Fadrique Álvarez de Toledo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fadrique Álvarez de Toledo.

Fadrique Álvarez de Toledo y Enríquez de Guzmán, o Don Fadrique (Lisbona, 21 novembre 153711 dicembre 1583), quarto Duca d'Alba fu un nobile e militare spagnolo, comandante dell'esercito durante la Guerra degli Ottant'Anni.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Secondogenito del Duca di ferro, Fernando Álvarez de Toledo, divenne quarto Duca d'Alba alla morte del padre, avvenuta nel 1582; fu inoltre Duca di Huesca, Marchese di Coria e Commendatore Maggiore dell'Ordine di Calatrava.

Dopo essersi rifiutato di sposare Magdalena de Guzmán, fu arrestato e imprigionato nel Castello di Medina del Campo nel 1556 e divenne in seguito comandante delle truppe spagnole durante la fase più sanguinosa della guerra nei Paesi Bassi, partecipando ai massacri di Mechelen, Zutphen e Naarden ed all'assedio di Haarlem.

Fu per tre volte, durante il periodo in cui il padre era viceré, luogotenente generale del Regno di Napoli. Durante questo periodo diede il proprio nome al Palazzo ducale di Avella.

Dopo il fallito assedio di Alkmaar fu richiamato dal padre, preoccupato del deteriorarsi della sua reputazione presso il re Filippo II di Spagna e, dopo il 1573 la salute di Don Fadrique iniziò gradualmente a peggiorare.

Si sposò tre volte senza poter avere un erede e il titolo di Duca d'Alba alla sua morte (avvenuta nel 1583), passò al nipote Antonio Álvarez de Toledo.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN87166361 · GND: (DE129722545
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie