato 7 febbraio 1975
Carriera
Incontri disputati
Totali 52
Vinti (KO) 44 (13)
Persi (KO) 6 (5)
Pareggiati 2
Palmarès
Olympic flag.svg Giochi olimpici
Oro Tokyo 1964 Pesi mosca
 

Fernando Atzori (Ales, 1º giugno 1942) è un ex pugile italiano, medaglia d'oro nel 1964 alle Olimpiadi di Tokyo e campione europeo dei mosca, dal 1967 al 1973.

Carriera da dilettante[modifica | modifica wikitesto]

Atzori lascia la Sardegna giovanissimo per trasferirsi a Firenze che diviene la sua città d'adozione. Si avvicina al pugilato nell'Accademia pugilistica fiorentina con il maestro Dino Ciappi[1].

La sua carriera dilettantistica è esaltante: nel 1963 è campione d'Italia nei pesi mosca a Pesaro; Medaglia d'Oro ai Giochi del Mediterraneo a Napoli e campione del Mondo militari a Francoforte. L'anno successivo bissa il titolo italiano e quello mondiale militari a Tunisi e, soprattutto, conquista la medaglia d'oro alle Olimpiadi di Tokyo. Nel torneo olimpico supera ai punti, nei primi tre turni, l'egiziano Mahmoud Mersal, l'australiano Darryl Norwood e l'irlandese John McCafferty, tutti con verdetto unanime. In semifinale e in finale supera lo statunitense Bob Carmody e il polacco Artur Olech, sempre ai punti, sia pure, in entrambi i casi, con il cartellino sfavorevole di un giudice su cinque[2].

Complessivamente, tra i dilettanti, disputa 43 incontri ottenendo 37 vittorie[2].

Carriera da professionista[modifica | modifica wikitesto]

Debutta tra i professionisti già designato come erede di Salvatore Burruni, anch'egli sardo e proveniente dai pesi mosca[1].

Giunge imbattuto dopo quattordici combattimenti a combattere per la cintura europea contro un antico avversario di Burruni, il francese René Libeer, nel frattempo impadronitosi del titolo e poi dichiarato decaduto. L'incontro, con in palio il titolo vacante, si tiene il 25 gennaio 1967, al Villeurban Stadium di Lione. Il match è durissimo ed equilibrato ma, alla fine, un richiamo ufficiale nei confronti del francese lo decide in favore di Atzori[1] che, ai punti, conquista il titolo europeo dei pesi mosca[2]. Fernando è però costretto a concedere la rivincita all'avversario, il 2 agosto, a Levico Terme. Stavolta, è un verdetto di parità che gli consente di conservare la cintura[2].

Il 15 dicembre 1967, difende il titolo contro lo svizzero Fritz Chervet e lo sconfigge nettamente nella sua tana, a Berna, per KO alla quattordicesima ripresa[2], dopo averlo atterrato quattro volte[1]. A questo punto, Atzori ritiene che sia giunto il momento di combattere oltre oceano ma, il 28 gennaio 1968, a Città del Messico, è punito dal messicano Octavio Gomez e subisce la sua prima sconfitta, per KO alla quarta ripresa[2].

Torna a combattere per il titolo europeo e lo difende contro lo scozzese John McCluskey (vittoria per KO alla quarta ripresa, il 26 giugno 1968 a Napoli[2]) e il campione italiano Franco Sperati (vittoria per KO tecnico alla ripresa il 20 dicembre a Torino[2]). I successi in campo europeo lo stimolano a cercare una notorietà anche a livello mondiale ma è ridimensionato dal filippino Bernabe Villacampo che, sul ring amico di Manila, il 18 gennaio 1969, lo atterra alla settima ripresa sino al conto finale[2]. In seguito, sarà Villacampo a indossare la corona mondiale.

Nonostante l'insuccesso di Manila, prosegue indisturbato il dominio di Atzori a livello continentale: sconfigge uno dopo l'altro il francese Kamara Diop (ai punti, il 3 settembre 1969 a Cosenza[2]), ancora Franco Sperati (il 1º maggio 1970 a Cagliari, per KO alla dodicesima ripresa[2]), lo spagnolo Andres Sainz Romero (il 18 dicembre a Madrid, per KO tecnico alla dodicesima ripresa[2]), ancora lo scozzese McCluskey (ai punti, il 19 marzo 1971 a Zurigo[2]) e il francese Gerard Macrez (ancora ai punti, il 4 agosto 1971 ad Ancona[2]).

Il 3 marzo 1972, Atzori accetta nuovamente di combattere a Berna contro l'ostico svizzero Fritz Chervet. All'undicesima ripresa, indispettito per le scorrettezze dell'avversario - che, a suo dire, gli ha infilato un dito nell'occhio - volta le spalle e abbandona. Lo svizzero gli è subito addosso e continua a colpirlo; ne nasce una rissa, a stento interrotta dagli assistenti dei due pugili[1]. Il verdetto, però, è di KO tecnico a favore di Chervet[2].

Atzori si rimette in fila e, nonostante un'altra sconfitta in Australia, da parte di Henry Nissen[2], viene nuovamente designato dall'EBU a combattere per la cintura europea, nel frattempo lasciata vacante da Chervet per inseguire vanamente una chance mondiale. Il sardo-fiorentino si rimpossessa così della cintura europea il 28 giugno 1973 a Novara, battendo per KO alla dodicesima ripresa il francese Dominique Cesari[2]. Il 26 dicembre successivo, tuttavia, è costretto nuovamente a cedere il titolo al rientrante Chervet, per KO alla settima ripresa, sul ring della Capitale svizzera[2].

Dopo altri tre incontri in tono minore, Atzori si ritira dalla boxe, nel 1975[2].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al valore atletico - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valore atletico
«Olimpiadi di Tokyo. Medaglia d'oro nei pesi mosca di pugilato[3]»
— Roma, 1964
Collare d'oro al merito sportivo - nastrino per uniforme ordinaria Collare d'oro al merito sportivo
«Campione olimpico del 1964 - Cat. di peso mosca»
— Roma, 2015.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]