Fallout 3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fallout 3
Fallout 3 logo.jpg
Sviluppo Bethesda Game Studios
Pubblicazione Bethesda Softworks
Serie Fallout
Data di pubblicazione Flag of the United States.svg 28 ottobre 2008[1][2][3]
Flag of Europe.svg 31 ottobre 2008[1][2][3]
Genere Action RPG
Tema Post-apocalittico, retro-futuristico, steampunk
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma Windows, Xbox 360, PlayStation 3
Motore grafico Gamebryo 2.6
Motore fisico Havok
Supporto DVD, Blu-ray Disc
Requisiti di sistema Minimi:[4]
Fascia di età BBFC: 18
ESRB: M[5]
OFLC (AU): MA15+
OFLC (NZ): R16
PEGI: 18+
Periferiche di input Tastiera, mouse, gamepad
Espansioni
  • Operation Anchorage
  • The Pitt
  • Broken Steel
  • Point Lookout
  • Mothership Zeta
Preceduto da Fallout 2
Seguito da Fallout: New Vegas

Fallout 3 è un videogioco action RPG sviluppato da Bethesda Game Studios e pubblicato da Bethesda Softworks. Si tratta del terzo capitolo della serie videoludica Fallout, composta da cinque capitoli principali.

Il gioco era inizialmente sviluppato da Black Isle Studios, un gruppo della Interplay, con il nome di Van Buren poi i suoi diritti sono stati ceduti a Bethesda Softworks.

Il titolo è ambientato negli Stati Uniti d'America nord-orientali del 2277, duecento anni dopo l'esplosione di una guerra nucleare, dove parte della popolazione si è rifugiata in bunker sotterranei chiamati Vault, mentre il mondo esterno è ridotto a un deserto contaminato. Il giocatore, in Fallout 3, è chiamato a seguire varie missioni, sia seguendo la trama principale del gioco, sia svolgendo missioni opzionali slegate da essa e riguardanti vicende secondarie.

Rispetto ai due precedenti capitoli Fallout 3 ha segnato un profondo cambiamento nel gameplay della serie, passando da videogioco di ruolo isometrico con combattimento a turni, ad action RPG con visuale passante per prima e terza persona.

Nonostante il difficile passaggio di testimone effettuato con Bethesda, il gioco si è rivelato un grande successo sia di pubblico che di critica,[6][7] ed è riuscito a confermarsi come uno dei migliori giochi del suo genere e della sua generazione.[8] In secondo piano, a differenza dei due precedenti capitoli, Fallout 3 è stato anche un successo in fatto di vendite, con diverse milioni di copie messe a segno nel giro di poche settimane.[9]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

(EN)

« It is here you were born, and it is here you will die... because in Vault 101, no one ever enters... and no one ever leaves. »

(IT)

« È qui che sei nato, ed è qui che morirai... perché nel Vault 101, nessuno può entrare... e nessuno può andar via. »

(Sovrintendente del Vault 101)

Dopo che una guerra nucleare ha trasformato la Terra in una distesa arida e irradiata di rovine, alcuni superstiti trovarono la salvezza in profondi bunker sotterranei chiamati Vault, resi funzionali dalla tecnologia della società Vault-Tec. Il protagonista vive nel Vault numero 101. Il gioco vero e proprio (a parte tre brevi prologhi all'età di uno, dieci e sedici anni) ha inizio quando, all'età di diciannove anni, il protagonista lascia il Vault 101 alla ricerca del padre, James, uno degli scienziati più rispettati della comunità che è scappato nel mondo esterno. Uscito dal Vault il protagonista scopre che le radiazioni nel mondo esterno sono drasticamente diminuite, permettendo così la sopravvivenza di alcune comunità di esseri umani.

Una schermata di gioco a Megaton

Una di queste era Megaton, insediamento umano costruito nel cratere lasciato da un bombardiere precipitato. Alcuni edifici sono stati costruiti con i pezzi del velivolo uniti con altri pezzi recuperati da un vicino aeroporto. La testata nucleare che trasportava è rimasta inesplosa al centro del cratere, diventata col tempo parte della città e, da alcuni, anche oggetto di culto religioso. In questa città il protagonista scopre che il padre si è diretto alla sede di Galaxy News Radio, una delle uniche due emittenti radiofoniche ancora esistenti. Il suo capo è un disk jokey chiamato Tre Cani, che si pone come voce degli oppressi della Zona Contaminata.

Nei pressi della destinazione il giocatore trova dei supermutanti, enormi creature umanoidi mutate e rese incredibilmente forti a causa di esperimenti con il Virus a Evoluzione Forzata (VEF). A questo punto il giocatore fa il suo primo incontro con la Confraternita d'Acciaio e in particolare con il commando Lyons Pride, un gruppo di soldati che detengono tecnologia molto avanzata (in particolare armi ad energia) in netto contrasto con il livello tecnologico medio del resto dell'ambientazione. La Confraternita è in lotta con una società conosciuta come Enclave (che possiede l'altra radio della Zona contaminata). Si tratta di un'organizzazione militare tecnologicamente avanzatissima, guidata da un gruppo di uomini che si considerano gli eredi dei governanti statunitensi ed in particolare dal presidente Eden autoproclamatosi presidente degli Stati Uniti d'America.

Tre Cani sa dove si è diretto James, ma per guadagnarsi l'informazione il giocatore deve fare in modo che Galaxy News Radio possa essere ascoltata in tutta la Zona Contaminata, ma con una buona eloquenza è possibile farselo dire lo stesso. Fatto questo il protagonista scopre che il proprio padre si è diretto a Rivet City, una città costruita all'interno di un'immensa portaerei arenata nel fiume Potomac. Si tratta di uno dei pochi centri di ricerca scientifica funzionanti della capitale. La direttrice di questo centro, la dottoressa Li, era una collega di James al "Progetto Purezza", un progetto di ricerca utopistico atto a creare un dispositivo in grado di purificare le acque radioattive della cosiddetta Zona Contaminata. James sembra intenzionato a riprendere le redini del progetto: si è diretto al Jefferson Memorial, il loro vecchio laboratorio. Una volta lì il giocatore trova dei suoi appunti che rivelano che l'elemento chiave per la riuscita del progetto purezza può essere fornito da un certo dottor Stanislaus Braun, il ricercatore capo del Vault 112 e uno degli sviluppatori del cosiddetto K.R.E.G., il Kit Realizzazione Giardino dell'Eden (già comparso in Fallout 2 con il nome di G.E.C.K., ossia Garden of Eden Creation Kit).

