Federico Cristiano di Sassonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Federico Cristiano di Sassonia
Anton Raphael Mengs 006.jpg
Federico Cristiano in un ritratto di Anton Raphael Mengs.
Principe Elettore di Sassonia
In carica 5 ottobre – 17 dicembre 1763
Incoronazione 5 ottobre 1763
Predecessore Federico Augusto II
Successore Federico Augusto III
Nome completo Federico Cristiano Leopoldo Giovanni Giorgio Francesco Saverio
Nascita Dresda, 5 settembre 1722
Morte Dresda, 17 dicembre 1763 (39 anni)
Casa reale Wettin
Padre Federico Augusto II di Sassonia
Madre Maria Giuseppa d'Austria
Consorte Maria Antonia di Baviera
Figli Federico Augusto III, Antonio, Massimiliano di Sassonia

Federico Cristiano di Sassonia (Dresda, 5 settembre 1722Dresda, 17 dicembre 1763) fu Elettore di Sassonia e membro della dinastia dei Wettin.

Egli era il terzo ma il maggiore dei figli sopravvissuti di Federico Augusto II, Elettore di Sassonia e Re di Polonia, e di sua moglie, Maria Giuseppa d'Austria.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Il giovane principe Federico Cristiano

Un bimbo malato sin dalla nascita (soffriva di paralisi ad un piede), venne relegato ancora giovanissimo ad una sedia a rotelle in compagnia della quale compare in un conosciutissimo ritratto, che lo mostra attorniato dai propri parenti, delle dinastie Wettin e Wittelsbach.[1]La madre, proprio in virtù di queste condizioni, aveva tentato inutilmente più volte di avviarlo alla carriera ecclesiastica, spingendolo a rinunciare ai diritti di successione in favore del figlio minore, ma lui aveva preferito mantenere la propria posizione, sforzandosi il più possibile di vivere una vita normale.

Si così immerse nello studio presso l'Università di Lipsia dove abbracciò appieno la causa illuminista scrivendo nel proprio diario: "I principi esistono per i loro sudditi e non i sudditi per i loro principi. La salute dei loro sudditi, il credito pubblico ed un esercito bene armato sono la felicità di un principe".[2]

Sulla scorta di queste idee, si mostrò sempre molto tollerate anche a livello religioso, entrando in contatto con diversi ambienti cattolici riformati italiani durante il suo grand tour in Italia nel 1738/39. Grande amante della cultura supportò notevolmente gli studi archeologici e artistici di Johann Joachim Winckelmann e quelli linguistici di Johann Christoph Gottsched.

Era anche conosciuto per il suo spiccato talento musicale che dopo il matrimonio condividerà anche con la moglie. Per il suo undicesimo compleanno, il noto compositore Johann Sebastian Bach gli dedicò la cantata BWV 213, Laßt uns sorgen, laßt uns wachen, ripresa poi dal compositore nel suo Oratorio di Natale.

Alla morte prematura dei suoi fratelli maggiori, Federico Augusto (1721) -che morì prima della sua nascita- e Giuseppe Augusto (1728), si ritrovò ad essere l'unico erede del trono paterno. Alla morte di quest'ultimo, il 5 ottobre 1763, Federico Cristiano gli successe come Elettore di Sassonia.

Il Regno da Elettore[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei suoi primi atti da Elettore fu quello di licenziare l'impopolare Primo Ministro, il conte Heinrich von Brühl, che aveva fallito nella sua politica finanziaria, ma in particolare per la sua catastrofica amministrazione degli affari esteri, che causarono il coinvolgimento dell'elettorato nella Guerra dei Sette anni, causando una profonda crisi per la Sassonia.

Egli tentò di risollevare le sorti dello stato, incrementando le finanze, nel corso del cosiddetto "Rétablissements". Most All'insegna di questo, molti membri del suo nuovo governo come Thomas von Fritsch da Lipsia e Friedrich Ludwig Wurmb e Christian Gotthelf Gutschmied erano membri della borghesia cittadina.

Dopo solo 74 giorni di regno, Federico Cristiano morì di vaiolo e venne sepolto nella Hofkirche di Dresda.

