Federico Greco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Federico Greco (Roma, 11 novembre 1969) è un regista, sceneggiatore e montatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vive e lavora a Roma. Porta avanti una ricerca personale sui diversi linguaggi della cultura audiovisiva[1] e realizza opere tra loro molto eterogenee, dal documentario (Stanley and Us, PIIGS), all’horror (Il mistero di Lovecraft, E.N.D. - The Movie), alle web serie (Spread Zero, Assolti e rimborsati), ai cortometraggi (Nuit Americhèn, Angelika).

I documentari[modifica | modifica wikitesto]

Il suo esordio come autore e regista è con Stanley and Us, un lungo documentario su Stanley Kubrick realizzato insieme a Mauro Di Flaviano e Stefano Landini, composto di un mediometraggio di 58’ e di 38 episodi di circa 15’ ciascuno dedicati a ogni singolo aspetto tecnico, linguistico e personale del cinema del regista statunitense. È andato in onda su Raisat Cinema tra il 1999 e il 2001, è stato distribuito assieme al libro omonimo da Edizioni Lindau nel 2001 ed è stato distribuito sul mercato internazionale da Raitrade.

Nel 2004 firma insieme a Mazzino Montinari Fuori fuoco, un documentario di 72’ sulle Brigate Rosse e la lotta armata in Italia, con gli interventi, tra gli altri, del regista Marco Bellocchio, dello scrittore Erri De Luca, di tre brigatisti (tra cui Geraldina Colotti) e la partecipazione come attrice di Maya Sansa.

Nello stesso anno, dirige con Roberto Leggio H.P. Lovecraft – Ipotesi di un viaggio in Italia, mockumentary di 26’ che tratta del presunto viaggio nel Polesine dello scrittore di Providence, con interviste a Sebastiano Fusco, Giuseppe Lippi, Alfredo Castelli e la voce di Roberto Herlitzka. Il breve documentario è lo spunto di partenza de Il mistero di Lovecraft, che ne sarebbe il backstage. Trasmesso la prima volta da Studio Universal nel settembre del 2004.

Dopo aver realizzato diversi altri documentari per la RAI (Il digitale nel cinema italiano e Il nuovo cinema francese in collaborazione con Michela Greco, Emidio Greco – Ambiguità e disincanto) e per altre produzioni (Piero della Francesca e il Polittico della Misericordia) scrive, dirige, fotografa e monta Voci migranti per la Fondazione Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano.

Tra il 2014 e il 2017 scrive, produce e dirige il documentario PIIGS insieme a Mirko Melchiorre e Adriano Cutraro. Con questo film Greco si discosta dal filone horror e da quello della ricerca metacinematografica e affronta il tema economico dell’austerità in relazione ai Paesi cosiddetti "PIIGS".

PIIGS esce in sala in tutta Italia il 27 aprile 2017 e ottiene una positiva attenzione critica[2][3] nonché una sorprendente risposta da parte del pubblico[4]. Pur essendo stato realizzato in maniera del tutto indipendente e finanziato quasi esclusivamente grazie a un crowdfunding lanciato nel 2016, il film, distribuito dalla Fil Rouge Media di Andrea Cirla, rimane nelle sale delle principali città italiane per nove settimane, prevalentemente con Circuito Cinema, e si fa strada in decine di altre sale su tutto il territorio italiano grazie a una massiccia richiesta di proiezioni evento proveniente direttamente dal pubblico. La voce narrante della versione italiana è di Claudio Santamaria. Willem Dafoe firma invece la voce narrante della versione internazionale[5]. Tra gli intellettuali ed economisti intervistati, le cui testimonianze sono montate in alternanza alla storia drammatica di Claudia e della Cooperativa sociale di cui è presidente (Il Pungiglione), troviamo: Noam Chomsky, Erri De Luca, Paul De Grauwe, Stephanie Kelton, Warren Mosler, Vladimiro Giacchè, Yanis Varoufakis.

Nel settembre del 2017 viene acquistato e trasmesso da Russia Today, il canale televisivo satellitare russo diffuso a livello mondiale tradotto in inglese, arabo, spagnolo e tedesco.

I corti[modifica | modifica wikitesto]

I suoi cortometraggi di maggiore successo sono Liver, scritto, prodotto e interpretato da Ottaviano Blitch, la storia di un serial killer inglese che mangia il fegato delle sue vittime e che, evaso di galera, si vendica della figlia del procuratore che lo aveva messo in prigione; e Nuit Americhèn, un cortometraggio prodotto grazie al contributo del MIBACT con Gianmarco Tognazzi, Regina Orioli, Fausto Sciarappa e Alberto Di Stasio. Nuit Americhèn è stato in concorso, tra gli altri, allo ScreamFest di Los Angeles, il “Sundance dell’horror” ed è stato selezionato come evento speciale al Noir In Festival di Courmayeur e al RIFF. Ha ricevuto ottime recensioni dalla stampa[6].

Nel 2015 dirige Angelika, con Crisula Stafida[7]. Un revenge movie fumettistico, ha vinto il TOFF (The Online Film Festival)[8] ed è stato selezionato, tra gli altri, al Fantafestival.

Webserie[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012 co-scrive e co-dirige con i suoi allievi del Cineteatro di Roma la webserie comedy Assolti e rimborsati, trasmessa sul portale Ownair.

Nel 2015 esce Spread Zero, di cui firma la supervisione della sceneggiatura, la fotografia e il montaggio, che vince come Miglior Soggetto e Sceneggiatura al Roma Web Fest[9]. La webserie affronta in maniera distopica i paradossi della crisi economica e dello spread, immaginando che in un futuro non troppo lontano lo spread diventi un valore individuale per imporre ai cittadini determinati stili di vita sociali ed economici[10].

I lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 esordisce come autore e regista di cinema, in collaborazione con Roberto Leggio, con Il mistero di Lovecraft. Il mockumentary, che molti paragonano a The Blair Witch Project[11] ha diviso la critica tra chi lo ha elogiato trovandolo, per esempio, “un lavoro completo e ottimamente riuscito, filologicamente eccezionale e realmente inquietante”[12][13] soprattutto a causa della sua originalità[14], e chi ne ha sottolineato gli aspetti meno validi quali l’eccessiva aderenza al linguaggio documentaristico, seppur ricostruito, “senza ricorrere all’artificioso uso di montaggio, fotografia e colonna sonora”[15]. Il film ha partecipato a numerosissimi festival internazionali (dall’Argentina a Israele, dalla Transilvania alla Corea) e ha vinto il Méliès d’argento[16] a Helsinki come uno dei dieci migliori film fantastici europei del 2005. Il film ha avuto una breve distribuzione cinematografica al Cinema Azzurro Scipioni di Roma ed è uscito in DVD per 01 Distribution e Rarovideo in Italia e l'estero, per la Paramount in Spagna. La tesi proposta dal film (Lovecraft avrebbe viaggiato in Italia nel 1926, come descritto in un diario di viaggio ritrovato a Montecatini), improbabile vista la situazione economica e di salute dello scrittore statunitense, negli anni è divenuta oggetto di controversie[17].

È del 2015 E.N.D. - The Movie, il suo secondo lungometraggio e secondo horror. Greco firma tre episodi dei quattro che compongono il film (il terzo è di Domiziano Cristopharo): il primo; il secondo (E.N.D., a sei mani con due suoi allievi della scuola di cinema Cineteatro di Roma, Luca Alessandro e Allegra Bernardoni); e il quarto, Z-Sapiens, in cui “vengono stravolti tutti i topoi del genere caratterizzando i ritornanti con un livello di intelligenza senza precedenti, superando di gran lunga qualsiasi tentativo antecedente in tal senso."[18]. Si tratta di uno zombie-movie in cui le parti tra umani e contagiati si ribaltano e “i morti viventi si evolvono fino a costituire una nuova specie dotata di linguaggio, legami sociali, di sentimenti e debolezze”[19]. Dopo aver partecipato al Fantafestival ed aver ricevuto ottima accoglienza da parte del pubblico[20] e della critica[21], il film è stato distribuito da One 7 Movies in DVD in Nord America.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

  • Stanley and Us (1999-2001)
  • H.P. Lovecraft – Ipotesi di un viaggio in Italia (2004)
  • Fuori fuoco – Cinema, ribelli e rivoluzionari (2005)
  • Piero della Francesca e il polittico della misericordia (2009)
  • Voci migranti (2010)
  • PIIGS (2017)

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Webserie[modifica | modifica wikitesto]

  • Assolti e rimborsati (2012)
  • Spread Zero (2015)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cineclandestino, Il corto Nuit Americhèn sta spopolando in vari festival, italiani e stranieri, intervista di Stefano Coccia [1]
  2. ^ Micromega, “Piigs”, un docufilm per capire (e combattere) l’Europa dell’austerity di Giacomo Russo Spena [2]
  3. ^ Il Fatto Quotidiano, Con l’austerity i giovani vanno in paradiso, come la classe operaia, di Federico Pontiggia [3]
  4. ^ RB Casting, PIIGS diventa un caso: il documentario narrato da Claudio Santamaria sbanca il botteghino [4]
  5. ^ (EN) Piigs - Berta Film, in Berta Film, 30 giugno 2016. URL consultato il 04 settembre 2017.
  6. ^ Cinemaitaliano.info, RIFF – Nuit Americhèn, l’horror nell’horror di Stefano Amadio [5]
  7. ^ Fangoria, Exclusive short premiere: Italian revenge thriller “ANGELIKA” [6]
  8. ^ The Online Film Fest, Interview with Federico Greco, winner of TOFF January edition [7]
  9. ^ Romawebfest, i vincitori RWF 2015 [8]
  10. ^ Nonsologore, “Spread Zero”, la serie eCOnoMEDY il 26 settembre al MAXXI di Roma [9]
  11. ^ Horror Society, Road To L. – Il Mistero di Lovecraft, di Mitchell Wells [10]
  12. ^ Sentieri Selvaggi, Pesarhorrorfest: nelle onde del terrore, di Alessio Gradogna [11]
  13. ^ Cinematografo, Il mistero di Lovecraft, di Rosa Esposito [12]
  14. ^ Close-up, il mistero di Lovecraft – Road Tol L., di Matteo Botrugno [13]
  15. ^ Filmup, Il mistero di Lovecraft – Road To L., di Francesco Lomuscio [14]
  16. ^ Cineuropa, Road To L. vince il Méliès d’argento, di Camillo De Marco [15]
  17. ^ (EN) A 80 anni dalla morte di H.P. Lovecraft. Lovecraft, L'Italia, la Valsusa, il Polesine, in Giap, 15 marzo 2017. URL consultato il 22 settembre 2017.
  18. ^ The Obsidian Mirror, E.N.D. – The Movie [16]
  19. ^ Carmilla Online, E.N.D. – dalla parte degli zombie, di Luca Cangianti [17]
  20. ^ Taxi Drivers, Master Blaster al Fantafestival, di Master Blaster [18]
  21. ^ Nocturno, E.N.D. – The Movie, di Davide Pulici [19]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità SBN: IT\ICCU\LO1V\194933