Faust (Spohr)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
'Faust'
Spohr Faust in London.jpg
Scena dal Faust di Spohr alla Royal Italian opera. The Illustrated London News Supplement, 31 luglio 1852
Titolo originale'Faust'
Lingua originaletedesco
MusicaLouis Spohr
LibrettoJosef Karl Bernard
Fonti letterarieLeggenda di Faust
Attidue, seconda versione tre
Epoca di composizione1813
Prima rappr.1º settembre 1816
TeatroStändetheater, Praga
Personaggi
  • Faust (baritono)
  • Mefistofele (baritono)
  • Kunigunde (soprano)
  • Conte Hugo (tenore)
  • Röschen (soprano)
  • Wagner (tenore)
  • Kaylinger (mezzosoprano)
  • Wohlhardti (tenore)
  • Moor (baritono)
  • Franz (tenore)
  • Gulf (basso)
  • Sycorax (soprano)
  • Paggio del conte Hugo (recitante)

Faust è un'opera del compositore tedesco Louis Spohr. Il libretto, di Josef Karl Bernard, è basato sulla leggenda di Faust ma non è influenzato dal Faust di Goethe, poiché venne pubblicato per la prima volta nel 1808. Il libretto di Bernard deriva principalmente dalle opere dei drammaturghi Friedrich Maximilian Klinger e Heinrich von Kleist.[1] Il Faust di Spohr riveste grande importanza nell'opera romantica tedesca.

Storia delle esecuzioni[modifica | modifica wikitesto]

Spohr aveva lasciato il suo incarico a Gotha per assumere un incarico a Vienna al Theater an der Wien, che era stato da poco acquistato dal conte Ferdinand Palffy von Erdöd. Spohr compose l'opera in meno di quattro mesi, da maggio a settembre del 1813[2] ma ebbe difficoltà con il conte Palffy che interferì con la messa in scena di Vienna. Anche se diede privatamente la partitura del manoscritto a Giacomo Meyerbeer, che la suonò, con Spohr che cantava - integrando la sua gamma vocale fischiando — fino a quando Carl Maria von Weber si interessò alla partitura non poté essere rappresentata. Weber diresse la prima rappresentazione di "Faust" allo Ständetheater, Praga il 1º settembre 1816. Meyerbeer la introdusse poi a Berlino.

Nella sua forma originale l'opera era un Singspiel in due atti. Nel 1851, Spohr la trasformò in un Grand opéra in tre atti, sostituendo le parti parlate con dei recitativi. Questa versione (tradotta in italiano) venne rappresentata al Royal Italian Opera, Covent Garden, a Londra il 15 luglio 1852.[3] Un'altra rappresentazione venne messa in scena dall'University College Opera al Bloomsbury Theatre nel febbraio del 1984.[4] Nel 1993 la Bielefeld Opera eseguì questa versione del Faust in quella che dichiarò essere la prima rappresentazione mondiale dal 1931. Diretta da Geoffrey Moull l'opera ebbe otto rappresentazioni e poi venne registrata dalla CPO.[5]

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Ruolo Voce Cast della prima
Direttore: Carl Maria von Weber
Faust baritono Johann Nepomuk Schelble
Mephistofele baritono
Conte Hugo tenore
Kunigunde sua fidanzata soprano Therese Grünbaum
Röschen una ragazza soprano
Kaylinger amico di Faust baritono
Wohlhardt amico di Faust tenore
Wagner amico di Faust tenore
Moor amico di Faust baritono
Franz tenore
Gulf basso
Sycorax una strega soprano
Paggio del conte Hugo ruolo recitante

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Faust è diviso tra il suo amore per la giovane Röschen e il suo desiderio per Kunigunde, la fidanzata del conte Hugo. Fa un patto con Mefistofele che gli consente di salvare Kunigunde dalle grinfie del malvagio cavaliere Gulf. Faust ottiene una pozione d'amore dalla strega Sycorax che consegna a Kunigunde durante la celebrazione nuziale con il conte. Indignato per l'improvvisa passione che la sua sposa mostra per Faust, il conte Hugo lo sfida a duello. Faust uccide Hugo e fugge. Nel frattempo, il primo amore di Faust, Röschen, si annega per la disperazione. Mefistofele afferra Faust e lo trascina all'Inferno.

Registrazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Faust (revisione 1852) Bielefeld Opera, Solisti, Coro, Bielefeld Philharmonic Orchestra, diretti da Geoffrey Moull (CPO, 1994).[6]
  • Faust- Solisti (Bo Skovhus, Franz Hawlata, Robert Swensen, Brigitte Wohlfarth, Hillevi Martinpelto e altri; Südfunkchor Stuttgart; Rundfunkorchester des SWF Kaiserslautern; diretti da Klaus Arp; Capriccio CD label.) (1994) Registrazione della versione originale.[7][8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Opera News ottobre 1995 (libretto della registrazione della Bielefeld Philharmonic Orchestra delle due versioni).
  2. ^ Joseph Bennett, dalle memorie di Spohr, "The Great Composers, Sketched by Themselves. No. VII. Spohr" The Musical Times and Singing Class Circular, 21 (1 agosto 1880), pp.394.
  3. ^ Un'incisione in acciaio della scena del duello è stata riprodotta sulla copertina dell'Illustrated London News del 31 luglio 1852.
  4. ^ (EN) Paul Griffiths, Faust, 24 febbraio 1984.
  5. ^ Theater in Bielefeld 1975-1998, Kerber Verlag, Bielefeld, Redaktion Heidi Wiese, Heiner Bruns, Alexander Gruber, Fritz Stockmeier 1998, ISBN 3-933040-03-5
  6. ^ Versione del 1852
  7. ^ JW, Gramophone Review of Capriccio Faust, in Gramophone, London, UK, Haymarket, December 1994, p. 138. URL consultato il 1º settembre 2011.
  8. ^ OCLC Reference for Capriccio Faust, su worldcat.org. URL consultato il 1º settembre 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • The Viking Opera Guide ed. Holden (Viking, 1993)
  • The Oxford Illustrated History of Opera ed. Parker (OUP, 1994)
  • Del Teatro
  • Amadeus Online
Controllo di autoritàVIAF (EN182280298 · LCCN (ENno98010872 · GND (DE300456824 · WorldCat Identities (ENno98-010872
Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica