Ferdinando Aschieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ferdinando Aschieri (Modena, 3 dicembre 1844Pavia, 15 aprile 1907) è stato un matematico italiano.

Allievo di Eugenio Beltrami, si laureò all'Università di Pisa nel 1867, città in cui nel 1869 ottenne l'abilitazione all'insegnamento alla Scuola Normale.

Nel 1870 fu nominato professore di Matematica al Liceo di Parma e nel 1874 si trasferì all'Istituto Tecnico di Pavia. All'Università di Pavia a partire dal 1875 (inizialmente come incaricato, dal 1876 come straordinario e dal 1884 come ordinario) tenne vari corsi, principalmente di geometria descrittiva, proiettiva e superiore, tanto nella Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali, quanto nella Scuola di Applicazione per ingegneri e nella Scuola Normale o Scuola di Magistero destinata alla formazione degli insegnanti.

Fu dal 1899 membro effettivo del Regio Istituto Lombardo di Scienze e Lettere.

La sua attività di ricerca fu dedicata principalmente alla geometria proiettiva e alla geometria non euclidea.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Fu sposato con Giulia Galvani, il figlio Emilio Carlo fu architetto e professore di Disegno all'Università di Pavia.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ferdinando Aschieri, Ann. della R. Univ. di Pavia, 1907-08, pp. 283-285.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN63995469 · SBN: IT\ICCU\RAVV\083250 · BNF: (FRcb10519529h (data)