Ferdinando Provesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferdinando Angelo Maria Provesi

Ferdinando Angelo Maria Provesi (Parma, 20 aprile 1770Busseto, 26 luglio 1833) è stato un compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu organista a Scandolara Ravara, Soresina, Cremona e Sissa. A Sissa venne arrestato per avere rubato il cesto delle offerte dalla chiesa.[1] Dopo un periodo di detenzione e una condanna all'esilio, venne graziato e ricominciò l'attività di organista ad Asola.[2] In seguito si stabilì a Busseto, dove fu maestro di cappella, insegnante di musica e direttore dell'Orchestra Filarmonica che aveva sede nella casa di Antonio Barezzi.[1]

Fu autore di alcune opere liriche, tutte rappresentate a Busseto, di cui scrisse personalmente i libretti.[3] Compose inoltre molta musica sacra (comprendente un Ave Maris stella, un Requiem che fu eseguito ai suoi funerali[2], messe, inni, salmi e mottetti), musica da camera e sinfonica (tra cui la sinfonia in do maggiore per l'opera La clemenza di Cesare, pubblicata nel 1941 come La clemenza di Tito[2][1]).

Tra le sue composizioni, le più interessanti sono quelle sacre e strumentali, in cui Provesi mette in mostra «vigore ritmico e melodico»[1], mentre le opere sono poco significative.

Provesi è ricordato in particolare per essere stato «il più importante»[3] tra i primi insegnanti di musica di Giuseppe Verdi. Ebbe tra i suoi allievi anche Margherita Barezzi, la futura prima moglie di Verdi.[2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • La clemenza di Cesare, dramma serio
  • Una difficile persuasione, farsa in due atti
  • Eurisio e Camilla, ossia La costanza alla prova, melodramma semiserio in due atti
  • Pigmalione, melodramma
  • Le nozze campestri, farsa
  • L'ebreo di Livonia, farsa

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Montemorra Marvin, New Grove Dictionary of Music and Musicians
  2. ^ a b c d PROVESI Ferdinando, compositore, in Dizionario dei musicisti del ducato di Parma e Piacenza
  3. ^ a b Rescigno, Dizionario verdiano

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN13229876 · ISNI: (EN0000 0000 4006 6937 · SBN: IT\ICCU\CUBV\129874 · LCCN: (ENno2002002627 · GND: (DE123951623 · CERL: cnp00472714
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie