Federico Rosazza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati di Rosazza, vedi Rosazza (disambigua).
Federico Rosazza Pistolet

Senatore del Regno d'Italia
Legislature XVIII

Dati generali
Titolo di studio dottore in legge
Professione impresario edile

Federico Rosazza Pistolet (Rosazza, 4 marzo 1813Rosazza, 25 settembre 1899) è stato un filantropo e politico italiano, famoso per avere realizzato numerose opere a favore della popolazione della Valle Cervo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Anna Maria Mosca Belrosa e di Vitale, notaio e impresario edile, nacque il 4 marzo 1813 a Rosazza. Iniziò gli studi in Valle Cervo e poi nel seminario di Biella, orientato ad abbracciare la carriera ecclesiastica. A quindici anni abbandonò il seminario e chiese alla propria famiglia di essere impiegato in un cantiere di Genova, città nel cui ampliamento ottocentesco l'impresa familiare ebbe un ruolo notevole. Frequentò il collegio presso i padri Somaschi ed entrò poi all'università laureandosi in giurisprudenza nel 1835. Nel corso dei suoi studi strinse amicizia con vari patrioti liguri tra i quali Giuseppe Mazzini ed aderì alla Giovine Italia. Il ricordo della moglie e della sua unica figlia, entrambe morte prematuramente, lo spinsero ad agire a favore della propria terra d'origine e della popolazione locale. Nell'ultimo trentennio dell'Ottocento realizzò a proprie spese numerose opere pubbliche per migliorare la vita dei propri concittadini ed abbellire Rosazza e la Valle Cervo.

Utilizzò per queste opere maestranze e materiali locali, contribuendo così allo sviluppo economico di questa area montana[1]. La sua fede mazziniana e i suoi legami con la massoneria gli alienarono le simpatie di parte degli ambienti ecclesiastici, nonostante il fatto che tra le opere da lui finanziate fossero compresi anche alcuni edifici religiosi (primo fra tutti la chiesa di Rosazza).

L'appartenenza alla massoneria oltre agli interessi all'alchimia e in generale il mondo esoterico, fino ai templari, lo portarono a riempire di simboli legati a quel mondo tutte le opere da lui realizzate chiese e cimiteri compresi. Così in Valle Cervo, e soprattutto nel paese di Rosazza, galleria compresa, possiamo ritrovare decine di simboli massonici. Il 21 novembre 1892 fu nominato Senatore del Regno; morì a Rosazza il 25 settembre 1899.

La tomba nel cimitero monumentale di Rosazza, opera di Leonardo Bistolfi

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Le principali opere volute da Federico Rosazza riguardano il paese natale, ai tempi frazione di Piedicavallo. A lui si devono il cimitero monumentale, la chiesa parrocchiale, l'attuale sede del Municipio e il castelletto neogotico che sorge a monte dell'abitato in direzione del Colle della Gragliasca. Realizzò poi comode mulattiere per migliorare il collegamento pedonale tra la Valle Cervo e le vallate circostanti, le più note delle quali sono quelle che conducono al Colle della Vecchia e a quello della Gragliasca.

Ma l'infrastruttura viaria più importante fu senza dubbio il collegamento stradale tra i santuari di San Giovanni d'Andorno e di Oropa tramite una galleria che sottopassa il Colle della Colma. Il traforo e la strada di accesso furono costruiti fra il 1889 ed 1898 e sono utilizzati ancora oggi. Vanno infine ricordati numerosi interventi minori tra i quali fontane e abbeveratoi sparsi per le borgate della valle ed alcune belle incisioni rupestri nel vallone della Gragliasca ed attorno al Lago della Vecchia.

In molte di queste opere è possibile ritrovare simboli legati alla massoneria e all'occultismo, interessi che Federico Rosazza condivise con un suo grande amico, il pittore e architetto di Graglia Giuseppe Maffei (1821-1901). Quest'ultimo fu stretto collaboratore del senatore in molte delle sue realizzazioni[2] e a lui fu affidata la guida dei lavori artistici connessi con la realizzazione della Galleria Rosazza. Alcune fonti sostengono che fosse dotato di poteri medianici e facoltà paranormali, ed è certo il suo forte interesse per lo spiritismo. Pare per esempio che molte decisioni in campo artistico venissero prese dal pittore solo dopo la consultazione del proprio "spirito guida".[3]

L'incisione rupestre dedicata alla leggenda della vecchia del lago e del suo orso

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito della Comunità Montane Valle Cervo - La Bürsch
  2. ^ Angelo Stefano Bessone e Sergio Trivero, Il segreto della rosa: una chiesa tra spiritismo e massoneria, DocBi, 2001
  3. ^ Sito della Locanda Galleria di Rosazza www.galleriarosazza.com (consultato nel settembre 2009)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Angelo Stefano Bessone, Uomini, tempi e ambienti operai che hanno preparato Oreste Fontanella, Biella 1985, pp. 160–163

Produzioni video[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

  • Il film The Broken Key regia di Louis Nero cita il personaggio del Federico Rosazza interpretato dall'attore Christopher Lambert.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN81727882 · GND: (DE137551312