Canale di Faresina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Farasina)
Canale di Faresina
Croat fg179.JPG
Parte di mar Adriatico
Stato Croazia Croazia
Coordinate 45°09′N 14°16′E / 45.15°N 14.266667°E45.15; 14.266667Coordinate: 45°09′N 14°16′E / 45.15°N 14.266667°E45.15; 14.266667
Mappa di localizzazione: Croazia
Canale di Faresina
Canale di Faresina
Pola - 32-45.jpg

Il canale di Faresina[1][2][3], di Farasina[4][5], della Faresina[6][7][8] o della Grande Porta[9] (in croato Vela Vrata) è un braccio di mare che separa la parte settentrionale dell'isola di Cherso (Cres) dalla costa orientale dell'Istria, in Croazia. Il canale, che ha una larghezza media di circa 4,5 km[10], è navigabile ed è attraversato dai traghetti di collegamento per Cherso, che partendo da punta Prestova[11][7] o Prestava[6] (rt Brestova), sulla costa istriana, approdano al villaggio di Faresina[6][12] (Porozina).[7]

L'approdo di Faresina

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il canale, nel febbraio del 1918, fu teatro dell'azione militare, cui partecipò anche Gabriele D'Annunzio, passata alla storia come la beffa di Buccari.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Natale Vadori, Italia Illyrica sive glossarium italicorum exonymorum Illyriae, Moesiae Traciaeque ovvero glossario degli esonimi italiani di Illiria, Mesia e Tracia, 2012, San Vito al Tagliamento (PN), Ellerani, p. 33, ISBN 978-88-85339-29-3.
  2. ^ Cherso, treccani.it. URL consultato il 12 luglio 2017.
  3. ^ Alberi, p. 251.
  4. ^ Marieni, p. 84.
  5. ^ Carta di cabottaggio del mare Adriatico, foglio III, Milano, Istituto geografico militare, 1822-1824. URL consultato il 12 luglio 2017.
  6. ^ a b c Alberi, p. 304.
  7. ^ a b c Quarnero (il golfo del Quarnero), istrapedia.hr. URL consultato il 12 luglio 2017.
  8. ^ C. Maranelli e G. Salvemini, La questione dell'Adriatico, 1918, Firenze, Libreria della Voce, pp. 56, 59.
  9. ^ Rizzi, p. 191.
  10. ^ (HR) Mappa topografica della Croazia 1:25000, preglednik.arkod.hr. URL consultato il 12 luglio 2017.
  11. ^ Vadori, p. 537.
  12. ^ Vadori, p. 520.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Cartografia[modifica | modifica wikitesto]