Farhat - Il principe del deserto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Farhat - Il principe del deserto
serie TV cartone
Farhat - Il principe del deserto.png
Titoli di testa
Lingua orig. italiano
Paese Italia
Regia Giuseppe Laganà
Soggetto Marco Beretta, Marco Videtta
Char. design Sergio Giardo
Mecha design Igor Chimisso
Musiche Angelo Poggi, Giovanni Cera
Studio Rai Fiction, The Animation Band, Mondo TV
Rete Rai 1
1ª TV 28 maggio 2005
Episodi 26 (completa)
Aspect ratio 4:3
Durata ep. 26 min
Dialoghi it. Giuliano Santi
Studio dopp. it. Doppiaggio Internazionale
Dir. dopp. it. Giuliano Santi
Genere avventura
Seguito da Farhat - Lo scorpione nero

Farhat - Il principe del deserto è una serie televisiva a cartoni animati italiana prodotta nel 2005[1] da Rai Fiction, Mondo TV[2] e The Animation Band.

Una demo del cartone era stata presentata nel 1997 al Cartoombria Festival 1997 di Perugia.[3]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia parla di Farhat, un principe arabo che deve riunire i 7 cristalli per riformare il magico cristallo Shariman, distrutto dal malvagio demone Egokhan e liberare i suoi genitori. Grazie all'aiuto di Tilda, Ben, Alì e alla sua ombra, il nostro eroe riuscirà nell'intento e a liberare i suoi genitori.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Dialoghi e direzione del doppiaggio di Giuliano Santi. La sigla "Il principe del deserto" è stata eseguita dal gruppo dei Cartoon Family.

Personaggio Doppiatore
Farhat/Ombra Stefano Crescentini
Tilda Federica De Bortoli
Alì Oliviero Dinelli
Ben Manfredi Aliquò
Egokhan Carlo Marini
Rashid Ambrogio Colombo
Nigel Vittorio Amandola
Dolunai (la madre Di Farhat) Roberta Greganti
Miss Keyhole Antonella Giannini (1ª voce)
Paola Giannetti (2ª voce)
Yassir Giuliano Santi
Regina Shulena Perla Liberatori
Laylah Monica Vulcano

Lista episodi[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Prima TV
1 Il principe torna a casa 28 maggio 2005
2 La coda dello scorpione 2005
3 Un genio di nome Tilda 2005
4 La luce dello Shariman 2005
5 Nel grande buio 2005
6 Agguato nel deserto 2005
7 Una gita in mongolfiera 2005
8 Attenti a Miss Keyhole 2005
9 L'esperienza inganna 2005
10 I sogni sono realtà 2005
11 Rashid contro Rashid 2005
12 Sotto il sole di Egokhan 2005
13 Bolle di ragno 2005
14 La valle dei Maya 2005
15 Nel ventre di Egokhan 2005
16 Sotto assedio 2005
17 Il richiamo di Dolunai 2005
18 Trappola di vapore 2005
19 Senza casa 2005
20 Il tradimento di Ben 2005
21 I duellanti 2005
22 Una rosa per Alì 2005
23 L'ira di Ben 2005
24 L'eredità di Aladino 2005
25 Nigel in trappola 2005
26 Il trionfo della luce 2005