Nel Vault 112 il personaggio viene proiettato in una realtà virtuale: una cittadina degli anni cinquanta chiamata Tranquility Lane. Braun vi ha intrappolato gli abitanti del Vault. Il giocatore può spegnere la simulazione (lasciandovi il dottor Braun intrappolato) o assecondare il divertimento di Stanislaus, uccidendo tutti i residenti in orripilanti e fantasiosi modi. All'uscita il protagonista trova suo padre. Durante la sua prigionia nella simulazione ha estorto a Braun le conoscenze che gli servivano e ora il progetto purezza può funzionare. Tornati al Jefferson Memorial occorre ripristinare le apparecchiature per proseguire il lavoro, ma le riparazioni vengono interrotte da un'incursione dei soldati dell'Enclave, comandati dal colonnello Autumn. I soldati uccidono alcuni membri del gruppo e imprigionano James, il quale fa saltare in aria uno dei purificatori uccidendo così Autumn, ma sacrificando la propria vita. Inseguiti dall'Enclave, la dottoressa Li, il personaggio e i superstiti dello staff scappano alla Cittadella, la roccaforte della Confraternita dell'Acciaio. La Confraternita informa il giocatore che il K.R.E.G., necessario per il funzionare il Progetto Purezza, si trova nel Vault 87. Una volta entrati nel Vault si scopre che è infestato da supermutanti, prodotto di esperimenti condotti nello stesso Vault con il virus VEF (già introdotto nel primo Fallout). Tuttavia, fra i supermutanti ostili, ce n'è uno amichevole di nome Fawkes (che può diventare amico del giocatore a patto di avere un karma molto buono), il quale aiuta a fare strada nel Vault e a recuperare il K.R.E.G.

L'Enclave tiene un agguato al protagonista, che viene catturato e si risveglia a Raven Rock, base dell'Enclave. Il K.R.E.G. è caduto nelle loro mani e lo installano nel Progetto Purezza. Manca solo il codice per avviarlo e per questo tengono in ostaggio il protagonista. A questo punto il presidente Eden richiede la presenza del giocatore al suo cospetto, ma il generale Autumn, misteriosamente sopravvissuto, è sospettoso e ordina ai soldati di uccidere il personaggio. Dopo essersi fatto strada tra i soldati, il giocatore raggiunge il presidente, che si rivela essere un immenso computer, il quale vi fa uscire dalla base a una condizione: prendere una fiala di virus VEF modificato da inserire nel Progetto Purezza, in grado di uccidere tutti gli esseri mutati, dai supermutanti, ai ghoul fino ai comuni abitanti della Zona Contaminata. La scelta finale spetta al giocatore, che può anche convincere Eden che è pura follia, "ordinandogli" di autodistruggersi insieme a tutta la base di Raven Rock.

Una volta usciti da Raven Rock il giocatore si dirige nella Cittadella dove lo aspettano i Lyons Pride per sferrare l'ultimo attacco all'Enclave e per riprendere il controllo del Jefferson Memorial e attivare il Progetto Purezza. La battaglia si rivela molto dura con ingenti perdite da entrambe le fazioni, considerando anche che la Confraternita è agevolata grazie all'aiuto del potente robot prebellico Liberty Prime, inizialmente progettato per essere usato durante la guerra in Alaska nel 2077. Inoltre il robot svolge un ruolo decisivo: egli è infatti necessario per disattivare i potenti scudi dell'Enclave che proteggono il purificatore. Una volta riconquistato il monumento si presenta un ultimo problema: il purificatore, danneggiato dai combattimenti, rischia di esplodere e va attivato immediatamente. Sfortunatamente, per farlo bisogna accedere alla console circondata da quantità mortale di radiazioni. A discrezione del giocatore la scelta sul sacrificarsi o mandare la sentinella Lyons o Fawkes e, soprattutto, se inserire o meno nel purificatore il virus VEF fornitogli dal presidente Eden. Queste ultime scelte, unite al livello di karma posseduto, determinano il contenuto del video finale.

Ambientazione[modifica | modifica wikitesto]

Il monumento a Washington realizzato da Robert Mills, presente a Washington, è stato trasposto anche in Fallout 3, dove è uno degli elementi caratteristici del gioco ed è sempre visibile da ogni parte della mappa come punto d'orientamento

Fallout 3, a differenza dei suoi predecessori che sono ambientati nell'ovest degli Stati Uniti, si svolge nell'est, all'interno di una vasta area, la Zona Contaminata di Washington D.C., che è essenzialmente ciò che resta dei dintorni di Washington dopo la guerra atomica del 2077. Le ambientazioni si distinguono in luoghi all'aperto, che variano da pianure bruciate dal sole a devastate rovine cittadine, e in luoghi chiusi, come i Vault o gli interni di edifici diroccati. La cura riposta nella costruzione degli spazi è notevole e ogni locazione è particolareggiata e spesso collegata a missioni secondarie.

Luoghi del gioco[modifica | modifica wikitesto]

  • Fort Constantine: base della Confraternita dei Rinnegati al nord della mappa di gioco molto vicina a Raven Rock; questa base ha un collegamento alla missione che un ghoul degli Inferi da al giocatore poiché qui dentro è contenuta l'armatura atomica T-51B.
  • Vault 101: è uno dei bunker della Vault-Tec situato nelle rovine di Springvale, vicino Washington. È qui che il protagonista è cresciuto, pur essendo nato all'esterno. La struttura ospita numerosi individui che, da 200 anni, nel susseguirsi delle generazioni, non sono mai usciti dal Vault.
  • Megaton: è uno dei due insediamenti umani più grandi della Zona Contaminata della Capitale. La cittadina fu fondata da un folto gruppo di sopravvissuti all'olocausto nucleare che speravano di trovare rifugio nel Vault 101, quando gli fu negato l'accesso si stabilirono nel cratere. Con il passare degli anni l'insediamento divenne un'importante stazione commerciale per le carovane e gli abitanti, per evitare di essere massacrati dai predatori si circondarono di una cinta muraria costruita con i rottami degli aerei civili. La peculiarità di Megaton è la presenza, al centro della città, di una gigantesca testata nucleare inesplosa; alcuni coloni la venerano come una manifestazione del Divino, creandovi attorno un culto: la Chiesa dell'Atomo.
  • Paradise Falls: in passato era un grande centro commerciale, ma ora è il quartier generale degli schiavisti che terrorizzano la Zona Contaminata della Capitale; sono guidati da Eulogy Jones, che gestisce i prezzi degli schiavi che i suoi seguaci gli portano ogni giorno.
  • Minefield: una città fantasma protetta da numerosi campi minati e sorvegliata da un cecchino.
  • Evergreen Mills: questa vecchia fonderia ora ospita uno dei più grandi accampamenti di predatori della Zona Contaminata della Capitale.
  • Torre di Tenpenny: è un hotel prebellico rimesso a nuovo da un cittadino britannico di nome Allistar Tenpenny. Gli abitanti della torre sono persone molto ricche che possono permettersi l'affitto di un alloggio confortevole lontano dagli orrori della Zona Contaminata, vivendo nell'illusione che la catastrofe non sia mai esistita.
  • Little Lamplight: è un insediamento nelle caverne di Lamplight, fondato e abitato solamente da bambini.
  • Rivet City: è il più grande insediamento umano della Zona Contaminata della Capitale. È situata all'interno di una portaerei ancorata nel fiume Potomac ed è collegata alla terraferma tramite un ponte girevole che scoraggia gli attacchi. Fu fondata nel 2239 dai sopravvissuti dell'Istituto navale di ricerca che scelsero la nave principalmente per il suo laboratorio di ricerca attrezzato e ancora potenzialmente funzionale.
  • Vault 112: fu uno degli ultimi Vault a essere costruito dalla Vault-Tec; la sua costruzione fu effettuata per soddisfare le esigenze del Dr. Stanislaus Braun, fenomenale ingegnere dell'azienda e inventore del G.E.C.K.: egli installò nel bunker un simulatore di realtà virtuale per proiettare i suoi occupanti nella vita perfetta di Tranquillity Lane.
  • Inferi: insediamento di ghoul situato nel cuore delle rovine della città di Washington, nel museo di storia. Gli abitanti tollerano la presenza umana, a patto che non causi loro dei problemi, ma non sono in buoni rapporti con la Confraternita d'Acciaio.
  • La Cittadella: la base della Confraternita d'Acciaio nel distretto di Washington, costruita direttamente sulle rovine del Pentagono. Nella Cittadella, accessibile solo ai membri della Confraternita, trovano rifugio tutti i membri dell'ordine.
  • Raven Rock: la base dell'Enclave nella Zona Contaminata della Capitale. Qui si nasconde il presidente Eden, da dove trasmette i suoi messaggi di propaganda tramite la radio dell'Enclave.
  • Repubblica di Dave: minuscolo insediamento umano abitato da un paio di famiglie e governato da Dave. Ogni quattro anni vi si tengono delle elezioni per rinnovare il capo.
  • Tempio dell'Unione: è un piccolo insediamento degli schiavi liberi che sono guidati da un uomo di nome Annibal. Questi schiavi liberi sono devoti a Lincoln e vorrebbero restaurare il Lincoln Memorial.
  • Galaxy News Radio: la stazione radio dalla quale il dj Tre Cani trasmette le notizie sulla Zona Contaminata della Capitale, situata nel cuore di Washington D.C. e protetta dalla Confraternita d'Acciaio.
  • Oasi: l'unica area della Zona Contaminata in cui sopravvive ancora una vegetazione verde e rigogliosa, grazie ad Harold: una mutazione tra un uomo e un albero. Una ristretta comunità si occupa del mantenimento e della cura di quest'area così unica.
  • Canterbury Commons: insediamento a nord di Washington D.C.; qui le carovane trovano il loro punto di partenza e di arrivo. AntAgonizer e il Meccanicista sono i due improbabili supereroi che con le loro strampalate gesta mettono talvolta in pericolo la vita degli abitanti di questo villaggio.
  • Arefu: è un piccolo villaggio di quattro baracche costruito su una rampa autostradale, viene disturbato dai predatori vampiri della "Famiglia".
  • Fort Independence: è la sede dei Rinnegati della Confraternita D'Acciaio.
  • Vault 87: il Vault dove, dopo la guerra, sono stati fatti esperimenti con il VEF, diventando così il luogo di nascita e riproduzione dei supermutanti della costa orientale. Vi si può accedere solo passando per le caverne di Little Lamplight, in quanto le dosi di radiazioni presenti dove si trova l'entrata principale sono letali. Il giocatore va in questo Vault per eseguire la missione Nel giardino dell'Eden, con lo scopo di trovare il K.R.E.G., dispositivo in grado di rigenerare la vita nella Zona Contaminata.

Fazioni principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Confraternita d'Acciaio della Zona Contaminata: è un distaccamento della Confraternita della California (presente nei titoli precedenti), mandata a Washington D.C. con l'obiettivo di cercare tutta la tecnologia possibile. Owin Lyons, il capo anziano di questa missione, assistendo alla piaga dei supermutanti decise di indirizzare l'opera della Confraternita anche verso l'aiuto alle popolazioni della Zona Contaminata suscitando la rabbia degli anziani in California più interessati ai ritrovamenti che alle persone. La nuova legge di Lyons impose ai membri di preservare, oltre alla tecnologia, le vite umane delle lande. Questo nuovo codice portò a continue lotte interne che logorarono la Confraternita e la divisero in due grandi fazioni: i Rinnegati e i Paladini di Lyons.
  • Rinnegati della Confraternita: sono dei membri della Confraternita che hanno deciso di scindersi dal movimento principale, non condividendo le scelte di Lyons di proteggere la popolazione locale invece di cercare tecnologie perdute. Perseguono l'obiettivo principale di cercare la tecnologia, senza curarsi delle sorti di ciò che rimane della popolazione locale. Il loro scopo è quello di ritornare in California dall'Antico Ordine per denunciare la "grave situazione" in cui ora si trova la Zona Contaminata della Capitale.
  • Enclave: l'Enclave è il governo dei defunti Stati Uniti d'America, sostanzialmente l'eredità politica, militare e "genetica" del governo americano prebellico. Per quanto gravemente compromessa nella struttura e nelle capacità operative, l'Enclave mantiene una netta superiorità tecnologica rispetto a buona parte delle altre fazioni in gioco, eccezion fatta per la Confraternita d'Acciaio. Al vertice dell'organizzazione risiede l'auto-eletto presidente degli Stati Uniti John Henry Eden, il quale persegue l'obiettivo trasmessogli dalla precedente leadership: estendere quanto più possibile l'autorità dell'Enclave, non curandosi troppo della cosiddetta "popolazione civile". La filosofia dominante presso i dirigenti dell'organizzazione si basa su un suprematismo, nel quale la razza eletta è rappresentata dai discendenti legittimi del governo, preservatisi dalle contaminazioni conseguenti la guerra. In virtù di questa linea di pensiero, l'Enclave rivendica autorità anche sugli abitanti dei Vault, in quanto anch'essi si sono salvati dall'olocausto nucleare. Il loro avversario principale è l'esercito dei mutanti del Vault 87 e, dopo l'attivazione di Liberty Prime, la Confraternita d'Acciaio.
  • Predatori: razziatori specializzati nell'uccidere, derubare e torturare gli abitanti della Zona Contaminata per il semplice gusto di farlo. La loro sede principale è situata presso la fonderia di Evergreen Mills. Alcuni indizi nel gioco paiono suggerire siano anche cannibali.
  • Ghoul: sono i sopravvissuti alla guerra nucleare del 2077. Mutati dalle radiazioni a cui sono invulnerabili e ultracentenari,[10] i ghoul sono odiati dalla maggior parte delle organizzazioni per il loro aspetto simile a un cadavere decomposto, spesso vengono chiamati zombie. Per vivere in pace hanno stabilito una insediamento all'interno del Museo di Storia. Esistono numerose tipologie di ghoul, determinate dal livello di radiazioni subite e dalle condizioni psicofisiche dell'individuo. La prima distinzione riguarda le capacità sociologiche: parte dei ghoul ha conservato intelligenza e personalità che avevano prima della mutazione. I restanti cosiddetto ghoul feroci, a causa di un lento decadimento dei neurotrasmettitori causato dai raggi gamma, vivono per lo più nella rete delle metropolitane dove cercarono rifugio durante la guerra.
  • Supermutanti: sono umani mutati dal virus VEF a livello di muscolare e intellettivo, sono di colore giallastro. Sono presenti ovunque, ma hanno basi nel Vault 87 e nella stazione di polizia di German Town. Nei loro covi si possono trovare sacchi di membra umane e persone prigioniere, suggerendo siano antropofagi. Oltre ai normali supermutanti ne esistono vari sottotipi, alcuni di dimensioni gigantesche. Anche loro grazie alle radiazioni, come i ghoul, sono biologicamente immortali (con l'espansione Broken Steel si ottiene anche un nuovo supermutante, ovviamente come nemico).
  • Schiavisti: dopo aver stabilito la propria base a Paradise Falls si sono dedicati a rendere schiavi gli abitanti di Washington D.C., catturandoli e vendendoli al miglior offerente. Gli schiavi sono controllati tramite un collare esplosivo attivabile a distanza che può essere rimosso dal giocatore. Il giocatore può decidere se unirsi a loro procurandogli nuovi schiavi (ottenendo karma negativo), oppure contrastarli e difendere così la popolazione locale, distruggendo Paradise Falls (ottenendo karma positivo).
  • Giustizieri: questa fazione si occupa in un certo modo del mantenimento di una parvenza di legalità nella zona contaminata, offrendo una taglia per ogni dito di cattivo che il nostro personaggio sarebbe riuscito a portare loro come prova dell'uccisione. Sono conteggiati come cattivi i predatori, gli schiavisti, i mercenari della compagnia dell'artiglio e i soldati dell'enclave.
  • Compagnia dell'Artiglio: i mercenari che compongono la Compagnia dell'Artiglio si occupano per lo più di omicidio su commissione, tant'è vero che anche il protagonista deve spesso combattere contro di loro in quanto ha una taglia sulla testa e fanno parte dei "cattivi".
  • Abitanti e altri personaggi: ovviamente sono presenti nel gioco personaggi che non appartengono a nessuna fazione. Nella Zona Contaminata di Washington si possono incontrare moltissimi personaggi con gli scopi più disparati.

Animali[modifica | modifica wikitesto]

Nel gioco sono presenti molte varietà di animali, la maggior parte di cui sono stati geneticamente modificati dalle radiazioni subite. Eccone di seguito un elenco:

  • Bramini: animali da allevamento simili a mucche con due teste. Si possono trovare libere nella Zona Contaminata o anche nelle città. Sono solitamente inoffensivi.
  • Scarafaggi radioattivi: scarafaggi modificati dalle radiazioni. Si possono incontrare nei Vault o nei luoghi chiusi. Attaccano, soprattutto all'inizio del gioco, ma proseguendo nei livelli risultano molto semplici da uccidere. La mutazione consiste nelle dimensioni molto maggiori del solito.
  • Scorpioni radioattivi: scorpioni modificati dalle radiazioni. Si possono incontrare nella vasta Zona Contaminata della Capitale, spesso in gruppi. Attaccano immediatamente e, soprattutto nel caso della razza "gigante", risultano molto pericolosi. La mutazione consiste nella dimensione, che nel caso dello scorpione gigante, rende l'animale ben più grande di una persona. Il loro aculeo è vendibile al mercato o utilizzabile per fabbricare armi.
  • Ratti talpa: roditori ingranditi dalle radiazioni. Si possono incontrare in luoghi chiusi, soprattutto fogne, sotterranei o Vault. Attaccano il nemico, ma non sono particolarmente pericolosi, soprattutto se affrontati con il bastone repellente costruito appositamente per contrastarli.
  • Formiche giganti: formiche di grandi dimensioni, modificate dalle radiazioni. Ne esistono di diversi tipi comprese le più temibili, quelle del fuoco, che sputano fuoco a una certa distanza.
  • Mirelurk: discendenti dai granchi neri, ma geneticamente modificati dalle radiazioni. Si possono incontrare vicino l'acqua sia all'aperto che al chiuso. Sono pericolosi grazie alla durissima corazza che possiedono, risultando però deboli se colpiti nei punti scoperti da questa. Ne esistono di vari tipi molto diversi tra loro.
  • Cani: semplici cani randagi o addomesticati. Nel gioco si può possedere un cane come compagno, Dogmeat.
  • Mosche mutanti: mosche modificate dalle radiazioni, attaccano all'improvviso lanciando le loro larve. La mutazione le ha rese più grandi e aggressive.
  • Yao Guai: discendono dagli orsi neri dai quali si sono evoluti a causa delle radiazioni conservandone l'aspetto in parte. Attaccano a sorpresa e sono tra i più pericolosi avversari del gioco. Se non si è reattivi o non si possiede un'arma potente si rischia di soccombere in pochissimo tempo.
  • Centauri: sono il risultato della combinazione tra vari tipi di animali e persone, infettati con il VEF. Vengono spesso usati come cani da guardia dai supermutanti. Attaccano lanciando sostanze radioattive, sono molto fastidiosi, ma semplici da eliminare.
  • Deathclaw: un innocuo camaleonte di Jackson mutato e creato grazie all'ingegneria genetica, originariamente creato prima della guerra nucleare come sostituto degli umani durante missioni di cerca e distruggi. Normalmente attaccano chiunque incontrino, ma alcuni sono utilizzati dall'Enclave come armi tramite un collare; distruggendo il collare essi torneranno aggressivi verso tutti, Enclave compresa. Si incontrano facilmente nella zona della mappa chiamata "vecchio Olney", una città a nord-est vicino al Vault 92. Sono tra gli avversari più pericolosi del gioco e, se uccisi, dal loro corpo può essere recuperata la mano di Deathclaw, necessaria alla creazione di un'arma artigianale.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Creazione del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

In Fallout 3 la creazione del personaggio si perfeziona durante le fasi iniziali del gioco che ha inizio con una rapida successione di scene interattive riguardanti l'infanzia: alla nascita del personaggio il giocatore decide nome e sesso, un anno dopo seleziona le caratteristiche base del personaggio (il cosiddetto S.P.E.C.I.A.L.). In seguito appaiono alcune sequenze dell'adolescenza che fungono sia da tutorial, sia come mezzo per definire le abilità del proprio personaggio.

In occasione del decimo compleanno, inoltre, il protagonista viene in possesso del Pip-Boy 3000, un computer da polso che funziona come vera e propria interfaccia del gioco: è infatti possibile controllare le statistiche di gioco o visualizzare su di esso le missioni che vengono affrontate.

Sistema karma[modifica | modifica wikitesto]

Il sistema del karma è un'importante caratteristica delle meccaniche di gioco di Fallout 3. Le azioni del giocatore, incluse le conversazioni e le scelte in combattimento, condizionano le relazioni del giocatore con il mondo: un giocatore che compie azioni positive è accolto meglio dai PNG e un giocatore che prende decisioni negative ottiene una reazione opposta. Il giocatore può anche commettere crimini, col rischio però di essere scoperto e di subirne le conseguenze. Un karma eccessivamente buono o malvagio può attirare l'attenzione di alcuni avversari: la Compagnia dell'Artiglio caccia i giocatori "buoni", mentre i Giustizieri colpiscono i "malvagi".

Il karma influenza anche il finale del gioco, nonché la possibilità di avere al seguito determinati seguaci, alcune scelte di dialogo e molti altri aspetti del gioco.

Armi[modifica | modifica wikitesto]

In Fallout 3 si possono utilizzare innumerevoli armi, ognuna di queste è divisa in una categoria: disarmato, armi da mischia (coltelli, spranghe e bastoni), armi leggere (pistole, fucili e mitragliette), armi ad energia (fucili e pistole, laser o al plasma) e armi pesanti (lanciamissili e gatling).

Nel gioco sono presenti versioni speciali delle armi normali, più difficili da ottenere, ma più potenti delle loro controparti. Inoltre reperendo alcuni progetti e i materiali necessari il protagonista può crearsi sette armi altrimenti impossibili da ottenere. Qualità fondamentale delle armi, così come di altri oggetti, è il grado di usura a cui sono sottoposte che ne influenza il funzionamento e l'efficacia.

