Factory Records

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Factory Records
StatoRegno Unito Regno Unito
Fondazione1978
Fondata daTony Wilson, Alan Erasmus
Chiusura1992
Sede principaleManchester
SettoreMusicale

La Factory Records è stata una etichetta musicale indipendente con sede a Manchester, nel Regno Unito[1].

Fondata nel 1978 da Tony Wilson e Alan Erasmus, è fallita nel 1992, dopo aver contribuito fortemente alla crescita culturale di Manchester negli anni ottanta e aver introdotto profonde innovazioni nel panorama discografico indipendente. Per il nome Wilson si ispirò alla celebre The Factory di Andy Warhol.

Nell'elenco delle bands prodotte compaiono: Joy Division, New Order, Happy Mondays, A Certain Ratio, James, Durutti Column[1].

La Factory si avvaleva di un team di creativi come il produttore Martin Hannett e il grafico Peter Saville (che disegno il logo dell'etichetta) e che conferirono alla label un suono unico ed una immagine riconoscibile. Nella numerazione del catalogo compaiono quindi non solo i dischi ma anche altri vari oggetti artistici[1].

L'etichetta ha anche aperto due locali per la promozione della scena musicale locale, The Haçienda, poi chiusa definitivamente nel 1997, e Dry Bar.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Federico Giglielmi, Eddy Cilia, Le guide pratiche di RUMORE - New wave, Apache edizioni, 1995.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Federico Giglielmi, Eddy Cilia, Le guide pratiche di RUMORE - New wave, Apache edizioni, 1995.