Famiano Crucianelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Famiano Crucianelli
Famiano Crucianelli.jpg

Sottosegretario di Stato del Ministero degli Affari Esteri
Durata mandato 17 maggio 2006 –
8 maggio 2008
Presidente Romano Prodi
Predecessore Roberto Antonione
Successore Stefania Craxi

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature VIII, IX, XI, XII, XIII, XIV
Gruppo
parlamentare
Rifondazione Comunista, Democratici di Sinistra-L'Ulivo
Circoscrizione Lazio 1 (XII Legis.); XII Toscana (XIII e XIV Leg.)
Collegio Roma (VIII, IX e XI), 12 - Montecatini Terme (XIII e XIV)
Sito istituzionale

Coordinatore nazionale del Movimento dei Comunisti Unitari
Durata mandato 1995 –
1998
Predecessore carica istituita
Successore partito sciolto

Dati generali
Partito politico Il manifesto (1972-1974)
Partito di Unità Proletaria per il Comunismo (1974-1984)
Partito Comunista Italiano (1984-1991)
Partito della Rifondazione Comunista (1991-1995)
Movimento dei Comunisti Unitari (1995-1998)
Democratici di Sinistra (1998-2007)
Sinistra Democratica (2007-2008)
Partito Democratico (2008- )
Titolo di studio Laurea in medicina e chirurgia
Professione medico chirurgo

Famiano Crucianelli (Roma, 1º gennaio 1948) è un politico e medico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in medicina e medico chirurgo, fu tra i fondatori de il manifesto, giornale omonimo del gruppo politico espulso in precedenza dal Partito Comunista Italiano.

Con il manifesto partecipò alla creazione del Partito di Unità Proletaria per il comunismo, per il quale fu eletto deputato nel 1979, subentrando a un dimissionario. Venne poi eletto nel 1983 in una lista PCI-PdUP.

Tornò alla Camera con il PRC nel 1992 e nel 1994. Nel marzo del 1995 votò la fiducia al governo Dini, assieme ad altri 14 deputati del PRC che non avevano accettato le direttive imposte dal partito.

Questi deputati ribelli costituiranno due mesi dopo il Movimento dei Comunisti Unitari, guidato dallo stesso Crucianelli. Il movimento si presenta alle elezioni politiche del 1996 con il PDS; quindi nel 1996 Crucianelli è rieletto deputato nelle liste di questo partito.

Nel 1998 farà del MCU uno dei soggetti cofondatori dei Democratici di Sinistra. Rieletto alla Camera nel 2001 con i DS, sosterrà la mozione "Una sinistra forte", il cosiddetto Correntone di Giovanni Berlinguer e Fabio Mussi, scrivendo anche sulla rivista di riferimento Aprile per la sinistra, in principio giornale del MCU.

Dal 18 maggio del 2006 all'8 maggio del 2008 ha fatto parte del secondo governo Prodi in qualità di sottosegretario agli Esteri. Nel 2007 ha aderito a Sinistra Democratica, che ha poi abbandonato l'8 febbraio 2008 per aderire al Partito Democratico dove darà vita ad un'associazione Per la sinistra interna al PD.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Sottosegretario di Stato del Ministero degli Affari Esteri Successore Emblem of Italy.svg
Roberto Antonione 17 maggio 2006 - 8 maggio 2008 Stefania Craxi