S.P.A.V.[modifica | modifica wikitesto]

Il Sistema di Puntamento Assistito della Vault-Tec, o S.P.A.V., è un sistema di combattimento utilizzato dagli sviluppatori per sopperire alle lacune del sistema di puntamento "classico", ovvero quello di qualsiasi sparatutto in prima persona in circolazione. Inoltre è anche un modo per riallacciare il terzo capitolo di Fallout ai primi due, in cui era possibile menomare gli arti di un nemico durante le fasi di attacco. Gli attacchi in S.P.A.V. sottraggono punti azione per mirare parti specifiche del corpo dell'avversario e infliggere danni ed effetti negativi in maniera più precisa.

È da notare che il giocatore riceve molti meno danni in S.P.A.V., ma riduce più velocemente la condizione delle armi, portando il giocatore a scegliere diverse strategie a seconda della situazione.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica e vendite[modifica | modifica wikitesto]

Accoglienza
Sito media statistica Punteggio
Metacritic 91.00[7]
GameRankings 90.85[6]
Recensione Giudizio
Eurogamer 10/10[11]
GameSpy 10/10[12]
IGN 9.6/10[13]
Game Informer 9.5/10[14]
1UP.com A[15]
Edge 7/10[16]

Fallout 3 è stato acclamato universalmente sia dal pubblico che dalla critica, ottenendo una media di punteggio pari a 91 su Metacritic[7] e 90 su GameRankings.[6] Dopo appena una settimana dalla sua uscita, Fallout 3 ha venduto 4.7 milioni di copie portando incassi per un totale di 300 milioni di dollari.[9] A distanza di diversi anni, contando il totale tra le vendite su Xbox 360 e PlayStation 3, Fallout 3 ha superato le 8 milioni di copie vendute.[17] Con un distacco di quasi sette anni, grazie all'annuncio di Fallout 4 e alla sua presentazione all'Electronic Entertainment Expo 2015, le vendite di Fallout 3 (insieme a quelle di Fallout: New Vegas) sono aumentate fino al 700%.[18]

Eredità videoludica[modifica | modifica wikitesto]

I consensi che Fallout 3 ha raccolto negli anni e l'eredità che si è lasciato dietro sono stati molti: nonostante non fosse uscito quell'anno, Fallout 3 vinse il premio di "Ultimate Game of the Year" del 2009, assegnatogli dai Golden Joystick Awards, la più antica premiazione videoludica del mondo.[19] Tim Cain, ex sviluppatore di Interplay Entertainment e game director di Fallout e Fallout 2, ha completato Fallout 3 in più modi per sperimentarne la qualità, ritenendosi più che soddisfatto del lavoro di Bethesda, seppure ha ammesso che qualcosa del gioco avrebbe personalmente cambiato; ha infatti affermato che «[Fallout 3] mostra la loro profonda conoscenza e comprensione degli aspetti chiave dei giochi originali».[20] IGN ha inserito Fallout 3 al 10º posto nella lista dei 100 migliori videogiochi di ruolo di tutti i tempi, ponendolo davanti anche ad altri capolavori Bethesda, come The Elder Scrolls III: Morrowind e The Elder Scrolls IV: Oblivion, e non-Bethesda come Diablo, Neverwinter Nights e Baldur's Gate; affermando che «Fallout 3 è l'epitome del videogioco di ruolo moderno e profondo. L'archetipo che molti sviluppatori dovranno seguire negli anni a venire».[21]

Fallout 3 vi ha spinto a fare ciò che volevate, quando lo volevate. È un RPG occidentale davvero speciale, con una trama post-apocalittca e profonda, personaggi memorabili e l'enfasi sulla scelta. Anni sono passati e ancora non è stato surclassato da altri esponenti del suo stesso genere.[8]
IGN, Top 100 Games of a Generation

Nel 2013 è stato inoltre inserito alla 5° posizione nella lista dei 100 migliori giochi che hanno definito la 7° generazione.[8] L'antagonista principale di Fallout 3, John Henry Eden, è stato posizionato al numero 35 della pubblicazione dei 100 migliori cattivi della storia dei videogiochi, elogiato per la sua stravaganza, natura di esistenza e il modo in cui il giocatore può agire e relazionarsi nei suoi confronti.[22]

L'impatto del gioco lasciato sul pubblico, lo stile retro-futuristico e steampunk, la sua originalità e l'alto tasso di violenza hanno permesso che in poco tempo, tramite i social network come Facebook, diventasse un fenomeno di Internet ad alta diffusione.[23][24] Inoltre è diventato nel corso degli anni, uno dei videogiochi più moddati dagli utenti PC, grazie all'espansione G.E.C.K. distribuita proprio da Bethesda Softworks che ha reso il gioco virtualmente infinito.[25] Fallout 3 ha anche ispirato lo scrittore Tullio Avoledo per creare il "nuovo mondo" del 2028 nel libro L'anno dei dodici inverni.[26]

All'inizio degli anni 2010 Fallout 3 si è trovato al centro di una curiosa vicenda che non ha fatto altro che confermare il suo impatto sul pubblico di internet: la questione della "Number Station". Secondo tale teoria, compiendo determinate azioni nel gioco, fra cui uccidere Tre Cani, è possibile trasformare Galaxy News Radio in una number station ad onde corte: la voce del doppiatore di Tre Cani dirà una serie di cifre seguite da una serie di suoni.[27] Secondo alcune interpretazioni i numeri indicherebbero una data militare e i suoni sarebbero un messaggio in codice Morse: si tratterebbe di previsioni che, fra le altre cose, anticiperebbero la morte dalla regina d'Inghilterra Elisabetta II il 19 marzo 2014, rivelatasi quel giorno irreale, la vittoria da parte di Britney Spears di un Premio Oscar nel 2026 e, probabilmente, la fine del mondo, il 6 luglio 2027.[27]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

« Quando abbiamo iniziato a lavorare a Fallout 3 nel 2004, avevamo ovviamente grandi idee su cosa inserire nel gioco e ho parlato con molte persone al di fuori dell'azienda, da ex-sviluppatori a giornalisti, a fan. Cosa lo rende speciale? Quali sono le caratteristiche chiave che tutti vorrebbero trovare in una versione nuova? Le risposte? Varie, a dir poco. Ma poi la conclusione sempre quella, con quell'aria paternalistica e la pausa ad effetto: "Ma non rovinate tutto".[28] »
(Todd Howard, game director di Fallout 3)
Todd Howard, direttore del gioco, è stato il principale responsabile della creazione delle meccaniche di gioco di Fallout 3

Fallout 3 era inizialmente in fase di sviluppo da Black Isle Studios, uno studio di proprietà di Interplay Entertainment, che si era già occupata della creazione di Fallout e Fallout 2. Era in lavorazione con il nome in codice di Van Buren. Interplay Entertainment, i cui problemi finanziari iniziarono già nel 1998, dichiarò la bancarotta nel 2004, prima che Black Isle Studios potesse completare il progetto, e la licenza per sviluppare Fallout 3 fu venduta il 13 ottobre dello stesso anno, per un anticipo di 1.175.000 dollari, a Bethesda Softworks, lo studio principalmente conosciuto come lo sviluppatore della serie The Elder Scrolls.[29] Vlatko Andonov, presidente di Bethesda Softworks, affermò con entusiasmo «Siamo estremamente emozionati di avere quest'opportunità, per tutto ciò che rappresenta per noi e per i fan di Fallout in tutto il mondo».[30]

