Federico di Nassau-Weilburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Federico
Conte di Nassau-Weilburg
In carica 1655 - 1675
Nascita Metz, 26 aprile 1640
Morte 8 settembre 1675
Casa reale Casato di Nassau
Padre Ernesto Casimiro, Conte di Nassau-Weilburg
Madre Anna Maria di Sayn-Wittgenstein-Hachenburg
Consorte Cristiana Elisabetta di Sayn-Wittgenstein-Homburg

Federico di Nassau-Weilburg (26 aprile 16408 settembre 1675) fu il regnante conte di Nassau-Weilburg dal 1655 al 1675.

Era figlio di Ernesto Casimiro (1607–1655) e di sua moglie Anna Maria of Sayn-Wittgenstein-Hachenburg (1610–1656).

I suoi genitori fuggirono da Metz durante la guerra dei trent'anni. Federico nacque a Metz e trascorse lì la sua infanzia. Dopo la fine della guerra, la famiglia ritornò in un paese devastato. Federico ereditò Nassau-Weilburg nel 1655. Poiché all'epoca era ancora minore, suo zio Giovanni funse da reggente. Quando si sposò nel 1663, fu dichiarato adulto e assunse il governo egli stesso.

Nel 1672, scoppiò la guerra franco-olandese. Nassau-Weilburg rimase neutrale, ma subì comunque dal passaggio delle truppe.

Federico morì nel 1675 per un incidente a cavallo. Il conte Giovanni Luigi funse da reggente per i figli di Federico, ancora piccoli.

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Federico sposò il 26 maggio 1663 Cristiana Elisabetta di Sayn-Wittgenstein-Homburg (1646–1678), figlia del Conte Ernesto di Sayn-Wittgenstein-Homburg (1599–1649). Ebbero i seguenti figli:

  • Giovanni Ernesto (13 giugno 1664 - 27 gennaio 1719), sposò nel 1683 Maria Polissena di Leiningen-Dagsburg-Hartenburg (1662–1725)
  • Federico Guglielmo Luigi (21 agosto 1665 - 14 agosto 1684), caduto in battaglia a Buda
  • Maria Cristiana (6 novembre 1666 - 18 dicembre 1734)

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Christian Daniel Vogel, Beschreibung des herzogthums Nassau, p. 355 Online
  • Fried Köllner, Geschichte des vormaligen Nassau-Sarbrück'schen Landes und seiner Regenten, p. 338 ff Online

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN64739210 · GND (DE115560904 · CERL cnp00377235
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie