Fermoposta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il fermoposta[1] (in francese poste restante) è un servizio postale che prevede che il destinatario non riceva la corrispondenza, ma venga a ritirarla in un ufficio postale.

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

La consegna in fermoposta è utile per chi non ha un recapito fisso e quindi non ha altro modo di farsi consegnare la posta. Questo servizio consente anche un grado di riservatezza maggiore della consegna normale, poiché sull'invio non è scritto l'indirizzo del destinatario, ma quello dell'ufficio postale dove si vuole che sia ritirato.

Nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

L'Unione Postale Universale autorizza i suoi membri a riscuotere, oltre alla normale affrancatura, una tassa sugli invii inviati in fermoposta, sia di provenienza interna che straniera[2]. La tassa generalmente è pagata dal destinatario, ma può essere assolta anche dal mittente.

Italia[modifica | modifica wikitesto]

La normativa italiana[3] consente un grado ancor maggiore di riservatezza, visto che in luogo del nome del destinatario si può scrivere il numero di un suo documento d'identità. Chiaramente, per poter ritirare la corrispondenza è necessario dimostrare di essere il destinatario, mostrando un documento all'ufficiale postale incaricato alla consegna. Di conseguenza, l'anonimato non è mai completo.

Dopo un periodo di giacenza presso l'ufficio di destinazione (generalmente sotto i trenta giorni[3][4][5]) l'invio è riconsegnato al mittente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Contrazione della più antica dizione di fermo in posta o fermo alla posta.
  2. ^ Manuel de la poste aux lettres, Art. 106 § 2.1 del Règlement de la poste aux lettres.
  3. ^ a b Consegna personalizzata - Fermoposta, su poste.it. URL consultato l'11 marzo 2016.
  4. ^ (FR) Recevoir un envoi en Poste restante, su laposte.fr. URL consultato l'11 marzo 2016.
  5. ^ (FR) Poste restante, su bpost.be. URL consultato l'11 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2016).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Manuel de la poste aux lettres (PDF), Berne, Bureau International de l'Union postale universelle, 2013 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2016).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]