Farnocchia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Farnocchia
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Lucca-Stemma.png Lucca
ComuneStazzema-Stemma.png Stazzema
Territorio
Coordinate43°58′47.11″N 10°17′43.73″E / 43.979753°N 10.29548°E43.979753; 10.29548 (Farnocchia)Coordinate: 43°58′47.11″N 10°17′43.73″E / 43.979753°N 10.29548°E43.979753; 10.29548 (Farnocchia)
Altitudine652 m s.l.m.
Abitanti105[2] (2003)
Altre informazioni
Cod. postale55040
Prefisso0584
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantifarnocchino, farnocchini[1]
Patronosan Michele
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Farnocchia
Farnocchia

Farnocchia è una frazione del comune di Stazzema in provincia di Lucca, con circa 114 abitanti.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Si trova nell'alta Versilia ad un'altitudine di 652 m s.l.m., da cui è ben visibile il Monte Gabberi (Alpi Apuane, 1108 m).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo è ritenuto derivare da far ("bosco") e nucola ("nocciola").

La prima attestazione scritta della presenza di un abitato risale ad un documento dell'archivio vescovile di Lucca del 789.

L'abitato fu distrutto in diverse occasioni: nel 1202 in occasione della guerra tra i lucchesi e i Cattani di Versilia, nella seconda metà del XV secolo nella guerra tra Lucca e Pietrasanta e durante la seconda guerra mondiale, quando fu messo a fuoco dai tedeschi l'8 agosto del 1944.

Fino al 1776 fu un comune autonomo, amministrato da tre governatori rinnovati ogni anno e comprendente le frazioni di Sant'Anna, La Culla e Gallena.

Le attività tradizionali erano in passato il commercio e la produzione del carbone, la raccolta delle castagne e la coltivazione e la produzione della canapa.

Luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Monumento ossario dei martiri di Sant'Anna, a circa un'ora di marcia.
  • La pieve di san Michele, con la sua abside in stile romanico e con i nuovi portoni d'ingresso, risistemati a regola d'arte da una ditta del posto, rispettando il loro stile originale.
  • Il campanile della pieve, che è collocato davanti la facciata dell'edificio sacro, contenente 5 campane, tre grandi e due piccole, la più piccola delle quali è tuttora manuale.

Le tre maggiori sono in accordo di: (le campane devono essere o fessurate o molto logorate, in quanto il loro suono è molto stonato e poco vibrante)

la piccola suona un Sol3

la mezzana suona un Fa3

la grande suona un Mi3

Popolazione censimento 2011[modifica | modifica wikitesto]

Al censimento del 2011 risultavano 114 residenti, 12 dei quali stranieri. Dalla tabella "suddivisione per fasce di età della popolazione" i bambini residenti in paese sotto i 10 anni erano 7; i ragazzi tra 10 e 19 anni erano 8 e i ventenni 14. Gli anziani sopra i 70 anni erano 24. Le abitazioni censite in paese sono 171 di cui solo 51 abitate tutto l'anno.[2] Attualmente (1/2016) gli abitanti sono 93.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

  • Sfilata della banda musicale il 31 dicembre.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, Pàtron Editore, 1981, p. 209.
  2. ^ [1]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bertelli, Giuseppe,1990, Lavoro, giochi e tradizioni di tempi lontani, Massarosa, Edizioni Labirinto.
  • Bertelli, Giuseppe,1988, Il comunello di Farnocchia , Massarosa, Edizioni Labirinto.