Federico Luzzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Federico Luzzi
Federico Luzzi.jpg
Federico Luzzi nel 2006
Nazionalità Italia Italia
Altezza 188 cm
Peso 80 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 18-31
Titoli vinti 0
Miglior ranking 92º (11 febbraio 2002)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 2T (2006)
Francia Roland Garros 1T (2001, 2002)
Regno Unito Wimbledon -
Stati Uniti US Open -
Doppio1
Vittorie/sconfitte 1-6
Titoli vinti 0
Miglior ranking 258º (3 novembre 2003)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 14 maggio 2012

Federico Luzzi (Arezzo, 3 gennaio 1980Arezzo, 25 ottobre 2008) è stato un tennista italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Maurizio, medico, e di Paola Cesaroni, insegnante di musica, iniziò a giocare a tennis all'età di tre anni al Circolo Tennis di Arezzo e già a 10 anni in categoria juniores. Divenne professionista nel 1999 dopo una brillante carriera juniores che fra i 14 e i 16 anni lo vide vincere due campionati europei, un campionato del mondo e svariati titoli italiani in tutte le categorie.[1] Il 2000 fu l'anno dei primi risultati a livello internazionale e da qualificato arrivò fino al terzo turno del torneo di Kitzbühel sconfiggendo Coria, allora numero 34 del mondo, e Vicente.

Nel 2001 vinse i challenger di Bombay e Singapore ed ottenne la prima convocazione in Coppa Davis dove ebbe la meglio, con un 14-12 al quinto set, contro Liukko nell'incontro con la Finlandia. Raggiunse poi i quarti di finale all'International Series Gold Torneo Godó di Barcellona, ma il vero exploit arrivò la settimana successiva con gli ottavi di finale agli Internazionali d'Italia quando batté Arnaud Clément e Hicham Arazi, rispettivamente n. 7 e n. 19 del mondo. Sempre nel 2001 si qualifica al Roland Garros, Parigi, perdendo sul campo numero 1 da Evgenij Kafel'nikov.

Nel prosieguo della stagione batté, fra gli altri, giocatori come Dominik Hrbatý, n. 18 ATP, Agustín Calleri e Davide Sanguinetti; ottenne la seconda convocazione in Coppa Davis in occasione dello spareggio al Foro Italico di Roma contro la Croazia di Goran Ivanišević e Ivan Ljubičić, per finire l'anno al n. 96 del ranking ATP e n. 3 d'Italia. L'anno successivo cominciò brillantemente con il raggiungimento della miglior classifica ATP di sempre, n. 92, ma purtroppo a febbraio Federico subì un grave infortunio alla spalla che da quel momento condizionò negativamente la sua carriera. Il periodo che seguì fu così difficile da farlo precipitare alla fine del 2004 alle soglie di n. 500 del mondo.

Un lungo periodo buio che lo portò anche a prendere seriamente in considerazione l'ipotesi di smettere a causa del continuo accanirsi dei problemi fisici. Quell'anno si macchiò anche di un episodio negativo. In un match a Genova, sotto 5-2 contro l'austriaco Koellerer, dopo un match molto nervoso, condotto con un comportamento peraltro non esemplare da parte dell'austriaco, Luzzi perse la testa e, una volta raggiunto l'avversario, lo colpì con un pugno. Dopo l'incontro con il maestro Umberto Rianna e l'aiuto del suo primo maestro Carlo Pini, iniziò una lenta risalita che passa attraverso un 2005 di ripresa, con qualche “acuto” positivo, ad esempio la qualificazione agli Australian Open dove perde solo 6-4 contro Marcos Baghdatis, e un'altra buona prestazione nel Torneo di Buenos Aires contro Gastón Gaudio, fresco vincitore del Roland Garros.

Alla fine del 2006 arrivò una confortante serie di buonissimi risultati con una finale, quattro semifinali e altri piazzamenti che lo fecero risalire alla fine dell'anno tra i primi 150 giocatori del mondo e n. 9 d'Italia. Nel 2007 Federico si qualificò per il Torneo di Doha e batté il n. 39 del mondo Jürgen Melzer prima di arrendersi ad Olivier Rochus. Con questo risultato raggiunse la 137ª posizione del Ranking ATP ulteriormente migliorata con la semifinale al challenger di Torino che lo portò al n. 4 d'Italia, ma soprattutto dopo sei anni tornò a vestire la maglia della nazionale giocando e vincendo un incontro di singolare in Coppa Davis contro il Lussemburgo.

Pochi giorni dopo giocò il suo ultimo torneo ATP a Kitzbühel uscendo sconfitto al primo turno contro Mariano Zabaleta. Il 29 febbraio 2008 venne squalificato per 200 giorni con una multa di 50.000 dollari dall'ATP in quanto avrebbe scommesso per 273 volte tra il 2004 e il 2007 anche su sé stesso.[2] Dopo essere tornato in campo il 19 ottobre 2008 in un match di Serie A, si sentì male improvvisamente e quattro giorni dopo gli fu diagnosticata una leucemia fulminante che il 25 ottobre lo porterà alla morte nella sua città natale.[3]

Coppa Davis[modifica | modifica wikitesto]

Luzzi ha rappresentato la nazionale italiana in Coppa Davis in quattro occasioni, tutte in singolare:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]