Federazione italiana settimanali cattolici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La Federazione italiana settimanali cattolici (FISC) è una federazione che riunisce i settimanali diocesani italiani.

La Fisc è nata il 27 novembre 1966. L'intento dichiarato dell'associazione è raccogliere l'eredità culturale, sociale ed ecclesiale della stampa diocesana cattolica, quale si è sviluppata a partire dall'Ottocento, nel solco del movimento cattolico italiano e alla luce dell'enciclica Rerum Novarum di papa Leone XIII.

A questo riguardo la federazione organizza periodicamente congressi e convegni, allo scopo di far conoscere e stimolare il confronto sulle problematiche del giornalismo e dei mezzi d'informazione, in relazione alla Chiesa e alla società.
Dal 15 dicembre 2016 il presidente è don Adriano Bianchi (direttore della «Voce del Popolo», testata della diocesi di Brescia)[1], successore del cesenate Francesco Zanotti (2011-2016).

Nel 2016 le testate diocesane aderenti alla FISC erano 191, tra cui un quotidiano, due bisettimanali, 125 settimanali, 17 quindicinali, 31 mensili, cinque periodici esteri, un'agenzia di stampaServizio Informazione Religiosa», SIR) e nove giornali online[2]. I giornali aderenti alla federazione coprono gran parte del territorio nazionale (170 diocesi su 226). Il numero complessivo di copie diffuse alla settimana sfiora le 800.000 unità[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Don Adriano Bianchi, nuovo presidente Fisc: “Dobbiamo confrontarci con la trasformazione dei nostri media”, su agensir.it. URL consultato il 25 gennaio 2017.
  2. ^ La Fisc compie 50 anni, in «Il Nuovo Diario-Messaggero», 26 novembre 2016, p. 10.
  3. ^ «Il Nuovo Diario-Messaggero», 13 luglio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]