Bethesda decise però di sviluppare Fallout 3 ripartendo da zero, senza usare i concept di Van Buren e nemmeno altro materiale creato da Black Isle Studios. Di Van Buren rimarrà solo una demo scaricabile e giocabile gratuitamente.[31] La direzione dello sviluppo di Fallout 3 sarebbe stata in mano a Todd Howard, già influente personalità di Bethesda e game director di The Elder Scrolls III: Morrowind e di The Elder Scrolls IV: Oblivion; il ruolo di concept artist principale sarebbe andato ad Adam Adamowicz, unitosi a Bethesda nel 2005,[32] mentre la colonna sonora sarebbe stata composta da Inon Zur.[33]

Bethesda aveva in programma di iniziare lo sviluppo di Fallout 3 nel luglio 2004, tuttavia lo sviluppo effettivo iniziò solamente dopo l'uscita di The Elder Scrolls IV: Oblivion, come affermò lo stesso Todd Howard nel 2007: «Abbiamo iniziato a lavorare [su Fallout 3] alla fine del 2004 con alcune persone. Avevamo solamente circa 10 persone a lavorarci, fino a quando Oblivion era in sviluppo, ma ora la maggior parte del nostro personale è concentrato su Fallout 3.»[34] L'intento era di sviluppare il gioco ovviamente seguendo la storia degli altri due capitoli precedenti, ma cercando di rendere il gioco meno lineare, con una trama molto coinvolgente, una modalita di gioco che permettesse sia di dare libero sfogo alla libertà del giocatore, ma che lasciasse al tempo stesso la capacità di riprendere in qualsiasi momento il proseguimento della missione principale: «Il giocatore può fare tutto ciò che vuole all'interno del mondo di gioco, che è liberamente esplorabile, ma in ogni istante è possibile rientrare sui binari della missione principale», disse Pete Hines.[35] Bethesda affermò anche che il gioco sarebbe stato mirato per un pubblico prettamente adulto, per non rinunciare anche alle tematiche violente che avevano sempre caratterizzato la serie Fallout;[36] tuttavia, data la presenza di bambini nel gioco, si sarebbe optato per la decisione di non permetterne l'uccisione o anche la semplice inflizione di danno - «Abbiamo iniziato a pensare: che vantaggio ci sarebbe nell'uccidere dei bambini? Mi sembra solo violenza gratuita, inutile e crudele.» così Emil Pagliarulo ha commentato la scelta finale di Bethesda per Fallout 3.[37] Nel gioco, allo scopo di aumentare temporaneamente le statistiche del giocatore come nei precedenti capitoli, sarebbe stato possibile l'utilizzo di svariate droghe; Bethesda avrebbe voluto utilizzare nomi "reali" per quest'ultime, ma data la pressione dell'opinione pubblica ha preferito optare per lasciarne i nomi immaginari originali stabiliti nella saga.[38] Inizialmente per doppiare l'antagonista John Henry Eden non fu scelto Malcolm McDowell, ma Bill Clinton; nonostante il rifiuto da parte di quest'ultimo, la scelta non fu casuale, in quanto J.H. Eden è l'immaginario presidente degli Stati Uniti d'America nel 2277, mentre Clinton lo è stato davvero dal 1993 al 2001.[39]

In poco tempo Bethesda acquisì interamente tutta la saga di Fallout per 5.75 milioni di dollari[40] e durante l'E3 2007 presenta le prime immagini di gioco e mostra le meccaniche del gioco in azione.[41] Tuttavia, come ammise lo stesso Hines nel 2007: «Siamo a buon punto nello sviluppo del gioco. Il team è cresciuto molto, ma ci vorrà ancora un po'. Come per tutti i nostri giochi, specialmente quelli "grossi", non vogliamo parlarne finche non possiamo mostrarveli realmente»[42] e difatti ben più corposa fu invece la presentazione all'E3 2008, dove durante la conferenza Microsoft furono mostrati il video ufficiale di Fallout 3 e alcune demo in tempo reale in occasione della sua uscita fissata per ottobre dello stesso anno.[43]

Comparto tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Fallout 3 è stato realizzato con la stessa tecnologia del precedente gioco di Bethesda Softworks, utilizza infatti il motore fisico Havok, la Radiant A.I.[44] e il medesimo motore grafico, il Gamebryo 2.6, con tutte le sue particolarità viste in precedenza.[45]

Il comparto in generale è stato rivisto e le differenze tra le versioni su console si sono molto affievolite, rispetto a quelle che erano in Oblivion: la risoluzione nativa del gioco è 1280x720 pixel su entrambe le console; mentre su Xbox 360 con lo stesso motore grafico, in Oblivion, la risoluzione nativa era stata drasticamente ridotta a 1024x600 pixel.[46] La versione Xbox 360 vanta inoltre di un MSAA 4x, non presente invece sulla versione PlayStation 3.[47]

Tuttavia persistono su Xbox 360 i gravi problemi di texture mapping, già visti anche in Oblivion; che sarebbero poi stati risolti con una patch distribuita da Bethesda il 5 marzo 2009.[48]

Colonna sonora e doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Per il doppiaggio inglese del gioco sono stati scelti attori di prim'ordine tra cui Liam Neeson, la voce di James (padre del protagonista), Ron Perlman, voce storica del narratore e Malcolm McDowell nel ruolo della voce del presidente Eden.[49] La colonna sonora comprende un totale di 30 brani appositamente concepiti per il gioco ed è stata interamente composta da Inon Zur,[50] già autore di colonne sonore di altri giochi come Syberia II, Prince of Persia: I due troni e Crysis.[33] Inoltre nel gioco sono state inserite svariate canzoni che coprono un arco di tempo tra gli anni trenta e gli anni cinquanta del XX secolo, di modo da centrare perfettamente il contesto visivo e sonoro del gioco; e degli artisti vi sono alcuni come Cole Porter, The Ink Spots, Roy Brown, Danny Kaye, Billie Holiday e The Andrews Sisters.[51]

Contenuti adulti e censura[modifica | modifica wikitesto]

In un'intervista Todd Howard, ha confermato la presenza di contenuti adulti: scene splatter che inquadrano le evidenti mutilazioni dei nemici con rilascio di gibs; oltre a schiavitù e cannibalismo.[52]

Il videogioco è stato censurato in Australia, dove ne è stata vietata la commercializzazione per via delle molte situazioni che spingono il giocatore alla violenza, questo è dovuto al fatto che in Australia non esiste il rating "18+" e tutti i giochi per adulti vengono censurati o, se non c'è modo per eliminare il contenuto, ne viene vietata la vendita.[53]

Un'ulteriore censura, operata nel territorio Giapponese, ha rimosso dal gioco la quest secondaria Il potere dell'atomo; il cui scopo (che potrà ovviamente variare in base alle scelte del giocatore) è assecondare i piani del Sig. Burke che ha intenzione di far detonare un ordigno nucleare, presente nella città di Megaton. Tra l'altro l'ordigno inesploso è l'esatta copia della bomba Fat Man, sganciata sulla città di Nagasaki. Sempre nella versione destinata al mercato asiatico è stato cambiato il nome del mini cannone nucleare chiamato Fat Man, un altro riferimento all'ordigno nucleare sganciato sulla città di Nagasaki durante la seconda guerra mondiale. Il nuovo nome utilizzato è Nuke Launcher.[54]

La censura apportata in Germania ha eliminato il sangue e la possibilità di mutilare i personaggi, oltre a rimuovere diversi riferimenti alla violenza esplicita, per esempio l'abilità "carneficina" è stata trasformata in "50% di danno aggiuntivo in S.P.A.V.",[55] questa censura è presente anche nell'edizione francese.

Espansioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di dicembre 2008 la Bethesda ha prodotto un editor (G.E.C.K) per il gioco, ed ha annunciato successive espansioni, distribuite a partire da gennaio 2009. Le espansioni sono Operation: Anchorage, The Pitt, Broken Steel, Point Lookout e Mothership Zeta. Nella versione Game of the Year Edition del gioco sono incluse tutte le 5 espansioni.

Operation: Anchorage[modifica | modifica wikitesto]

Operation: Anchorage è la prima espansione di Fallout 3 che aggiunge il tocco "guerra moderna", tramite una simulazione di guerra nel lontano 2076, tra Cina e Stati uniti. Le missioni legate a questa espansione sono attivabili rispondendo a un messaggio radio dei Rinnegati, andando verso il loro avamposto il personaggio potrà attivare una simulazione militare della guerra in Alaska che portata a termine permetterà di aprire una porta sigillata ermeticamente nella base dei Rinnegati che cela oggetti tecnologici. La simulazione funziona in maniera leggermente differente dal normale gameplay del gioco senza però cambiare niente di essenziale.

The Pitt[modifica | modifica wikitesto]

Logo di The Pitt

The Pitt è la seconda espansione di Fallout 3, porta il protagonista in una mappa totalmente nuova ed esplorabile, le rovine della vecchia Pittsburgh. È attivabile ascoltando una richiesta d'aiuto via radio di un uomo chiamato Wernher. Costui chiederà l'aiuto del giocatore per liberare il Pitt dagli schiavisti. Il compito del giocatore potrà variare con le scelte effettuate durante lo svolgimento della trama e saranno influenzate dal sistema karma. Come tutte le espansioni questa contiene una serie di oggetti aggiuntivi e abilità extra che verranno messe a disposizione del giocatore.

Broken Steel[modifica | modifica wikitesto]

Logo di Broken Steel

Gli avvenimenti di Broken Steel iniziano due settimane dopo il termine della quest principale, quando il protagonista si risveglia da uno stato di coma. Il giocatore si ritrova nella Cittadella e Lyons l'Anziano lo informa a proposito della nuova missione della Confraternita dell'Acciaio: distruggere completamente le rimanenti basi dell'Enclave, che dopo la caduta di Raven Rock sono disorganizzate e senza un comando centrale. Questa espansione introduce la possibilità di avanzare fino al trentesimo livello con tutto ciò che ne consegue: nuove abilità extra ma anche nuovi nemici da fronteggiare. Prima dell'uscita di Broken Steel il gioco terminava con lo svolgimento della quest principale, mentre è ora possibile continuare ad esplorare la zona contaminata di Washington anche dopo aver eseguito l'ultima missione.

Point Lookout[modifica | modifica wikitesto]

Logo di Point Lookout

In questa nuova espansione con ambientazione sudista il giocatore verrà catapultato nelle paludi di Point Lookout, sulla foce del fiume Potomac. L'avventura inizia nel momento in cui il protagonista decide di imbarcarsi su una nave alla volta di nuove avventure. Troverà qui nuove fazioni con cui allearsi o da combattere oltre nuovi oggetti e nemici, lo scopo e quello di eseguire o meno un rituale. Come nemici troverà dei mutanti bifolchi.

Mothership Zeta[modifica | modifica wikitesto]

Logo di Mothership Zeta

Questa espansione aumenta i confini del gioco teletrasportando il giocatore su una navicella aliena visitando un luogo presente nella zona contaminata di Washington dopo aver seguito un misterioso segnale radio. Il protagonista dovrà trovare il modo di scappare dalla navicella e tornare sulla terra con l'aiuto di nuovi personaggi, nuove armi e nuove abilità.

