Famiglia di lanciatori Lunga Marcia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il razzo Lunga Marcia 5 in attesa di essere trasportato al centro spaziale di Wenchang.

La famiglia di lanciatori Lunga Marcia (in cinese: 长征S, ChángzhēngP) è il prodotto di decenni di sviluppo dell'industria spaziale cinese. Il programma nacque nel 1969, con i lanci di prova del razzo Lunga Marcia 1 che nel 1970 spedì il primo satellite cinese in orbita. È chiamata così dalla lunga marcia, un importante passaggio della guerra civile cinese che portò alla fondazione della Repubblica Popolare Cinese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Grazie a questa famiglia di lanciatori, la Cina dal 1970 acquisì la possibilità di raggiungere lo spazio, e di trarne benefici per uso militare e commerciale. Inizialmente vennero lanciati solamente satelliti cinesi, ma dal 1986, anno del disastro dello Space Shuttle, si aprirono nuove opportunità commerciali e il mercato cinese si espanse: AsiaSat, un'azienda per le telecomunicazioni con base ad Hong Kong e in Canada, fu il primo cliente commerciale internazionale per l'Agenzia spaziale cinese, che usò il lanciatore Lunga Marcia 3 per portare il carico in orbita geostazionaria.

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Linea temporale dei lanciatori della famiglia Lunga Marcia.
CZ è l'abbreviazione di Chángzhēng.

Nel corso degli anni sono stati sviluppati vari modelli per venire incontro a esigenze di carico e di trasferimento diverse.

Modello Stato Stadi Primo lancio con successo Siti di lancio[a] Tipo e scopo
Lunga Marcia 1 Ritirato 3 1970 J Lanciatore leggero usato per lanciare il primo satellite cinese.
Lunga Marcia 1D Ritirato 3 1995 T Lanciatore leggero derivato da un missile balistico intercontinentale e usato solo per prove di rientro.
Lunga Marcia 2A Ritirato 2 1975 J Lanciatore medio usato poche volte per satelliti spia e rapidamente rimpiazzato dal LM-2C.
Lunga Marcia 2C In uso 2+1 1982 J, T, X Lanciatore medio usato principalmente per satelliti spia e per telecomunicazioni.
Lunga Marcia 2D In uso 2+1 1992 J, T Lanciatore medio per carichi in LEO e SSO.
Lunga Marcia 2E Ritirato 3 1990 X Lanciatore medio per carichi in GTO.
Lunga Marcia 2F In uso 2 1999 J Lanciatore medio per lanci con equipaggio umano derivato dal LM-2E.[1]
Lunga Marcia 3 Ritirato 3 1984 X Lanciatore medio usato principalmente per satelliti per telecomunicazioni in GTO.
Lunga Marcia 3A In uso 3 1994 X Lanciatore medio usato principalmente per satelliti per telecomunicazioni e posizionamento in GTO.
Lunga Marcia 3B In uso 3+1 1996 X Lanciatore medio usato principalmente per satelliti per telecomunicazioni in GSO.
Lunga Marcia 3C In uso 3+1 2008 X Lanciatore medio con capacità intermedie tra il LM-3A e il LM-3B usato principalmente per carichi in GTO.
Lunga Marcia 4A Ritirato 3 1988 T Lanciatore medio usato solo per due lanci di satelliti meteorologici in SSO.
Lunga Marcia 4B In uso 3 1999 J, T Lanciatore medio per carichi in LEO e SSO.
Lunga Marcia 4C In uso 3 2006 J, T, X Lanciatore medio per carichi in LEO e SSO derivato dal LM-4B ma con 3º stadio riavviabile e ogiva più capiente.
Lunga Marcia 5 In uso 2+1 2016 W Lanciatore pesante per grandi carichi in LEO e GTO.
Lunga Marcia 6 In uso 3 2015 T Lanciatore leggero per piccoli carichi.[2]
Lunga Marcia 7 In uso 2+1 2016 W Lanciatore medio progettato per rimpiazzare il LM-2F nei lanci con equipaggio umano.[3]
Lunga Marcia 8 In uso 2 2020 J, W Lanciatore medio simile al LM-7 con caratteristiche di riusabilità.[4][5]
Lunga Marcia 9 In sviluppo 2030+ (previsto) Lanciatore superpesante di capacità comparabile al SLS per future missioni umane verso la Luna e Marte.[4]
Lunga Marcia 11 In uso 4 2015 J Lanciatore leggero progettato per essere lanciato con poco preavviso, anche da veicoli e imbarcazioni.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) LM-2F, su cgwic.com.
  2. ^ (EN) China conducts debut launch of Long March 6, su nasaspaceflight.com.
  3. ^ (EN) Chang Zheng-7, su sinodefence.com.
  4. ^ a b (EN) China reveals details for super-heavy-lift Long March 9 and reusable Long March 8 rockets, su spacenews.com.
  5. ^ Riutilizzabile made in China, su globalscience.it, 23 dicembre 2020.
  6. ^ (EN) CZ-11 (Chang Zheng-11), su space.skyrocket.de.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]