Femtofotografia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Femtofotografia è un termine riferito alla cattura di immagini ad altissima velocità. La femtofotografia di oggetti macroscopici è stata realizzata per la prima volta da un gruppo di ricercatori Media Lab del Massachusetts Institute of Technology (MIT), guidato da Ramesh Raskar.[1] Prima di allora il termine era stato usato per procedure sperimentali proposte in esperimenti di fisica nucleare.[2]

Il gruppo di Raskar afferma nella propria pubblicazione di essere in grado di catturare esposizioni così brevi che la luce percorre soltanto 0,6 mm (pari a un tempo di pochi picosecondi, o migliaia di femtosecondi) grazie ad apparecchiature avanzate e sofisticati algoritmi[3].

La tecnica della femtofotografia permette fra l'altro di registrare l'immagine di un oggetto nascosto dietro un angolo attraverso la riflessione dei fotoni su una superficie intermedia, sull'oggetto stesso e poi di nuovo sulla superficie intermedia verso l'obiettivo fotografico.[4]

Presentando il proprio lavoro alla conferenza TED Global 2012 Raskar ha raggiunto un pubblico molto ampio grazie al video della conferenza[4] e alla sua diffusione virale attraverso internet.

Note[modifica | modifica wikitesto]