Riferimenti e citazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel videogioco sono presenti molte citazioni riguardanti il nome di Nikola Tesla, legate soprattutto ad armi di fantasia.
  • Gli sviluppatori, tra i numerosissimi Easter egg, hanno inserito le rovine della sede della Bethesda, liberamente visitabili e colonizzate da dei predatori.
  • Le auto presenti nel gioco si basano sul modello Ford Nucleon, un prototipo di auto progettato negli anni cinquanta alimentato da un generatore nucleare.
  • Nell'espansione The Pitt è disponibile un'armatura chiamata "Ribelle di Cuoio" (Leather Rebel), il cui nome fa riferimento alla omonima canzone dei Judas Priest.
  • Nell'espansione Point Lookout vi è un libro maledetto e misterioso denominato Krivbeknih (riferimento al Necronomicon, il fantomatico libro dei morti), che il giocatore dovrà rubare ad un gruppo di tribali che compiono sacrifici umani e poi distruggerlo in un luogo chiamato Dunwich Building (sempre riferito alle opere di Howard Phillips Lovecraft).
  • All'interno del gioco si può trovare anche un'arma chiamata Rasoio di Occam, che prende evidentemente il nome dal principio metodologico espresso da Guglielmo di Occam nel XIV secolo.
  • Si possono trovare anche citazioni su Conan il barbaro, Blade Runner e giochi precedenti della Bethesda come The Elder Scrolls IV: Oblivion.
  • Ogni volta che si è ucciso un nemico, è possibile ridurlo a brandelli usando armi da fuoco o armi contundenti. In questo modo, si potranno spostare gli arti della persona morta in qualsiasi luogo vogliate.
  • La maggior parte delle armi è di fantasia e alcune ispirate ad armi realmente esistenti come il fucile d'assalto cinese che è ispirato alle caratteristiche di armi da fuoco come il Type 56, l'AKM, il IMI Galil e la RPD o il fucile da caccia che è ispirato al Remington 700, al Winchester Model 70 e allo Springfield M1903. Inoltre il fucile d'assalto è da considerarsi a tutti gli effetti come Heckler & Koch G3.
  • Il robot Eyebot dell'Enclave è molto simile alla sonda spaziale russa Sputnik 1.
  • Nel telefilm Jericho, nella settima puntata della prima stagione "Lunga vita al Sindaco", Heather consiglia, scherzosamente, a Jake di non farsi uccidere dalle "formiche radioattive giganti", cosa che richiama fortemente il videogioco.
  • Nel 2012 la band tedesca Orden Ogan ha pubblicato l'album To The End e il videoclip della terza traccia intitolata The Things We Believe In è ispirato completamente a Fallout 3; infatti all'inizio del video è presente il primo piano di un uomo con indosso un'armatura atomica e al minuto 2.16 si può scorgere uno striscione rosso della Nuka Cola.
  • L'insediamento di Arefu nel gioco viene attaccato da un gruppo di vampiri chiamato La Famiglia, riferimento al celebre libro Io sono leggenda e al secondo film tratto dallo stesso, 1975: Occhi bianchi sul pianeta Terra.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Fallout 3, PC, su GameFaqs. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  2. ^ a b Fallout 3, 360, su GameFaqs. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  3. ^ a b Fallout 3, PS3, su GameFaqs. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  4. ^ I requisiti di sistema di Fallout 3 PC, su Multiplayer.it, 2008. URL consultato il 15 febbraio 2016.
  5. ^ Fallout 3, su ESRB.org. URL consultato il 1º novembre 2015.
  6. ^ a b c Fallout 3, su GameRankings. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  7. ^ a b c Fallout 3, su Metacritic. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  8. ^ a b c #5. Fallout 3 - Top 100 Games of a Generation, su IGN, 2013. URL consultato il 15 febbraio 2016.
  9. ^ a b Manolo De Agostini, Fallout 3, accoglienza sopra le righe, su Tom's Hardware, 6 novembre 2008. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  10. ^ Le radiazioni oltre a immunizzarli e a diventare parte di essi, hanno donato loro una straordinaria capacità di rigenerare, a velocità assurde, le cellule prima che esse muoiano, rendendoli così biologicamente immortali. Una capacità che possiedono anche i supermutanti.
  11. ^ Kristan Reed, Fallout 3 • Page 2, su Eurogamer, 28 ottobre 2008. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  12. ^ Will Tuttle, Fallout 3, su GameSpy, 27 ottobre 2008. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  13. ^ Fallout 3, su IGN, 28 ottobre 2008. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  14. ^ Game Informer: Fallout 3 Review, su N4G. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  15. ^ Demian Linn, Fallout 3 Review, su 1UP.com, 29 ottobre 2008. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  16. ^ Edge: Fallout 3 Review, su N4G. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  17. ^ Fallout 3, su VGChartz. URL consultato l'11 aprile 2015.
  18. ^ Alessandro Baravalle, L'annuncio di Fallout 4 spinge le vendite di Fallout 3 e Fallout: New Vegas, su Eurogamer, 5 giugno 2015. URL consultato il 25 giugno 2015.
  19. ^ Giorgio Melani, Fallout 3 è il gioco dell'anno per i Golden Joysticks, su Multiplayer.it, 2009. URL consultato il 15 febbraio 2016.
  20. ^ Ludovica Lagomarsino, Gli sviluppatori di Fallout avrebbero cambiato qualcosa del 3, su Multiplayer.it, 2009. URL consultato il 15 febbraio 2016.
  21. ^ Fallout 3 - IGN Top 100 RPGs of All Time, su IGN. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  22. ^ The Top 100 Videogame Villains, su Listal. URL consultato il 15 febbraio 2016.
  23. ^ Fallout 3, su Meme Generator, 10 febbraio 2011. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  24. ^ Fallout, su Know Your Meme, 30 luglio 2011. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  25. ^ Kenneth Cummings, 10 Best Fallout 3 Mods That Give It Endless Replayability, su WhatCulure. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  26. ^ Alex Tonelli, Una passeggiata nell'opera di Tullio Avoledo, su T H E : N e X T : S T A T I O N, 31 dicembre 2011. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  27. ^ a b Fallout 3: Numbers Station, su Creepypasta. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  28. ^ Todd Howard, Bentornati in Fallout, su Fallout.com, 2008. URL consultato il 4 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2008).
  29. ^ Interplay, su Electronic Data Gathering, 13 ottobre 2004. URL consultato il 7 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 27 luglio 2007).
  30. ^ Thor Thorsen, Bethesda developing and publishing Fallout 3, su GameSpot, 12 luglio 2004. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  31. ^ Download Van Buren Tech Demo (Cancelled Fallout 3 Project), su Game Watcher. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  32. ^ Adam Adamowicz, 1968-2012, su BethSoft.com. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  33. ^ a b Inon Zur, su IMDb. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  34. ^ Fallout 3 360-bound?, su GameSpot, 23 gennaio 2007. URL consultato il 15 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2012).
  35. ^ Hines descrive il gameplay di Fallout 3 come "caos organizzato", su Multiplayer.it, 4 settembre 2008. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  36. ^ Stuart Nishop, Fallout, hookers and adult content, su Gamesrafar, 16 agosto 2007. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  37. ^ Simon Parkin, Opinion: 'Fallout 3 - I Kill Children', su Gamasutra, 31 ottobre 2008. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  38. ^ La versione australiana di Fallout 3 sarà quella worldwide, su Multiplayer.it, 2008. URL consultato il 15 febbraio 2016.
  39. ^ Giorgio Melani, Bill Clinton era stato scelto come Presidente Eden in Fallout 3, su Multiplayer.it, 2009. URL consultato il 15 febbraio 2016.
  40. ^ Brandon Boyer, Fallout IP Sold To Bethesda, su Gamasutra, 23 aprile 2007. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  41. ^ Steve Butts, Pre-E3 2007: Fallout 3 First Look, su IGN, 1º luglio 2007. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  42. ^ Jason Dobson, Q&A: Bethesda Talks Oblivion Franchise, Star Trek, Fallout 3, su Gamasutra, 23 gennaio 2007. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  43. ^ Randolph Ramsay, E3 2008: Fallout 3 Microsoft Conference Impressions, su GameSpot, 14 luglio 2008. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  44. ^ Radiant A.I., su Gaint Bomb. URL consultato il 7 ottobre 2014.
  45. ^ Marc Sauter, Gamebryo Engine in visual comparison: Oblivion, Fallout 3 and Divinity 2, su PC Games Hardware, 27 agosto 2009. URL consultato il 7 ottobre 2014.
  46. ^ Richard Leadbetter, Console War - Fallout: New Vegas, su Eurogamer, 7 novembre 2010. URL consultato il 6 ottobre 2014.
    «Il motore di The Elder Scrolls IV: Oblivion fu sostanzialmente migliorato prima che ritornasse in Fallout 3; la terribile risoluzione 1024x600 di Oblivion fu aumentata a 720p nativi».
  47. ^ Richard Leadbetter, Skyrim: analisi tecnica, su Eurogamer, 23 novembre 2011. URL consultato il 6 ottobre 2014.
    «Su Xbox 360 [...] abbiamo un multi-sample anti-aliasing (MSAA) selettivo a 4X che, in concomitanza con la risoluzione a 1280x720, restituisce lo stesso risultato di Fallout 3.».
  48. ^ Giorgio Melani, La patch di Fallout 3 migliora la grafica della versione Xbox 360, su Multiplayer.it, 5 marzo 2009. URL consultato il 12 marzo 2015.
  49. ^ Fallout 3 (2008 Video Game), su IMDb. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  50. ^ Fallout 3 (video game soundtrack), su MusicBrainz. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  51. ^ Joshua Auriemma, Fallout 3 Song List, su Legal Geekery, 8 novembre 2008. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  52. ^ Fan Interviews, su Bethesda Softworks, 14 settembre 2007. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  53. ^ L'Australia rifiuta la classificazione di Fallout 3, su Multiplayer.it, 9 luglio 2008. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  54. ^ Fallout 3 censurato in Giappone, su Multiplayer.it, 11 novembre 2008. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  55. ^ Robert Zetzsche, Fallout 3 in Deutschland gekürzt, su Eurogamer, 23 agosto 2008. URL consultato il 6 ottobre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]