Federterra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La Federterra (Federazione nazionale fra i lavoratori della terra) è stata un'organizzazione sindacale contadina italiana di ispirazione socialista italiana.

Tra i principali esponenti si segnalano Argentina Altobelli, Nino Mazzoni e Pio La Torre.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Nata nel 1901 a Bologna, rganizzava braccianti, mezzadri e piccoli proprietari (ma solo coltivatori diretti) principalmente in Emilia Romagna, Lombardia e Veneto.

Venne soppressa dal governo Mussolini, ma si riorganizzò nel secondo dopoguerra prendendo il nome di Confederazione nazionale dei lavoratori della terra (anche Confederterra)[1] e aderendo poi alla CGIL.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Ha promosso molte iniziative al fine di migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, attraverso le quali ottennero la riduzione dell'orario di lavoro alle otto ore, la paga oraria, miglioramenti nelle tariffe e stesura dei contratti di lavoro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]