Favorita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Favorita (disambigua).

La favorita (o anche la sua versione maschile favorito) è la persona che gode del massimo favore di un uomo potente, un sovrano o un principe o, come controparte, di una regina o simili.

Sarah Churchill, duchessa di Marlborough. Sir Godfrey Kneller, 1702, National Portrait Gallery

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta per lo più dell'amante ufficiale, che in tale veste gode di particolari privilegi, più o meno formalizzati. In particolare alla corte reale francese o nell'harem del sultano di Istanbul (haseki) tali figure ebbero un vero e proprio ruolo istituzionale, dotate di diritti e vantaggi codificati: quando questo ruolo assurgeva ad un vero e proprio potere de facto, esercitato in luogo del sovrano, si parla anche di eminenza grigia.

Raramente alcune favorite assursero agli onori del matrimonio, magari morganatico (come nel caso di Madame de Maintenon o della Bella Rosina) o anche istituzionale (come Rosselana). Forse la favorita più nota di sempre fu Madame de Pompadour, amante di Luigi XV.

Esempi storici[modifica | modifica wikitesto]

  • David era il favorito di Saul;
  • Hong Yu fu la favorita dell'imperatore han Hui;
  • Ji Ru era il favorito dell'imperatore Han Gaozu (secondo secolo a.C.);
  • Bagoas era il favorito di Artaserse III;
  • Efestione era il favorito di Alessandro magno;
  • Seiano era il favorito di Tiberio, fino alla sua uccisione nel 31 d.C.;
  • Kapilar, poeta tamil, si diceva fosse il favorito del locale monarca Vel Pari;
  • Sporo fu il favorito di Nerone;
  • Antinoo era il favorito dell'imperatore Adriano;
Busto di Antinoo da Patrasso, (Museo nazionale archeologico di Atene)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Favorita, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 13 ottobre 2018.