Falco Accame

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Falco Accame
Falco Accame.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature VII, VIII
Gruppo
parlamentare
PSI
Collegio Genova
Incarichi parlamentari
  • Presidente della 7a Commissione (Difesa) dal 27 luglio 1976 al 26 luglio 1978
  • Componente della 7a Commissione (Difesa) dal 5 luglio 1976 al 19 giugno 1979 e dall'11 luglio 1979 all'11 luglio 1983
  • Vicepresidente della 7a Commissione (Difesa) dal 19 novembre 1980 al 15 luglio 1981
  • Componente della Commissione Parlamentare d'inchiesta e di studio sulle commesse di armi e mezzi ad uso militar e sugli approvvigionamenti dal 19 maggio 1982 all'11 luglio 1983
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico PSI
Professione Militare

Falco Accame (Firenze, 17 aprile 1925) è un ammiraglio e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È stato ufficiale superiore di Marina e comandante del cacciatorpediniere Indomito fino al luglio 1975.

È stato eletto alla Camera dei deputati prima nel 1976 e poi nel 1979 tra le file del Partito Socialista Italiano.

Ha svolto l'incarico di consigliere alla Regione Liguria e al Comune di Roma ed è stato Consigliere Nazionale di Legambiente.

Attualmente è presidente della Ana-Vafaf, Associazione che tutela le famiglie dei militari deceduti in tempo di pace; con quest'associazione s'è occupato fra l'altro delle conseguenze che l'uso di armamenti contenenti uranio impoverito ha provocato sui soldati italiani nelle missioni in Libano, Iraq, Bosnia ed Erzegovina, Somalia e Kosovo[1].

È anche Presidente onorario del Centro di Iniziative per la Verità e la Giustizia - CIVG.

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN48038171 · SBN: IT\ICCU\RAVV\056804