Federico II di Anhalt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Federico II
Friedrich II Anhalt.jpg
Duca di Anhalt
In carica 24 gennaio 1904
21 aprile 1918
Predecessore Federico I
Successore Edoardo
Nome completo Federico di Anhalt-Dessau
Altri titoli Duca di Anhalt-Dessau
Duca di Anhalt-Köthen
Duca di Anhalt-Bernburg
Nascita Dessau, 19 agosto 1856
Morte Ballenstedt, 22 aprile 1918
Luogo di sepoltura Ballenstedt
Casa reale Ascanidi
Dinastia Anhalt-Dessau
Padre Federico I di Anhalt
Madre Antonietta di Sassonia-Altenburg
Consorte Maria di Baden

Federico Leopoldo Edoardo Carlo Alessandro di Anhalt (Dessau, 19 agosto 1856Castello di Ballenstedt, 21 aprile 1918) fu Duca di Anhalt dal 1904 al 1918.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio dell'allora principe ereditario (poi duca) Federico di Anhalt, dal 1904 al 1918 fu duca di Anhalt, succedendo al padre dopo la morte del fratello Leopoldo, che gli era premorto nel 1886.

Il 2 luglio 1889, a Karlsruhe, sposò la principessa Maria di Baden, figlia di Luigi Guglielmo di Baden e di Maria di Leuchtenberg e sorella del cancelliere dell'Impero tedesco Massimiliano di Baden.

Durante il suo regno divenne particolarmente noto per il suo amore per la musica e mantenne un teatro di corte che fu uno dei più celebrati in Europa nella sua epoca.[1] Nel 1914, nel corso della Prima guerra mondiale, istituì la Croce di Federico come decorazione di merito in tempo di guerra. Fu membro del Corps Borussia Bonn.

Morì senza eredi nel 1918 al castello di Ballenstedt e venne succeduto dal fratello minore Edoardo, anche se per breve tempo, in quanto morì a settembre dello stesso anno.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Federico II, Duca di Anhalt Padre:
Federico I, Duca di Anhalt
Nonno paterno:
Leopoldo IV, Duca di Anhalt
Bisnonno paterno:
Federico, Principe Ereditario di Anhalt-Dessau
Trisnonno paterno:
Leopoldo III, Duca di Anhalt-Dessau
Trisnonna paterna:
Margravia Luisa di Brandeburgo-Schwedt
Bisnonna paterna:
Langravia Amalia d'Assia-Homburg
Trisnonno paterno:
Federico V, Langravio d'Assia-Homburg
Trisnonna paterna:
Langravia Carolina d'Assia-Darmstadt
Nonna paterna:
Principessa Federica Guglielmina di Prussia
Bisnonno paterno:
Principe Luigi Carlo di Prussia
Trisnonno paterno:
Federico Guglielmo II di Prussia
Trisnonna paterna:
Principessa Federica Luisa d'Assia-Darmstadt
Bisnonna paterna:
Federica di Meclemburgo-Strelitz
Trisnonno paterno:
Carlo II, Duca di Meclemburgo-Strelitz
Trisnonna paterna:
Principessa Federica d'Assia-Darmstadt
Madre:
Principessa Antonietta di Sassonia-Altenburg
Nonno materno:
Principe Edoardo di Sassonia-Altenburg
Bisnonno materno:
Federico, Duca di Sassonia-Altenburg
Trisnonno materno:
Ernesto Federico III, Duca di Sassonia-Hildburghausen
Trisnonna materna:
Principessa Ernestina di Sassonia-Weimar
Bisnonna materna:
Duchessa Carlotta Giorgina di Meclemburgo-Strelitz
Trisnonno materno:
Carlo II, Duca di Meclemburgo-Strelitz
Trisnonna materna:
Principessa Federica d'Assia-Darmstadt
Nonna materna:
Principessa Amalia di Hohenzollern-Sigmaringen
Bisnonno materno:
Carlo, Principe di Hohenzollern-Sigmaringen
Trisnonno materno:
Antonio Luigi, Principe di Hohenzollern-Sigmaringen
Trisnonna materna:
Principessa Amalia Zefirina di Salm-Kyrburg
Bisnonna materna:
Maria Antonietta Murat
Trisnonno materno:
Pierre Murat
Trisnonna materna:
Louise d'Astorg

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Il monogramma personale di Federico II.
Gran Maestro dell'Ordine di Alberto l'Orso - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Alberto l'Orso
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Thomas Weiberg: … wie immer Deine Dona. Verlobung und Hochzeit des letzten deutschen Kaiserpaares. Isensee-Verlag, Oldenburg 2007, ISBN 978-3-89995-406-7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN304594947 · GND (DE1036633993
  1. ^ Music-Loving Duke dead, New York Times, 23 aprile 1918, pp. 13.