Ferdinando Bracciforti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ferdinando Bracciforti (Fermo, 15 novembre 1827Milano, 20 aprile 1907) è stato un linguista, docente e patriota italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Fermo (tornata nel 1814 sotto il dominio dello Stato Pontificio dopo il dissolversi del napoleonico Regno Italico) dal conte Vincenzo e da Giulia Cioccolanti,[1] fu allievo nel collegio di Parma dei chierici regolari di San Paolo (meglio conosciuti come barnabiti) e poi paggio nella corte di Maria Luisa d'Asburgo-Lorena, duchessa di Parma.[1]

Dopo aver partecipato nel 1848 alla prima guerra d'indipendenza come volontario, combattendo nelle battaglie di Pastrengo e di Novara,[1] si laureò in legge e studiò varie lingue, tra cui, particolarmente, l'inglese di cui fu insegnante per alcuni decenni in varie scuole milanesi.[1]

Abbandonata la fede cattolica poco dopo il 1860,[1] aderì all'evangelicismo e poi alle dottrine dell'unitarianismo,[1] movimento religioso cristiano che, rifiutando il dogma della Trinità e la conseguente divinità di Cristo, affermava l'assoluta unicità di Dio. Bracciforti cercò di diffondere in Italia le tesi unitariane anche attraverso un periodico, Riforma del secolo XIX, pubblicato a Milano dal 1869 al 1872.[1]

Collaborarono al periodico diversi patrioti del Risorgimento italiano tra i quali Garibaldi, Saffi, triumviro della Repubblica Romana, Mamiani, ministro e senatore del Regno d'Italia ed altri.[1]

Il suo impegno portò alla creazione, nel capoluogo lombardo, della prima comunità unitariana d'Italia.[1]

Morì a Milano a settantanove anni.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • J. Millhouse e F. Bracciforti, New English and Italian pronouncing and explanatory dictionary with many addictions by Ferdinand Bracciforti, Milano, a spese degli eredi Millhouse, 1864.
  • Cristianesimo senza miracoli per un evangelico sazio di dommatismo, Milano, Tip. Internazionale, 1866.
  • Patriottismo e cristianesimo per l'autore del Cristianesimo senza miracoli, Milano, Tip. Internazionale, 1866.
  • A new pronouncing-dictionary of the English and Italian languages, Milano, O. Ferrario, (Tip. Wilmant), 1874.
  • Corso pratico-teorico di lingua inglese, 2 voll., Milano, Tip. Lombardi, 1877-1879
  • Nuovo dizionario inglese-italiano e italiano-inglese, con la pronuncia segnata per ambe le lingue, Milano, Tip. Della Casa Edit. Guigoni, 1892.
  • Per le elezioni politiche, appello al buon senso e al patriottismo. Discorso pronunciato il 2 novembre 1894 del prof. Ferdinando Bracciforti, Milano, Tip. Bernardoni di C. Rebeschini e C., 1895.
  • Cristo redentore anche senza miracoli, Milano, Tip. Rigamonti e Brambilla, 1896.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i Fonte: Dizionario Biografico degli Italiani, riferimenti e link in Bibliografia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN88708232 · SBN: IT\ICCU\LO1V\145852 · ISNI: (EN0000 0000 6169 4270 · BAV: ADV10060715