Dal momento che suo figlio maggiore si trovava in età non ancora maggiorenne, sua moglie, l'elettrice Maria Antonia e suo fratello Francesco Saverio mantennero la reggenza dell'Elettorato.

Matrimonio ed eredi[modifica | modifica wikitesto]

A Monaco di Baviera il 13 giugno 1747 (per procura) e nuovamente a Dresda il 20 giugno 1747 (di persona), Federico Cristiano sposò Maria Antonia, Principessa di Baviera (1724-1780). Ella era figlia di Carlo VII di Baviera e di Maria Amalia d'Asburgo, da cui ebbe nove figli. Raggiunsero l'età adulta i seguenti:

Antenati[modifica | modifica wikitesto]

Federico Cristiano di Sassonia Padre:
Augusto III di Polonia
Nonno paterno:
Augusto II di Polonia
Bisnonno paterno:
Giovanni Giorgio III di Sassonia
Trisnonno paterno:
Giovanni Giorgio II di Sassonia
Trisnonna paterna:
Maddalena Sibilla di Brandeburgo-Bayreuth
Bisnonna paterna:
Anna Sofia di Danimarca
Trisnonno paterno:
Federico III di Danimarca
Trisnonna paterna:
Sofia Amelia di Brunswick e Lüneburg
Nonna paterna:
Cristiana Eberardina di Brandeburgo-Bayreuth
Bisnonno paterno:
Cristiano Ernesto di Brandeburgo-Bayreuth
Trisnonno paterno:
Ermanno Augusto di Brandeburgo-Bayreuth
Trisnonna paterna:
Sofia di Brandeburgo-Ansbach
Bisnonna paterna:
Sofia Luisa di Württemberg
Trisnonno paterno:
Eberardo III di Württemberg
Trisnonna paterna:
Anna Caterina di Salm-Kyrburg
Madre:
Maria Giuseppa d'Austria
Nonno materno:
Giuseppe I d'Asburgo
Bisnonno materno:
Leopoldo I d'Asburgo
Trisnonno materno:
Ferdinando III d'Asburgo
Trisnonna materna:
Maria Anna di Spagna
Bisnonna materna:
Eleonora del Palatinato-Neuburg
Trisnonno materno:
Filippo Guglielmo del Palatinato
Trisnonna materna:
Elisabetta Amalia d'Assia-Darmstadt
Nonna materna:
Amalia Guglielmina di Brunswick e Lüneburg
Bisnonno materno:
Giovanni Federico di Brunswick-Lüneburg
Trisnonno materno:
Giorgio di Brunswick-Lüneburg
Trisnonna materna:
Anna Eleonora di Assia-Darmstadt
Bisnonna materna:
Benedetta Enrichetta del Palatinato
Trisnonno materno:
Edoardo del Palatinato-Simmern
Trisnonna materna:
Anna Maria di Gonzaga-Nevers

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine Militare di Sant'Enrico - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Militare di Sant'Enrico
Cavaliere dell'Insigne e Reale Ordine di San Gennaro (Regno delle Due Sicilie) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Insigne e Reale Ordine di San Gennaro (Regno delle Due Sicilie)
Cavaliere di Gran Croce d'Onore e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce d'Onore e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Attualmente, questo dipinto è conservato nel Castello di Nymphenburg.
  2. ^ (DE) Horst Schlechte, Das geheime politische Tagebuch des Kurprinzen Friedrich Christian: 1751 bis 1757, Böhlau-Verlag, 1992..

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • August Moritz Engelhardt: Friedrich Christian Churfürst von Sachsen - ein biographischer Entwurf; nebst Beschreibung der auf diesen Fürsten Bezug habenden und unter seiner Regierung geprägten Münzen und Medaillen. ed. Wagnerschen Buchhandlung, Dresda, 1828 (Copia digitalizzata)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Elettore di Sassonia Successore Coat of arms of Saxony.svg
Federico Augusto II 5 ottobre - 17 dicembre 1763 Federico Augusto III
Controllo di autorità VIAF: (EN35250948 · LCCN: (ENno92022288 · ISNI: (EN0000 0000 3816 3340 · GND: (DE118703226 · BNF: (FRcb125192545 (data) · ULAN: (EN500354092