Facelift (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Facelift
ArtistaAlice in Chains
Tipo albumStudio
Pubblicazione21 agosto 1990
Durata54:02
Dischi1
Tracce12
GenereGrunge[1]
Alternative metal[1]
Hard rock[1]
Heavy metal[1]
EtichettaColumbia
ProduttoreDave Jerden
RegistrazioneLondon Bridge Studio, Seattle e Capitol Recording Studio, Hollywood
FormatiCD, download digitale
Certificazioni
Dischi di platinoStati Uniti Stati Uniti (2)[2]
(vendite: 2 000 000+)
Alice in Chains - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1992)
Logo
Logo del disco Facelift
Singoli
  1. We Die Young
    Pubblicato: Luglio 1990
  2. Man in the Box
    Pubblicato: 1º marzo 1991
  3. Bleed the Freak
    Pubblicato: 1991
  4. Sea of Sorrow
    Pubblicato: 1992
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic 3.5/5 stelle[1]
Sputnikmusic 4/5 stelle[3]
Metal Storm 4.3/5 stelle[4]
RockAlbum.tk 8.5/10 stelle[5]
The Metal Observer 9/10 stelle[6]

Facelift è il primo album in studio del gruppo musicale statunitense Alice in Chains, pubblicato il 21 agosto 1990 dalla Columbia Records.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicato circa un anno prima di Nevermind dei Nirvana, può essere considerato l'album che ha permesso alla scena di Seattle di uscire dall'underground. Il video del brano Man in the Box venne trasmesso a rotazione da MTV e questo diede modo agli Alice in Chains di preparare il terreno alle altre band provenienti da Seattle, che successivamente, in particolare verso la fine del 1991, diedero grande visibilità al fenomeno grunge a livello mondiale.

L'album presenta già in buona parte quello che sarà in seguito il sound che contraddistinguerà la band, con influenze provenienti dall'heavy metal miscelate al suono sporco del fenomeno nascente del grunge, il tutto completato dalla voce cupa e malinconica di Layne Staley. We Die Young diventa un hit, mentre Man in the Box si guadagna una nomination ai Grammy Awards 1992.

L'album è dedicato al cantante Andrew Wood, dei Mother Love Bone.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. We Die Young – 2:32 (Jerry Cantrell)
  2. Man in the Box – 4:46 (testo: Layne Staley – musica: Jerry Cantrell)
  3. Sea of Sorrow – 5:49 (Jerry Cantrell)
  4. Bleed the Freak – 4:01 (Jerry Cantrell)
  5. I Can't Remember – 3:42 (testo: Layne Staley, Jerry Cantrell – musica: Jerry Cantrell)
  6. Love, Hate, Love – 6:27 (testo: Layne Staley – musica: Jerry Cantrell)
  7. It Ain't Like That – 4:37 (testo: Jerry Cantrell – musica: Jerry Cantrell, Mike Starr, Sean Kinney)
  8. Sunshine – 4:44 (Jerry Cantrell)
  9. Put You Down – 3:16 (Jerry Cantrell)
  10. Confusion – 5:44 (testo: Layne Staley – musica: Jerry Cantrell, Mike Starr)
  11. I Know Somethin' ('Bout You) – 4:21 (Jerry Cantrell)
  12. Real Thing – 4:03 (testo: Layne Staley – musica: Jerry Cantrell)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Steve Huey, Facelift, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 24 febbraio 2013.
  2. ^ (EN) Alice in Chains, Facelift – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 9 luglio 2015.
  3. ^ Alice in Chains - Facelift (album review 5), sputnikmusic.com. URL consultato il 9 agosto 2013.
  4. ^ Alice in Chains - Facelift, metalstorm.net. URL consultato il 9 agosto 2013.
  5. ^ Alice in Chains: “Facelift” (1990), rock8090.wordpress.com. URL consultato il 9 agosto 2013.
  6. ^ Review - ALICE IN CHAINS - Facelift, metal-observer.com. URL consultato il 9 agosto 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Heavy metal Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal