Farrata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
FARRATA
Farrata.JPG
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegionePuglia
Zona di produzioneManfredonia
Dettagli
Categoriapiatto unico
RiconoscimentoP.A.T.
SettorePaste fresche e prodotti di panetteria, pasticceria, biscotteria e confetteria
Ingredienti principaliricotta di pecora, maggiorana, sale, pepe, cannella
 

La farrata (farréte nel dialetto locale[1]) è una pietanza tradizionale della città di Manfredonia, cittadina del Gargano in provincia di Foggia. È così chiamata perché composta prevalentemente di grano o di farro. Altri ingredienti sono la ricotta di pecora, la maggiorana, la menta, sale, pepe e cannella. Tutto ciò costituisce il ripieno di questo rustico dalla forma tondeggiante.

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

Per la preparazione del piatto, il farro viene solitamente fatto macerare nel grano che, dopo esser stato asciugato (almeno per un giorno), viene separato dalla crusca. Si preparano delle sfoglie di pasta di grano duro dalla forma tondeggiante e si introduce fra di esse il ripieno. Una volta chiusi i due bordi della sfoglia, si spennella sulla parte superiore dell'involucro un po' di tuorlo d'uova sbattuto[2]. Viene consigliata la cottura nel forno a legna[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'origine del piatto viene tradizionalmente fatta risalire al periodo romano: presso le famiglie nobili, infatti, i riti matrimoniali venivano celebrati spezzando e offrendo agli sposi una focaccia di farro (grano)[3]. Questi, mangiandola consacravano la loro unione. Oggi viene consumato a Manfredonia soprattutto nel periodo di carnevale, ma è reperibile con facilità nell'area durante tutto l'anno[4].

Tradizioni[modifica | modifica wikitesto]

Nell'area sipontina la farrata è il tradizionale piatto rustico del Carnevale Dauno di Manfredonia[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Manfredonia - Farrata, su parcogargano.gov.it. URL consultato il 14 marzo 2018.
  2. ^ Amparo Machado e Chiara Prete, 1001 specialità della cucina italiana da provare almeno una volta nella vita, Roma, Newton Compron Editore, 2015, p. 596, ISBN 978-88-541-8648-4.
  3. ^ Gastronomia sipontina, su visitmanfredonia.it. URL consultato il 14 marzo 2018.
  4. ^ a b Eleonora Autilio, Manfredonia: sapore di Carnevale con le Farrate, in lastampa.it, 19 gennaio 2017. URL consultato il 14 marzo 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]