Fatma Sultan (figlia di Selim I)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Fatma Sultan
Sultana dell'impero ottomano
NascitaTrebisonda, 1490 circa
MorteCostantinopoli, 1566
SepolturaTürbe di Kara Ahmed Pascià
Luogo di sepolturaMoschea Fatma Sultan, Topkapi, Istanbul
DinastiaCasa di Osman
PadreSelim I
MadreHafsa Sultan
ConiugiMustafa Paşaha
(1516-1520, div.)
Kara Ahmed Paşah
(1522-1555, ved.)
Hadım Ibrahim Pasha
(1562-1563, ved.)
FigliSecondo matrimonio
Due figlie contestate
ReligioneIslam sunnita

Fatma Sultan (turco ottomano: فاطمہ سلطان, "Colei che si astiene"; Trebisonda, circa 1490Bursa o Costantinopoli, 1566) è stata una principessa ottomana, figlia del sultano Selim I e della favorita Hafsa Hatun e perciò sorella del sultano Solimano il Magnifico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fatma nacque a Trebisonda, sul mar Nero, dall'allora Şehzade Selim, figlio di Bayezid II e governatore della provincia, e dalla sua favorita Hafsa Hatun, una concubina crimea che sarebbe diventata la prima Valide Sultan della storia. L'anno della sua nascita è sconosciuto, ma dev'essere nata non oltre il 1493[1].

Nel 1512, suo padre divenne sultano. Fatma potrebbe averlo raggiunto a Costantinopoli, oppure, come prevedeva la tradizione per le principesse nubili, essere rimasta, insieme alle sorelle, con la madre, la quale come da prassi seguì il figlio Solimano nei suoi vari incarichi come governatore a Kaffa, Edirne e Manisa, lasciandola al momento del suo primo matrimonio.
Fatma Sultan si sposò tre volte:

  • Nel 1516 con Mustafa Paşa, governatore di Antalya. Il matrimonio venne annullato nel 1520, quando scoprì l'omosessualità del marito.
  • Nel 1522 con Kara Ahmed Paşa, che fu Gran Visir fra il 1553 e il 1555. Secondo alcune fonti, da questo matrimonio nacquero due figlie. Rimase vedova quando il marito fu giustiziato nel 1555.
  • Nel 1562 con Hadım İbrahim Pasha, un eunuco e visir. Le fonti su questo matrimonio sono discordanti: alcune ritengono il matrimonio una punizione a cui la principessa fu obbligata con la forza, anche se poi il matrimonio si rivelò felice, altri al contrario scrissero che fu fin da subito un matrimonio d'amore voluto proprio da Fatma. Rimase vedova nel 1563.

Fatma Sultan morì nel 1566, e venne sepolta a Istanbul, nel mausoleo del secondo marito all'interno della Moschea da lei stessa commissionata.

Cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Nella serie televisiva storica "Il secolo magnifico" è interpretata dall'attrice turca Meltem Cultum.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hafsa aveva almeno un'altra figlia, Hatice Sultan, e forse altre due, Hafize e Beyhan. Inoltre, era madre di Solimano. Secondo Leslie Peirce, all'epoca le regole imponevano che le concubine madri di un figlio maschio non condividessero più il letto del sultano. Se ciò è vero, tutte le figlie di Hafsa devono perciò essere nate prima del 1494, anno di nascita di Solimano.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Peirce, Leslie P. , The Imperial Harem: Women and Sovereignty in the Ottoman Empire , Oxford University Press , 1993, ISBN 0-19-508677-5 (brossura).
  • Uluçay, M. Çağatay (1992). Padişahların kadınları ve kizları . Ötüken.