Falsi titoli di nobiltà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

I falsi titoli di nobiltà sono titoli senza alcuna validità legale, quasi sempre sono venduti illegalmente.

Titoli inglesi[modifica | modifica wikitesto]

La vendita di titoli britannici è proibita da una legge del 1925[1]. In internet diversi siti offrono all'acquirente la possibilità di aver scritto nei documenti di riconoscimento "lord" o "lady", ma il senso in cui è da intendersi quest'appellativo è di proprietario terriero, non di titolo nobiliare, non è aggiungibile in nessun documento e non si ha diritto al blasone. Tali truffe si basano sul fatto che nel Regno Unito è possibile cambiare nome e cognome[2] quasi senza sostenere spese. Gli unici titoli genuini che si possono acquistare sono i titoli di lord, laird e lady scozzesi poiché acquisiscono il titolo comprando il terreno.

Titoli italiani[modifica | modifica wikitesto]

In Italia i titoli nobiliari, dall'entrata in vigore della Costituzione della Repubblica Italiana - e cioè dal 1º gennaio 1948 -, per effetto della XIV Disposizione transitoria e finale di essa, sono privati di qualsiasi valore giuridico e non possono essere inseriti nei documenti di riconoscimento ma non sono vietati dalla legge che però non li tutela in sede pubblica. Tuttavia è possibile avere cognomizzati i predicati, qualora antenati nobili avessero avuto titoli riconosciuti anteriormente al 28 ottobre 1922 (il giorno della marcia su Roma)[3]: ad esempio se trisavoli avevano il titolo di principe di Collereale, nei documenti di Mario Rossi, una volta espletate le pratiche, figurerà "Mario Rossi di Collereale"[4].

Titoli tedeschi[modifica | modifica wikitesto]

Tramite adozione è possibile, negli stati firmatari della convenzione dell'Aja[5], avere cognomizzati dei titoli nobiliari tedeschi, in quanto in Germania il titolo costituisce parte integrante del cognome. Naturalmente il cambiamento di cognome non implica alcuna acquisizione di titoli nobiliari anche se cognomizzati. In Germania i titoli nobiliari non sono riconosciuti come tali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Honours (Prevention of Abuses)
  2. ^ Nomix, il portale dei nomi
  3. ^ Associazione Nazionale Ufficiali di Stato Civile e d'Anagrafe
  4. ^ vds pure Alessandro Gentili, Titoli nobiliari e cavallereschi sammarinesi, in Rivista Nobiliare, n. 2, pagg. 3 e ss., Accademia Araldica e Nobiliare Italiana, Firenze, 2017
  5. ^ Lista degli Stati aderenti
Storia di famiglia Portale Storia di famiglia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia di famiglia