Fede Galizia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Busto di Fede Galizia sulla facciata di Palazzo Ranzi, a Trento

Fede Galizia (Milano, 1578? – Milano, 1630) è stata una pittrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fede Galizia - Natura morta (ca. 1593)

Pittrice barocca, figlia del pittore miniaturista trentino Nunzio Galizia, iniziò a lavorare all'età di 12 anni. Fra le sue opere ci sono ritratti e scene di soggetto religioso; ma è conosciuta soprattutto per i dipinti di nature morte.

La sua data di nascita (1578) è incerta. Ricavata da una lunga iscrizione - non di mano dell'autrice - sul Ritratto di Paolo Morigia, potrebbe essere anticipata al 1574; ma l'iscrizione è stata riconosciuta spuria.[1] Nella bottega paterna Fede Galizia divenne pratica nell'incisione e nella miniatura. La prima opera a noi nota è il ritratto inciso di Gherardo Borgogni, per le edizioni del 1592 e del 1593 di due raccolte di rime.[2]

Fede Galizia - Ritratto di Paolo Morigia (dettaglio)

Eseguì il ritratto di suo padre, di sua madre e di due nobildonne milanesi - purtroppo perduti - e il Ritratto di Paolo Morigia, seduto al suo scrittoio - conservato alla Pinacoteca Ambrosiana - in cui espresse forte caratterizzazione fisiognomica e diede precisa e dettagliata attenzione, in particolare, al riflesso delle finestre sulle lenti degli occhiali che lo storico tiene in mano. Nel 1596 firmò e datò Giuditta con la testa di Oloferne, dipinto in cui indugiò più nella cura di vesti e di gioielli, che nella esaltazione della drammaticità della scena. L'opera è comunque fondamentale per essere la prima documentata su questo soggetto da parte di una donna pittrice, seguita quindi da quelle eseguite da Lavinia Fontana e da Artemisia Gentileschi.[3]

Morì di peste, a Milano, nel 1630.

Fede Galizia, Giuditta con la testa di Oloferne

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Berra, p. 14.
  2. ^ Gherardo Borgogni, Nuova scielta di rime, Bergamo, per Comin Ventura, 1592, SBN IT\ICCU\LO1E\000197. e Girolamo Casoni, Gioie poetiche di madrigali del sig. Hieronimo Casone, e d'altri celebri poeti de' nostri tempi, dal signor Gherardo Borgogni, di nuouo raccolte, e poste in luce., Pauia, per gli heredi del Bartoli, 1593, SBN IT\ICCU\CNCE\009852.
  3. ^ Kevin R. Brine, Elena Ciletti, and Henrike Lähnemann, eds., The Sword of Judith: Judith Studies across the Disciplines, Cambridge: OpenBook, 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Ann Sutherland Harris e Linda Nochlin, Women artists: 1550-1950: Los Angeles County Museum of Art, Los Angeles, County Museum of Art, 1976, SBN IT\ICCU\UBO\1475244.
  • (EN) Ilya Sandra Perlingieri, Sofonisba Anguissola: the first great woman artist of the Renaissance, Rizzoli, 1992, SBN IT\ICCU\BVE\0032355.
  • Giacomo Berra, Appunti per Fede Galizia, in Arte cristiana, vol. 80, 1989, pp. 14-29.
  • (EN) Sam Segal, An early still life by Fede Galizia, in The Burlington Magazine, CXL, n. 1140, marzo 1998, pp. 164–171.
  • (EN) AA. VV., Italian women artists from Renaissance to Baroque, Milano, Skira, 2007, SBN IT\ICCU\VEA\0702687.
  • (EN) Whitney Chadwick, Women, art, and society, London, Thames & Hudson, 2007, SBN IT\ICCU\BCT\0021991. 4. edizione.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN95761649 · ISNI (EN0000 0000 8168 2736 · Europeana agent/base/5019 · LCCN (ENnr90026031 · GND (DE11907107X · BNF (FRcb14974363d (data) · ULAN (EN500013207 · NLA (EN35317566 · CERL cnp01328621 · WorldCat Identities (ENlccn-nr90026031