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Farhat: giovane principe di un emirato che deve recuperare i frammenti dello Sharyman per sconfiggere il demone Egokhan. È spesso aiutato dalla sua ombra.
  • Ombra: l'ombra di Farhat e il suo esatto opposto sempre spensierato, mai serio e abbastanza pauroso ma leale; può mutare forma ed aiuta Farhat a recuperare i frammenti di Shariman. Nell'episodio della seconda stagione "Cuore di Tenebra" si scopre che Farhat era nato già senz'ombra, e che Ombra fu con lui solo da una notte in cui ci fu un'eclissi lunare, e che in realtà deriva in parte da frammenti del Namirash sfuggiti alla tenebra.
  • Tilda Swanson: giovane, ma intelligente ragazza inglese, con il suo koala-computer aiuta il gruppo ad interpretare la mappa di Aladino.
  • Ben: è il maggiordomo di Farhat da quando era piccolo, ha cugini sparsi in tutto il mondo e nella puntata "Il tradimento di Ben" ruba i cristalli anche se falsi a Farhat per salvare da Egokhan e Rashid la "cuginanza". Nella seconda serie (Farhat e lo scorpione nero) nell'episodio "Ben in Black" viene corrotto dalla tenebra e diventa Ben in Black, ma torna in sé non appena il buco nero nello stadio di Pechino viene chiuso.
  • Ali Sahied/Ali Wing (in versione inglese di Lo Scorpione Nero): è l'eternizzato scorpione di Aladino/Zenome (in versione inglese e russo di Il principe del deserto) e con le sue pozioni allena e aiuta tutto il gruppo oltre a fornirgli mezzo di trasporto, nella prima serie con la "volatilla" e nella seconda (Farhat lo scorpione nero) usa "l'ultra volatilla" (anche per colpa del peso supplementare di Rashid). Assieme a Rashid diventa uno schiavo privo di libero arbitrio di Laylah. In seguito, trasformatosi in un mostro multitentacolare, attaccherà Farhat e il suo gruppo, ma questi, con l'aiuto nientemeno che dello spirito del suo maestro Aladino, riescono a farlo rinsavire.
  • Egokhan/Ikaghan (in versione russa): è il malvagio nemico di Farhat e insieme a Rashid tenta in tutti i modi di fermarlo; ha rapito i suoi genitori all'inizio della serie. Si nutre di Petrolio.
  • Rashid Al Wazum/Abdul Snarchkoff (in versione inglese di Il principe del deserto) è un petroliere che vuole impadronirsi dell'emirato di Farhat e perciò si allea con Egokhan. Nella seconda serie, per merito dell'influsso del Namirash (che è quello di far andare tutto al contrario), diventa buono e si allea con il suo ex-nemico Farhat e i suoi amici. Verrà nominato Guardiano di Ashtarak, requisito necessario per polverizzare lo Shariman e usarlo per chiudere i buchi neri. Come Ali viene soggiogato dal potere oscuro della tenebra e diventa un servo privo di volontà di Laylah.
  • Nigel Swanson: è il padre di Tilda. Molto protettivo e gentile in un episodio aiuta Farhat a salvarsi da un attacco di Egokhan. Se ha bisogno di consiglio va nella foresta dall'albero in cui risiede lo spirito della moglie (deceduta).
  • Dolunai e Yassir: sono i genitori di Farhat rapiti da Egokhan all'inizio della prima serie.
  • Miss Keyhole: la dispotica e autoritaria direttrice che spesso carica di compiti Tilda, fino a quando quest'ultima non parte con Farhat alla ricerca dei frammenti dello Shariman. Per buona parte della serie tenterà inutilmente di far tornare Tilda ad Oxford, ritenendo la sua ricerca niente più che una favola, ma si ricrede quando vede Egokhan a Stonehenge, consentendo alla studentessa di andare per la sua strada. Nella serie "Farhat e lo scorpione nero" si concentrerà su Laylah, finché anch'essa non partirà con i suoi nuovi amici.
  • Greta Swanson: la madre di Tilda è morta e non appare nella prima stagione ma nella seconda (Farhat e lo scorpione nero) si scopre che il suo spirito vive in un albero e sotto forma di fantasma può muovere gli oggetti nel mondo reale infatti può far muovere l'albero in cui risiede fornisce quando serve consiglio a Nigel.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rossana Cacace, Farhat, principe del deserto, su Film.it, 19 maggio 2009. URL consultato il 16 novembre 2017.
  2. ^ (EN) Licensors / Agents, Guide to Licensing World. URL consultato il 16 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2010).
  3. ^ (EN) Cartoombria Festival 1997, su Animation World Network. URL consultato il 16 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 12 dicembre 2008).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Animazione Portale Animazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Animazione